banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAmbienteGli investimenti in energia pulita sono ora quasi 2 volte superiori a...

    Gli investimenti in energia pulita sono ora quasi 2 volte superiori a quelli dei combustibili fossili: ecco perché

    Secondo quanto riportato nel report “World Energy Investment 2023” redatto dall’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), attualmente a livello globale gli investimenti in energia pulita sono quasi 2 volte superiori a quelli dei combustibili fossili.

    Nel report si stima infatti che nel 2023 saranno spesi circa 2,8 trilioni di dollari in energia; di questi, più di 1,7 trilioni di dollari saranno destinati all’energia pulita, quindi energie rinnovabili, energia nucleare, stoccaggio dell’energia ed efficientamento della rete, mentre poco più di 1 trilione di dollari sarà destinato all’approvvigionamento di combustibili fossili, quindi carbone, petrolio e gas.

    Per ogni 1$ speso in combustibili fossili, vengono ora investiti 1,7$ in energia pulita; fino a cinque anni fa questo rapporto era 1:1.
    World Energy Investment 2023 – IEA
    "global energy investment in clean energy and fossil fuels, 2015-2023" iea | elettronauti. It
    global energy investment in clean energy and fossil fuels 2015 2023 iea | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: Fiat Topolino – Rinasce elettrica!

    Cosa sta spingendo gli investimenti in energia pulita?

    A seguito dell’invasione Russa in Ucraina i prezzi dell’energia derivante da combustibili fossili sono diventati molto volatili. La Russia ha tagliato le consegne di gas naturale all’Unione Europea di circa l’80% nel 2022, e questo ha portato molti paesi europei ad investire in energia pulita al fine di migliorare la propria sicurezza energetica e rendersi maggiormente indipendenti

    Un altro impulso è stato dato dal periodo di forte crescita economica globale avvenuto a seguito della pandemia di Covid-19 e in risposta alla crisi energetica.

    Anche alcune politiche a sostegno dell’energia pulita, come l’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti e iniziative simili in Europa, Cina e altri paesi hanno contribuito a questo sviluppo.

    I consumatori stanno poi investendo sempre di più in tecnologie elettriche; la domanda di auto elettriche, pompe di calore e batterie è aumentata, e il prezzo di mercato delle tecnologie rinnovabili sta via via diminuendo.

    Questo si può meglio capire osservando la tabella estrapolata dal report dell’IEA che analizza l’andamento dei prezzi per alcune tecnologie rinnovabili dal 2014 al 2022:

    "average prices for selected technologies" iea | elettronauti. It
    average prices for selected technologies iea | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: BYD: record di vendite, NIO non benissimo

    Andamento degli investimenti per tecnologia

    Si riporta di seguito una tabella estrapolata dal report  “World Energy Investment 2023” che mostra come sono variati gli investimenti per le diverse tecnologie nell’arco di tempo 2020-2023:

    "global annual investment in the power generation by selected technology, 2020-2023" iea | elettronauti. It
    global annual investment in the power generation by selected technology 2020 2023 iea | elettronauti It

    Mentre la diffusione del solare è aumentata di anno in anno, lo sviluppo di progetti di altre tecnologie è stato meno affidabile.

    Gli investimenti nell’energia eolica sono variati di anno in anno nei mercati chiave in risposta alle mutevoli circostanze politiche. 

    Gli investimenti nel nucleare sono in aumento, ma l’energia idroelettrica, una fonte chiave del mercato dell’energia a basse emissioni, ha registrato una tendenza al ribasso.

    Si nota poi una graduale ma costante riduzione degli investimenti nell’energia generata dal carbone, ed un aumento degli investimenti nella generazione di energia mediante il gas.

    ⚡️ Leggi anche: Tutto quello che c’è da sapere per mantenere il pacco batteria in condizioni ottimali

    Cosa dobbiamo migliorare a livello globale?

    Oltre il 90% dell’aumento degli investimenti in energia pulita a partire dal 2021 è avvenuto in paesi con economie avanzate e in Cina.

    Ci sono alcune note positive, per esempio gli investimenti nell’energia solare rimangono alti in India e stanno aumentando in Brasile e parti del Medio Oriente come Arabia Saudita, Emirati Arabi e Oman.

    Tuttavia, i progressi sono stati irregolari. Gli investimenti per espandere e modernizzare le reti sono in ritardo in molti paesi, soprattutto quelli in via di sviluppo e con limitate risorse economiche.

    "increase in annual clean energy investment in selected countries and regions, 2019-2023" iea | elettronauti. It
    increase in annual clean energy investment in selected countries and regions 2019 2023 iea | elettronauti It

    A livello globale si può dire che stiamo procedendo nella giusta direzione, ma occorre affrontare gli squilibri geografici aumentando gli investimenti in energie rinnovabili nelle economie emergenti e in via di sviluppo, perché il numero di persone senza accesso ai servizi energetici rimane troppo alto.


    Hai mai pensato di installare una fonte di energia rinnovabile a casa tua? Se si, quale?

    Fonte 1 | Fonte 2 

     


    Lorenzo
    Lorenzo
    Appassionato di tutte le forme di energia, in particolare di quelle rinnovabili, che credo siano il vero valore aggiunto per una mobilità sostenibile. Con le auto elettriche è stato amore grazie ad un retrofit tra i banchi di scuola.

    Al Nürburgring BYD sfida Ferrari con l’EV da 1.200 CV

    La nuova BYD Yangwang U9 è stata ripresa mentre sfrecciava al Nürburgring. La nuova supercar elettrica lascerà la Ferrari nella polvere, forse.

    La nuova Concept BST di Polestar. Debutto mondiale a Goodwood

    Polestar partecipa ancora una volta all'annuale Festival of Speed di Goodwood ed espone diversi modelli attuali e concept, tra questi il Concept BST.

    Urso: non servono incentivi all’elettrico ma al Made in Italy!

    Gli incentivi per auto elettriche 2024 sono andati esauriti in 24h. Ciò ha portato molti a farsi delle domande. Tra questi anche il ministro del Made in Italy.