banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAcademyFotovoltaico: ne vale la pena? Quanto puoi davvero risparmiare? - Parte 1

    Fotovoltaico: ne vale la pena? Quanto puoi davvero risparmiare? – Parte 1

    Poiché le preoccupazioni relative alla protezione dell’ambiente continuano ad aumentare, sempre più persone stanno montando pannelli solari fotovoltaici nelle proprie case per generare la propria elettricità.

    I pannelli solari catturano l’energia del sole utilizzando celle fotovoltaiche e poi la convertono in elettricità.

    Fortunatamente, le celle non richiedono la luce solare diretta per funzionare, possono comunque funzionare in una giornata nuvolosa, anche se verrà generata meno elettricità.

    ⚡️ Leggi anche: Felotoo M – Questa nuova moto elettrica pieghevole può stare nel bagagliaio della tua auto

    Come funzionano i pannelli solari?

    Le celle solari fotovoltaiche sono incastonate tra strati di materiale semiconduttore, solitamente in silicio cristallino, silicio policristallino o celle a film sottile.

    Quando la luce li colpisce, gli elettroni vengono liberati e questo crea un flusso di elettricità.

    Funzionamento impianto | elettronauti. It
    Funzionamento impianto | elettronauti It

    Il processo che crea questa “energia” viene chiamato effetto fotovoltaico, ovvero il meccanismo che, partendo dalla luce del sole, induce la “stimolazione” degli elettroni presenti nel silicio di cui è composta ogni cella solare.

    Semplificando al massimo: quando un fotone colpisce la superficie della cella fotovoltaica, la sua energia viene trasferita agli elettroni presenti sulla cella in silicio. Questi elettroni vengono “eccitati” e iniziano a fluire nel circuito producendo corrente elettrica. Un pannello solare produce energia in Corrente Continua, in inglese: DC (Direct Current).

    Sarà poi compito dell’inverter convertirla in Corrente Alternata AC (alternating current) per trasportarla ed utilizzarla nelle nostre reti di distribuzione, gli edifici domestici e industriali, infatti, sono predisposti per il trasporto e l’utilizzo di corrente alternata.

    Quando le celle solari sono combinate formano pannelli solari, mentre più pannelli solari collegati insieme formano un impianto fotovoltaico.

    Cosa considerare prima di scegliere i pannelli solari?

    Se stai pensando di installare i pannelli solari, dovrai considerare se il tuo tetto è adatto e pensare alle dimensioni del sistema di pannelli solari di cui hai bisogno. È importante assicurarsi che le dimensioni siano sufficientemente grandi da coprire il fabbisogno energetico della tua casa.

    Potresti anche pensare di installare un sistema di accumulo di energia che immagazzinerà l’elettricità generata dai tuoi pannelli solari, questo ti permetterà di immagazzinare l’energia elettrica generata durante il giorno per usarla di notte, aiutandoti a diventare più autosufficiente e a ridurre la quantità di elettricità che usi dalla rete.

    Sebbene di solito non sia necessaria l’autorizzazione edilizia per l’installazione di pannelli solari fotovoltaici, è consigliabile verificare con gli uffici tecnici comunali se vi siano restrizioni, ad esempio se si vive in un edificio storico o in un’area protetta.

    Dovresti anche informare il tuo fornitore di assicurazioni sulla casa per assicurarti che copra i pannelli solari e vedere se i tuoi premi devono essere adeguati.

    Per garantire che i pannelli solari siano esposti a quanta più luce possibile, è meglio installarli su un tetto esposto a sud, anche se sono adatti anche i tetti rivolti a est e a ovest.

    I pannelli solari devono essere inclinati con un angolo compreso tra 10 e 50 gradi, con l’angolo ottimale tra 30 e 40 gradi, importante, assicurarsi che non ci siano edifici o alberi nelle vicinanze che potrebbero lasciare i pannelli all’ombra.

    Fotovoltaico: ne vale la pena? Quanto puoi davvero risparmiare? - parte 1 | elettronauti. It
    Tetto con fotovoltaico | elettronauti It

    Avete un tetto piano?

    L’installazione viene eseguita per file di pannelli. Con quale disposizione? Si sceglierà, se possibile, l’inclinazione e l’orientamento migliore.

    A cosa deve fare attenzione il progettista? Tra queste file non si deve generare ombreggiamento. Questo perché potrebbe danneggiare la produzione di energia.

    Ecco perché quando il tetto è piano generalmente è necessaria maggior superficie approssimativamente circa 40% in più, una soluzione adottata per non avere coni d’ombra e non sprecare superficie inutile in più, è quella di utilizzare i supporti Sunballast che permettono di posizionare i pannelli con doppia esposizione solitamente orientati est-ovest.

