banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAmbienteBP: le auto a idrogeno non hanno futuro

    BP: le auto a idrogeno non hanno futuro

    Il gigante petrolifero BP, in fase di transizione, vede un grande futuro per l’idrogeno, ma non nel settore dei trasporti individuali. Lo riferisce lo Spiegel online, in riferimento a un rapporto dell’importante società. 

    Secondo il rapporto, BP prevede una quota di auto a idrogeno pari allo zero (!) per cento sia per il 2035 che per il 2050. È più probabile che un piccolo numero di veicoli funzionerà con biocarburante o CNG piuttosto che con l’H2, osserva BP.

    Per l’anno 2050, BP ipotizza che quasi tre quarti delle auto saranno completamente elettriche, non solo in Germania, ma in tutto il mondo. Il resto sarà ancora alimentato da prodotti petroliferi, prevede BP, che ha messo nel suo radar i Paesi in cui l’elettrificazione dei trasporti sarà probabilmente particolarmente difficile da attuare.

    Due scenari meno ambiziosi

    Secondo lo Spiegel online, esistono anche scenari alternativi per il caso in cui le emissioni di CO2 vengano ridotte solo del 30 o del 75%. In questo caso, le auto a idrogeno compaiono nelle previsioni, anche se con percentuali irrisorie dello 0,3% e dello 0,6% nel 2050. Ma anche in questo caso, la previsione per il 2035 è dello 0,0%. I fan della tecnologia di propulsione dovranno quindi pazientare ancora a lungo fino a quando, secondo BP, non ci sarà l’idoneità quotidiana per una flotta significativa di veicoli a idrogeno.

    Bp: le auto a idrogeno non hanno futuro | elettronauti. It
    Stazione di distribuzione mista fonte total | elettronauti It

    Ciononostante, l’azienda vuole produrre presto più di mezzo milione di tonnellate di idrogeno verde all’anno. Tuttavia, BP punta a fornire energia all’industria siderurgica e chimica o alle proprie raffinerie di petrolio, nonché alla navigazione e all’aviazione e al trasporto di merci pesanti. Nello scenario più ottimistico di BP, l’idrogeno potrebbe rappresentare fino al 10% della quota di mercato del trasporto pesante nel 2035 e fino al 30% nel 2050. Ma BP parte anche dal presupposto che la stragrande maggioranza degli autocarri sarà a batteria.

    BMW esamina la produzione di serie

    Lo Spiegel online ha recentemente chiesto a nove costruttori e gruppi con 30 marchi automobilistici quali tecnologie di propulsione intendessero utilizzare nel breve e medio termine. Nessuno di loro ha menzionato la propulsione a celle a combustibile o addirittura la combustione a idrogeno. Solo BMW ha valutato se la iX5 Hydrogen – finora solo una produzione su piccola scala per i fan dell’idrogeno come Hubert Aiwanger – potrebbe passare alla produzione di serie. Attualmente, in Germania sono disponibili solo la Toyota Mirai e la Hyundai Nexo con celle a combustibile.


    Qual’è il vostro punto di vista sull’adozione dell’idrogeno come fonte di energia da utilizzare per alimentare le autovetture?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.

    Elon Musk: potrebbe essere giunta l’ora di uno Smartphone X

    Se ne è già parlato tempo fa in ambito tech. Sappiamo tutti che Elon Musk è una persona abbastanza imprevedibile. Oggi dice una cosa...