banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAcademyE-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    Prima di rispondere dando un’affermazione con “si” o “no”, bisogna assolutamente avere chiaro di cosa si sta parlando e qui non siamo a fare le solite quattro chiacchiere al bar con “Ammiocugino”, pertanto mettevi comodi e leggete fino in fondo! Mi rivolgo sia ai proprietari di auto ibride e al 100% “full” elettriche, ma anche alle società di flotte di mezzi aziendali, ai datori di siti dedicati alla riparazione di veicoli (industriali, auto, moto). Va da sé che anche i proprietari di imbarcazioni ibride ed elettriche e di conseguenza i cantieri nautici sono interessati da quanto riportato in questo articolo.

    I sistemi di accumulo dell’energia, le aree di produzione di veicoli a trazione ibrida o le aree di parcheggio con stazioni di ricarica come anche le autorimesse e officine hanno qualcosa in comune: le batterie agli ioni di litio. Le batterie agli ioni di litio ci stanno preparando per un futuro incentrato sulla mobilità elettrica, fornendo una fonte di alimentazione compatta ampiamente diffusa nei dispositivi elettronici personali. Smartphone, laptop, tablet, utensili elettrici, elettrodomestici senza fili, monopattini elettrici, le e-bike, droni, natanti, auto ibride Plug-In e 100% elettriche, rispecchiano il nostro stile di vita moderno.

    Questa nuova tecnologia porta nuove sfide che richiedono soluzioni innovative

    Sebbene queste batterie al litio sono strumenti efficienti, possono diventare instabili in determinate condizioni soprattutto quelle composte da celle nichel manganese cobalto, Li-NMC. Nonostante le innumerevoli sicurezze, se prende fuoco un auto (che sia essa ibrida o elettrica), tutte le altre automobili presenti in quel momento in una officina possono diventare loro malgrado legno da ardere e bruciando diventare inevitabilmente delle carcasse fumanti che rilasciano gas infiammabili e tossici. Un tale danno renderebbe inagibile qualsiasi edificio un vero disastro anche dal punto di vista ambientale.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    Lautovettura ibrida ha preso fuoco dopo aver urtato un massello leggermente rialzato copia | elettronauti It

    Per eseguire un tagliando o una diagnosi completa, le auto elettriche hanno bisogno di avere un pacco batteria carico almeno al 30%. Per effettuare una diagnosi sul caricatore o sul circuito di raffreddamento del powertrain, bisogna mettere in carica il veicolo.

    Dove c’è una infrastruttura di ricarica è sempre consigliato di avere nei pressi, un estintore che sia in grado di spegnere e contenere il rischio di propagazione dell’incendio negli ambienti circostanti.

    Un incendio può scoppiare in un veicolo termico se il motore del veicolo non funziona correttamente o se c’è un cortocircuito nel cablaggio o nel sistema frenante. Anche il sistema di alimentazione dell’auto può perdere benzina sul motore caldo e provocare un incendio.

    Torniamo al titolo e vediamo cosa dice la legge riguardo ad avere o meno un estintore a bordo del veicolo. Le norme antincendio per i natanti e le imbarcazioni da diporto obbligano di avere a bordo estintori mobili fin da subito (basta superare i 300 metri dalla costa), gli automezzi pesanti adibiti al trasporto di merci devono essere dotati di estintori. A oggi la legislazione italiana non rende obbligatoria la presenza di un estintore nelle auto e questo vale sia per i veicoli termici che per i modelli elettrici.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    Gli edifici devono essere dotati di estintori portatili | elettronauti It

    Perché dotare la propria auto di un estintore anche se non è obbligatorio?

    Prima di tutto, può essere saggio avere un estintore all’interno del veicolo per poter rallentare, o addirittura estinguere l’inizio di un incendio, ma anche per non vedere il veicolo esplodere in caso di incendio di carburante.

    In secondo luogo, e soprattutto, il vantaggio di possedere un estintore è la possibilità di salvare la vita delle persone intrappolate nell’abitacolo mentre arrivano le squadre di soccorso. Un estintore può rallentare o spegnere le fiamme e il fumo, che possono essere dannosi. Un’auto che ha subito una collisione di solito può essere riparata. Questo non è il caso di un veicolo che è bruciato.

