banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAcademyElettrowiki | Indovinometro, cos'è?

    Elettrowiki | Indovinometro, cos’è?

    Sicuramente avrete sentito parlare dell’indovinometro, quello strumento fantascientifico di cui sono dotate tutte le auto elettriche, posto nella dashboard, od anche nell’applicazione della casa automobilistica per smartphone.

    Qualcuno potrebbe chiamarlo anche “conteggio predittivo dei km rimanenti”. Non è una cosa nuova, non è nato con l’auto elettrica, ma grazie ad essa viene spesso citato all’interno di recensioni e video in rete.

    L’indovinometro nell’era non elettrica

    Banalmente, con l’avvento dei primi cruscotti digitali abbiamo visto la nascita di questo strumento che stima la percorrenza residua dell’auto basata sul carburante presente nel serbatoio del veicolo e sul suo consumo medio. I software più sofisticati sono in grado di prendere in considerazione il consumo medio delle ultime sessioni di guida per aggiustare una stima che altrimenti prenderebbe in considerazione l’intera vita dell’auto, ma non sarebbe veritiera. Basti pensare alle diverse condizioni ambientali come salite e discese, alle diverse condizioni dei componenti del motore (un’auto nuova consuma meno di una vecchia), all’utilizzo di gomme estive o invernali, o al “mood” del guidatore e quindi, lo stile di guida.

    Nonostante ciò però, anche le auto che utilizzano un algoritmo migliore, hanno un punto debole insito nel galleggiante nel serbatoio, che non indica costantemente il livello corretto.

    Elettrowiki | indovinometro, cos'è? | Elettronauti.it
    Indovinometro dellalfa romeo stelvio | elettronauti It

    Cosa cambia nell’era dell’auto elettrica

    Tolto il galleggiante del serbatoio dovrebbe essere più semplice stimare il chilometraggio residuo dell’auto visto che viene a mancare l’unico elemento analogico. Eppure l’auto elettrica ha comunque un problema. Ovvero l’incostanza dei consumi dell’auto e purtroppo il brutto vizio dei costruttori di sovrastimare sempre l’autonomia.

    Di frequente capita di riscontrare che, in auto con il 100% di batteria a display, l’autonomia indicata, risulta molto spesso diversa da quella effettivamente riscontrata dai proprietari, come buona parte dagli stessi confermano. Questo è il motivo per cui di sovente viene consigliato di non fidarsi ciecamente dell’indovinometro, ma di utilizzare, per avere una stima di percorrenza, la percentuale di batteria residua, basandosi sulla propria esperienza personale. Ad esempio se si è riscontrato che con il 10% di batteria si possono percorrere sempre almeno 30 km, ma l’indovinometro ne stima 50, meglio non considerarlo, per non trovarsi nei guai, magari per la scelta di una strada più impegnativa o per i consumi della vettura superiori, provocati da disattenzione nel dosare correttamente il piede sull’acceleratore, od anche per particolari situazioni di traffico.

    Elettrowiki | indovinometro, cos'è? | Elettronauti.it
    Indovinometro della fiat 500e | elettronauti It

    Perché i consumi su una elettrica sono incostanti?

    Semplicemente perché per sua natura l’auto elettrica ha diverse efficienze in base all’ambito di utilizzo. Ad esempio in città, tra continue accelerate e susseguenti fermate con l’utilizzo della funzione di rigenerazione regolata al massimo, unitamente alle basse velocità si ottengono autonomie stellari, mentre nell’utilizzo autostradale a velocità sostenuta e costante, risultano consumi molto più alti.


    Voi che preferenza avete in auto, percentuale residua o la stima del computer di bordo?

     


    Federico Fumagalli
    Federico Fumagalli
    Sono un appassionato di auto sin dal primo GranTurismo del 1996. Ed è proprio il mio amore per le auto che mi ha spinto ad appassionarmi alle auto elettriche. Il mondo cambia, la tecnologia si evolve, e se si rimane indietro spesso è un male. Tecnologia, mobilità e ambiente saranno i temi di cui vi parlerò. Non dovremo essere d’accordo ma almeno ragionarsi su!

    Incentivi 2024 | Quanto costa Smart #1?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costeranno Smart #1 Pro e Pro+.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Opel Corsa-e?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Opel Corsa-e

    Stellantis e Leapmotor lanciano una joint venture per lo sviluppo di veicoli elettrici

    Stellantis e Leapmotor lanciano una joint venture per lo sviluppo di veicoli elettrici, presenterà due nuovi modelli di veicoli elettrici in Europa a settembre.