banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheFord Mustang Mach-E: nuova indagine dell'NHTSA sulla perdita di potenza e i...

    Ford Mustang Mach-E: nuova indagine dell’NHTSA sulla perdita di potenza e i controversi richiami

    La Ford Mustang Mach-E è di nuovo al centro delle polemiche mentre la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) avvia un’indagine per indagare sulla perdita casuale di potenza in questi veicoli elettrici.

    Le segnalazioni riguardo a improvvisi cali di potenza persistono, persino per le unità Mach-E che avevano subito interventi di correzione nell’ambito di un precedente richiamo per lo stesso problema.

    Mustang mach-e per 48 ore! | elettronauti. It
    Mustang mach e per 48 ore | elettronauti It

    Richiamo del 2022 per analoghi motivi

    Questo particolare richiamo, avvenuto a giugno 2022, ha riguardato circa 49.000 veicoli elettrici Mustang Mach-E prodotti tra il 27 maggio 2020 e il 24 maggio 2022.

    Il richiamo originale fu inizialmente emesso a causa di problemi di surriscaldamento delle batterie Mach-E, attribuiti a contatti principali difettosi nella batteria ad alta tensione.

    La soluzione prevista consisteva nell’installazione di una patch software tramite aggiornamento remoto o attraverso l’intervento dei rivenditori, al fine di monitorare e controllare il calore dei contatti.

    In caso di eccessivo calore, la patch avrebbe ridotto la potenza in uscita per mitigare l’effetto del surriscaldamento.

    Tuttavia, nonostante l’applicazione della patch e la raccomandata sostituzione delle scatole di giunzione, l’NHTSA continua a ricevere segnalazioni di perdita di potenza da parte dei proprietari dei Mustang Mach-E.

    In risposta, l’NHTSA ha lanciato una “query di richiamo” per valutare l’efficacia delle soluzioni proposte da Ford per i 49.000 veicoli Mach-E sottoposti all’intervento.

    La sfida sembra essere di determinare se le soluzioni offerte dalla casa automobilistica siano state realmente efficaci.

    Al momento, l’NHTSA ha documentato ben 12 lamentele da parte di proprietari la cui vettura aveva già subito l’intervento di correzione.

    Questa potrebbe essere la quinta volta che la Mustang Mach-E è coinvolta in un richiamo da quando è stata lanciata nel 2021.

    Ford mach-e | elettronauti. It
    Ford mach e | elettronauti It

    Gli altri richiami della Mustang Mach-e

    Tra i richiami precedenti, c’è stata la problematica dei semiassi posteriori rotti lo scorso agosto, il richiamo delle cinture di sicurezza fissate in modo errato nel dicembre 2021, e un ulteriore richiamo riguardante parabrezza e tettucci apribili che potevano staccarsi a causa di problemi con il materiale adesivo.

    Ford è ora al centro dell’attenzione per i suoi continui richiami eccessivi, che hanno afflitto i suoi prodotti negli ultimi anni.

    Campionessa di richiamo

    Nel biennio precedente, Ford ha primeggiato per il numero di richiami emessi annualmente rispetto alle altre case automobilistiche.

    L’anno passato ha stabilito un record con ben 68 richiami, superando ogni altro produttore di automobili e coinvolgendo oltre 8,6 milioni di veicoli Ford.

    Anche nel 2021, la situazione non è stata migliore, con 53 richiami registrati. Nel corso del 2023, c’era la speranza che Ford avrebbe registrato un numero significativamente inferiore di richiami.

    Purtroppo, sembra che questa speranza sia rimasta vana. Fino a oggi, ben 31 richiami hanno interessato oltre quattro milioni di veicoli.

    Nel tentativo di arginare questa ondata di richiami, lo scorso maggio, Ford ha varato il suo “processo di lancio a zero difetti” presso tutte le sue strutture di assemblaggio di autocarri.

    Questo sforzo prevede l’implementazione di rigorosi controlli di qualità in varie fasi della catena di montaggio, allo scopo di individuare e correggere eventuali problemi durante la costruzione dei veicoli.

    L’obiettivo è quello di porre fine alla persistente serie di richiami che ha colpito Ford e i suoi prodotti.

    Elettronauti. It - categoria ford

    Riuscirà Ford, ad arginare il problema degli innumerevoli richiami?

    Fonte

    1. Sehr interessantes Fahrzeug, würde mich über weitere Informationen freuen. Bin begeistert, es wäre das richtige Fahrzeug für meine Frau und…

    Andrea Cornali
    Andrea Cornali
    Il mio interesse per il mondo elettrico è nato nel 2020, anno in cui ho iniziato a collaborare con Matteo. Da allora, la mia passione è cresciuta costantemente. Nel 2021, ho abbandonato la mia auto termica per passare a un veicolo elettrico. Ora, sono entusiasta di condividere la mia conoscenza in questo settore. Ogni giorno, cerco di combinare la mia passione per la tecnologia e l'attenzione per l'ambiente per contribuire in modo positivo al mondo che ci circonda.

    Kia sta testando un pick-up elettrico

    Il primo pick-up elettrico di Kia è stato avvistato in fase di test negli Stati Uniti, mentre il marchio si prepara a lanciare una nuova gamma di..

    XPeng testa con successo il pilota automatico sulle strade tedesche, il lancio europeo potrebbe essere imminente

    XPeng testa con successo il pilota automatico in Germania, il lancio europeo potrebbe essere imminente, ha percorso in sicurezza le autostrade tedesche.

    Accise sulle BEV??

    I vampiri del fisco sono all’opera per spostare la tassazione dai carburanti fossili (le odiate accise) alle auto elettriche. Il ministro Giorgetti sta...