    La sicurezza deve essere una costante soprattutto quando si tratta di flotte aziendali che macinano parecchi chilometri. Consiglio vivamente di dotare i loro veicoli di un estintore nell’abitacolo, che sia facilmente accessibile per poter essere utilizzato rapidamente in caso di emergenza.

    Un’altra cosa che desidero segnalare a voi lettori, se questa distinzione tra auto privata e auto aziendale può sollevare interrogativi, è ancora più sorprendente notare che molti dei nostri vicini europei, forse più lungimiranti, hanno optato per un obbligo radicale. Questi paesi richiedono la presenza di un estintore in tutti i veicoli immatricolati sul loro territorio. Ciò è particolarmente vero per la Germania, il Belgio, la Spagna e persino la Finlandia. Persino i nostri cugini francesi obbligano la presenza di estintori nelle flotte aziendali e questa decisione potrebbe prossimamente evolversi.

    Sebbene non sia obbligatorio essere muniti di estintore per guidare in questi paesi se non si è immatricolati, negli stessi. Che siate d’accordo o meno, la cosa più sensata è acquistare un estintore per contrastare il rischio anche se minimo di eventuali incendi delle batterie agli ioni di litio che possono verificarsi a bordo per esempio di un veicolo ibrido plug-in. L’estintore da 1 o 2 kg è particolarmente indicato per incendi di piccola entità. Si consiglia di riporlo a portata di mano, per esempio posizionando sotto il sedile del passeggero anteriore.

    I negozi di assistenza a bici e monopattini, e le officine di moto elettriche devono cautelarsi perché le batterie al litio possono presentare dei difetti di progettazione o di fabbricazione delle celle e se non si prendono le dovute precauzioni. Per contrastare un principio d’incendio che può facilmente propagarsi, si consiglia di munirsi di estintori portatili da 6 kg.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    E bike motociclette e monopattini elettrici sono a rischio incendio | elettronauti It

    Il settore che include auto, furgoni, camion, autobus è composto da carrozzerie, officine, concessionarie e depositi auto che non possono abbassare la guardia. Un autoriparatore non può improvvisare se accoglie in officina un’auto elettrica o ibrida che per esempio deve fare un semplice tagliando. La manutenzione ordinaria e straordinaria, rispetto ad una vettura con motore termico, richiede un’attenzione particolare. Bisogna essere formati e informati sulle misure di sicurezza e protettive da adottare con estintori carrellati.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    I tecnici delle officine si formano in modo constante sulle sicurezze da applicare sulle auto elettriche | elettronauti It

    Nulla deve essere lasciato al caso, il personale autorizzato ad agire per estinguere l’incendio deve indossare dei dispositivi di protezione adeguati ed essere addestrato non solo sul maneggio degli estintori ma seguire un corso di sicurezza che nel settore automotive prende il titolo di PES PAV PEI rivolto ai lavoratori addetti ai lavori elettrici all’installazione e manutenzione degli impianti elettrici fuori tensione e sotto tensione su impianti fino a 1000 V in c.a. e 1500 V in c.c

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    La sicurezza in officina è obbligatoria | elettronauti It

    Quale estintore scegliere per la mia auto?

    La domanda non è più se bisogna o meno munirsi di almeno un estintore in casa, nel luogo di lavoro o in auto. Se hai deciso di rimanere cauto dotando la tua auto ibrida o elettrica di un estintore, dovrai optare per la tipologia più adatta alle tue esigenze. Infatti, attualmente esistono tre tipologie principali di estintori:

    • Gli estintori a polvere sono i più versatili poiché possono essere utilizzati per incendi della categoria ABC (legna, carta, idrocarburi, gas, ecc.)
    • Estintori a schiuma particolarmente efficaci per gli incendi di categoria B (idrocarburi)
    • Estintori ad acqua nebulizzata utilizzati per incendi di categoria A (legno o carta)

    Classi incendio: tipologie e classificazione

    La norma internazionale UNI EN 2:2005 stabilisce una classificazione degli incendi in base al tipo di materiale combustibile, distinguendone cinque categorie:

    A fuochi da solidi

    B fuochi da liquidi

    C fuochi da gas

    D fuochi da metalli

    F fuochi da oli e grassi

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    Le classi di fuoco| elettronauti It

