banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAIGuida autonoma e codice della strada

    Guida autonoma e codice della strada

    In occasione della presentazione al CES 2022 del nuovo sistema di guida autonoma creato da Volvo chiamato Ride Pilot, si materializza per la prima volta il concept del presente e del futuro della casa svedese, il Recharge, totalmente elettrico che rappresenta la base per tutte le prossime creazioni.

    Sa da un parte si punta ad investire molto sul futuro dell’automotive e della guida autonoma, dall’altro si pone il problema di convertire ed adeguare legislazioni ormai obsolete, anche per le attuali vetture circolanti che richiedono un’intervento da parte del guidatore.

    Si perché, se nel prossimo futuro (si parla di circa 10 anni) le auto circolanti saranno per la maggior parte dotate di sistemi avanzati di guida assistita che potranno attivamente intervenire per prendere il controllo, qualora il conducente non si comporti correttamente o addirittura, occuparsi totalmente della guida, lasciando così all’utente la possibilità di “rilassarsi, leggere, lavorare o intrattenersi con quello che più gli aggrada. Arrivando a destinazione decisamente più rilassato e riposato”, si presentano dei problemi di nuova natura.

    Guida autonoma e codice della strada | elettronauti. It
    Volvo recharge | elettronauti It

    Un problema di natura giuridica.

    La sicurezza della circolazione potrebbe effettivamente trarre giovamento dalla guida assistita, ma occorre risolvere un problema di responsabilità, tenuto conto che incidenti o malfunzionamenti potrebbero comunque capitare.

    All’evento Volvo ha partecipato anche il Professor Enrico Al Mureden, ordinario di Diritto Civile dell’Università di Bologna e docente di Product Safety, Liability and Automotive presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’ateneo di riferimento della “motor valley” italiana. “La prossima disponibilità dei sistemi di guida autonoma pone infatti il problema di un ordine giuridico che deve ancora recepire l’evoluzione tecnologica del settore automotive”, in particolare per quanto riguarda la responsabilità civile della conduzione di un veicolo che oggi ricade sempre sul guidatore e, per quanto riguarda difetti di fabbricazione, sul produttore del veicolo.

    A chi guida oggi un veicolo con sistemi ADAS avanzati non viene riconosciuto alcun beneficio, che invece, sottolinea il professore Al Mureden, sarebbe auspicabile per incentivare la diffusione dei nuovi sistemi di sicurezza e accelerare la sostituzione del parco circolante, in modo da portare più velocemente ad un mondo in cui le auto a guida autonoma rappresentino la quasi totalità. Chi oggi guida un’auto con sistemi di assistenza alla guida in grado di ridurre sensibilmente il rischio di collisioni viene trattato allo stesso modo di chi utilizza un’auto di vent’anni fa, sia in termini di responsabilità civile che, di riflesso, di premio assicurativo. Non ci sono incentivi per l’acquisto di più costose auto sicure, mentre in Europa la guida autonoma di livello 3 per non parlare di quella di livello 4, sostanzialmente non è ancora consentita se non in rare zone ben delimitate.

    In Italia poi, si attende con una certa urgenza una modifica al Codice della Strada che possa permettere la veloce diffusione di questi sistemi che, ricordiamo, sono praticamente indispensabili per la nostra sicurezza. Ad oggi infatti togliere le mani dal volante è vietato in ogni sua forma.

    ⚡️ Leggi anche: Izera il primo EV Polacco. Firmato accordo tra Geely Holding ed ElectroMobility Poland

    Possibili soluzioni

    L’idea – a nostro parere molto interessante – data dal Prof. Al Mureden, si basa sul fatto che non dovrebbe più essere il conducente ad assumersi la responsabilità di un eventuale incidente in un mondo con circolazione stradale a guida autonoma, ma bensì direttamente le case costruttrici che dovrebbero creare un fondo che vada a risarcire i pochi incidenti che potrebbero verificarsi, causati da malfunzionamenti dei loro prodotti, come si fa oggi con parti auto o elettrodomestici difettosi.

    Chi produrrà veicoli più sicuri, in base a dei coefficienti e dei test, pagherà una quota inferiore e così via. Un modo anche per incentivare sia l’utente a dotarsi di questi veicoli, sia le case costruttrici a creare prodotti sempre più sicuri e performanti.

    Inoltre come abbiamo menzionato poc’anzi anche il Codice della Strada andrebbe rivisto per adeguare i nuovi comportamenti da tenere, utilizzando auto con diversi livelli di guida autonoma. Guida autonoma che, per altro, ha bisogno di una segnaletica stradale adeguata ed aggiornata, pariamo per esempio di cartelli stradali ben applicati e visibili, così come le strisce che delimitano corsie, carreggiata, attraversamenti pedonali e così via.

    La sicurezza stradale prima di tutto

    Le idee, le progressioni tecnologiche tutte, sono finalizzate a renderci la vita comoda e sicura. La strada viene utilizzata da tutti ed è corretto aumentarne la sicurezza di ogni utente, specialmente dei più deboli (ciclisti, pedoni ecc.).

    Si deve quindi puntare anche ad una adeguata preparazione degli utenti stessi, sensibilizzando specialmente sul fattore sicurezza.

    Guida autonoma | Elettronauti.it

    Voi che ne pensate della guida autonoma, siete interessati o vorreste solo degli ADAS più perfezionati e continuare voi a condurre il vostro veicolo?

    Via

     


    Simone Torresan
    Simone Torresan
    Appassionato ad imparare di tutto, ma nello specifico insegno a guidare (bene) ormai dal 2005. Tecnologia e video games addicted, amo il cibo, i viaggi e il nostro pianeta. Senza musica non saprei stare. Hic et nunc.

    Nuova Dacia Spring 2024, le nostre impressioni di guida

    Dopo avervi elencato tutte le caratteristiche della nuova Dacia Spring 2024 è venuto il momento di scoprire ne nostre prime impressioni sulla piccola citycar.

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck, dopo circa sei mesi dopo il debutto del Cybertruck negli Stati Uniti.

    Ecco la nuova Dacia Spring Electric 2024

    La regina delle citycar elettriche si aggiorna ancora. Attesa nel nostro Paese per l'estate, abbiamo avuto modo di provare per Voi la nuova Dacia Spring.