    Quali sono i costi del fotovoltaico?

    Il costo per installare i pannelli solari dipenderà dalle dimensioni del vostro tetto e dal tipo di sistema che sceglierete, avere un impianto fotovoltaico non è economico, ma i costi sono diminuiti nel corso degli anni e per alcune persone è un piccolo prezzo da pagare per i benefici ambientali ed economici che porta.

    Un impianto da 3 kW, ideale per un nucleo familiare composto da due o tre persone, è composto da 7 pannelli solari e richiede circa 14 metri quadrati di spazio sul tetto, e può presentare un costo chiavi in mano che oscilla tra € 6.000 e € 8.000.

    Mentre per un impianto da 6 kW, ideale per un nucleo familiare composto da quattro o cinque persone, composto da 13 pannelli che richiedono circa 26 metri quadri di spazio sul tetto, il costo chiavi in mano che oscilla tra € 10.000 e € 12.000.

    I costi di un impianto fotovoltaico sono relativi soprattutto alla sua installazione. Tra i fattori da considerare maggiormente ci sono la tipologia di pannelli solari da installare.

    • pannelli fotovoltaici standard: si parla dei modelli monocristallini o policristallini. Da un punto di vista estetico, i primi si riconoscono perché sono neri e i secondi perché sono blu. Si parla della tipologia più diffusa grazie al costo mediamente basso dell’investimento e alla resa maggiore rispetto ad altri modelli. Entrambi sono realizzati in silicio, ma differiscono nel colore a causa di una differenza nel processo di produzione;
    • pannelli fotovoltaici ibridi: si tratta di una combinazione di film ibrido e di silicio monocristallino. Le dimensioni sono ridotte rispetto ai pannelli tradizionali e incorporano una tecnologia HIT, per assorbire maggiore energia anche in condizioni di luce non ottimale;
    • pannelli fotovoltaici a film sottile: non si parla di pannelli in silicio, ma di impianti realizzati con un mix di rame, indio, gallio e selenio. Sono caratterizzati dall’alto rendimento anche in assenza di luce diretta del sole e in presenza di luce soffusa. L’efficienza media è del 15-16%, ma hanno bisogno di più spazio per la loro installazione;
    • altri pannelli fotovoltaici: esistono poi delle tipologie più innovative e particolari, come ad esempio i moduli rossi, realizzati con celle colorate adatte per le aree soggette a vincoli paesaggistici. Infatti, questo colore si mimetizza con le facciate e le tegole, in modo analogo alle tegole fotovoltaiche. In questa classificazione di prodotti innovativi rientrano anche i pannelli orientabili, che ruotano in automatico in base al sole o altri che possono essere collegati alla presa di corrente.

    Costi di fornitura dell’impianto: in questa categoria rientra l’investimento per moduli, inverter, quadri, connettori e altre componenti. Corrisponde a circa il 50% della spesa totale;

    Installazione: costi relativi a progettazione, messa in opera e collaudo. Rappresentano circa il 30% della spesa totale;

    Costi amministrativi: spese per la gestione pratiche per l’allacciamento con il distributore e per gli incentivi con il GSE (Gestore dei Mercati Energetici), circa il 20% della spesa totale

    Prosegue nella seconda Parte, a presto!

    Elettronauti. It - categoria ambiente

    Andrea Cornali
    Andrea Cornali
    Il mio interesse per il mondo elettrico è nato nel 2020, anno in cui ho iniziato a collaborare con Matteo. Da allora, la mia passione è cresciuta costantemente. Nel 2021, ho abbandonato la mia auto termica per passare a un veicolo elettrico. Ora, sono entusiasta di condividere la mia conoscenza in questo settore. Ogni giorno, cerco di combinare la mia passione per la tecnologia e l'attenzione per l'ambiente per contribuire in modo positivo al mondo che ci circonda.

    Nuova batteria CATL e Yutong, rivoluzione nel settore dei veicoli elettrici

    La nuova batteria CATL e Yutong, rivoluzione nel settore dei veicoli elettrici, promette una durata eccezionale fino a 1,5 milioni di chilometri.

    Tesla Supercharger – Le tariffe di ricarica aggiornate | Aprile 2024

    Le tariffe sempre aggiornate della più grande rete di ricarica a corrente continua del mondo. Tesla e i suoi Supercharger si espandono alla velocità della luce.

    Renault, si appresta a lanciare la Twingo elettrica con un prezzo inferiore a 20.000 euro

    Renault, si appresta a lanciare la Twingo EV con un prezzo inferiore a 20.000 euro, la produzione avrà luogo nello stabilimento sloveno di Novo Mesto dal 2026.