    Gli incendi delle batterie agli ioni di litio coinvolgono le classi di incendio: A (combustibili ordinari come carta o legno), B (liquidi infiammabili come alcol, petrolio e gas) e C (apparecchiature elettriche, elettrodomestici e cablaggi). Questa tripla minaccia presenta sfide uniche per la soppressione degli incendi poiché ciascuna classe di incendio richiede in genere un approccio di estinzione diverso. L’acqua potrebbe essere un efficace estintore di Classe A ma è inefficace contro gli incendi di Classe B ed è pericolosa in presenza di incendi di Classe C. Allo stesso modo, un tradizionale estintore a schiuma di Classe B potrebbe soffocare con successo un incendio di liquido infiammabile sparso al suolo ma sarebbe inappropriato in presenza di un incendio di un pacco batteria agli ioni di litio che coinvolge più classi di incendio. Comprendere la natura di questi incendi è il primo passo per prepararsi a estinguerli e ci fornisce le conoscenze necessarie per applicare i metodi di estinzione più efficaci.

    A chi rivolgersi?

    La ditta italiana Emme Antincendio, attraverso una rete di centinaia di rivenditori, è costantemente cresciuta, fino a divenire, una delle più dinamiche aziende di settore, leader nella produzione e vendita di estintori certificati e sistemi antincendio.

    Punto di riferimento per la consulenza e la formazione del personale, la società intende anche diventare un’importante realtà nel mercato mondiale, contando in una produzione altamente qualitativa e dotando i propri prodotti delle maggiori certificazioni oggi esistenti.

    Estintori efficaci della gamma EMME

    La EMME Antincendio propone degli estintori portatili a schiuma rispettosi dell’ambiente pertanto privi di qualsiasi sostanza dannosa come il fluoro e facilmente biodegradabili (estinguente con additivo biodegradabile al più del 90%), adatti a combattere incendi sprigionati da apparecchiature elettriche in tensione fino a 1000V ed batterie al Li-ion.

    Sono gli unici estintori a schiuma che rispondono non solo alla classe A e B ma a seconda del prodotto anche alla classe F superando la prova dei “Solventi Polari” (Acetonitrile, Alcoli, DMSO – Dimetilsolfossido). Sebbene la temperatura di esercizio permette l’uso anche con +60°C gli estintori sono adatti in zone dove le temperature sono davvero rigide fino a -30°C senza ghiacciare. Pertanto possono essere collocati all’esterno di case, palazzi, fabbriche, parcheggi, ecc. e non si corre il rischio che il liquido schiumogeno si ghiacci in presenza di temperature esterne rigide.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore? | elettronauti. It
    Parcheggio sotterraneo con presenza di estintori adeguati alla zona di ricarica di auto ev | elettronauti It

    La tecnologia innovativa degli ugelli che nebulizzano l’estinguente permettono di ottenere una grande quantità di schiuma e un tempo di erogazione più lungo atto ad agevolare lo spegnimento dell’incendio di: e-bike, monopattini, smartphone e notebook come anche elettrodomestici di ogni tipo e grandezza come anche gli accumulatori al litio presenti sulle auto ibride e plugin. Le officine, depositi di veicoli, carrozzieri e concessionarie come anche i cantieri nautici, devono munirsi di estintori carrellati con le medesime caratteristiche descritte prima ma da 50 litri con lo scopo di raffreddare i pacchi batteria di grosse capacità.


    Con l’avvento di nuove tecnologie, il settore della prevenzione e protezione degli incendi è in continua evoluzione ma sta a noi cercare di mantenere le cose e le persone al sicuro. Voi siete dotati di un estintore in auto?

    Fonte                                                

     


    Alan Murarotto
    Alan Murarotto
    tecnico meccatronico, formatore automotive, professionista della mobilità. Aiuto i lettori a districarsi nel labirinto delle dinamiche che governano la transizione energetica, dalla burocrazia agli aspetti legati alla guida di veicoli elettrici e non solo, con accenni tecnici per una visione a 360°.

    Nuova Dacia Spring 2024, le nostre impressioni di guida

    Dopo avervi elencato tutte le caratteristiche della nuova Dacia Spring 2024 è venuto il momento di scoprire ne nostre prime impressioni sulla piccola citycar.

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck, dopo circa sei mesi dopo il debutto del Cybertruck negli Stati Uniti.

    Ecco la nuova Dacia Spring Electric 2024

    La regina delle citycar elettriche si aggiorna ancora. Attesa nel nostro Paese per l'estate, abbiamo avuto modo di provare per Voi la nuova Dacia Spring.