banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAltri mezzi di trasporto elettriciAerei elettriciHELENA, batterie allo stato solido per gli aerei elettrici

    HELENA, batterie allo stato solido per gli aerei elettrici

    HELENA è un progetto europeo dedicato allo sviluppo di un prototipo di batteria allo stato solido ad alta densità energetica, che sarà la base per i prossimi aerei elettrici e migliorerà ulteriormente l’autonomia ed il peso delle auto elettriche.

    Il progetto è frutto di un consorzio composto da 15 partner tra cui l’AIT (Istituto Austriaco di Tecnologia), Saint Gobain Recherche e Leonardo, che stanno svolgendo un ruolo chiave nel settore delle batterie, dai produttori di materiali industriali, ai centri di ricerca e sviluppo, ai produttori automobilistici e aerospaziali.

    Artur Tron, esperto di batterie presso l’AIT che sta supportando il progetto HELENA, ritiene fondamentale lo sviluppo delle batterie allo stato solido per il settore dei trasporti in quanto potenzialmente più performanti delle batterie agli ioni di litio.

    Batterie ad alta densità energetica pronte per l’aviazione

    Helena, batterie allo stato solido per gli aerei elettrici | elettronauti. It
    Composizione delle batterie fonte helena | elettronauti It

    Queste batterie usano un catodo ricco di Nichel, un anodo di litio metallico (LiM) ad alta energia ed un elettrolita allo stato solido ad alogenuro superionico agli ioni di litio, e rispondono all’esigenza dello sviluppo di celle per batterie allo stato solido (batterie di generazione 4b) sicure, innovative, efficienti e ad alta densità energetica.

    Per avere un termine di paragone basti pensare che la capacità dichiarata sul sito di HELENA è di almeno 450 Wh/Kg e 1200 Wh/l, mentre le attuali batterie agli ioni di litio hanno una capacità che varia da circa 210 a 280 Wh/Kg in base al modello.

    Secondo quanto riportato sul sito ufficiale, HELENA sosterrà l’Europa nella transizione verso un continente ad impatto climatico zero, supportando anche l’elettrificazione dell’aviazione che sarà pronta a decollare entro i prossimi 5-10 anni.

    L’impatto di HELENA, frutto di ricerca ed innovazione sui materiali delle batterie, porterà ad avere veicoli con migliori prestazioni e a prezzi competitivi, aumentando la capacità di ricarica rapida e l’autonomia sulle lunghe distanze.

    I test di HELENA entro marzo 2026

    Lo sviluppo delle batterie HELENA si compone di tre fasi:

    • Fase I: Sviluppo, ottimizzazione e upscaling di nuovi materiali (entro giugno 2024);
    • Fase II: Sviluppo di batterie allo stato solido basate sugli alogenuri (entro dicembre 2025);
    • Fase III: Test, ottimizzazione e validazione (entro marzo 2026);

    Tramite il progetto HELENA l’Europa si candida in prima linea allo sviluppo delle batterie per veicoli elettrici anche in ambito aeronautico, proponendo un prodotto altamente performante e costruito in modo sostenibile, con un approccio legato all’economia circolare lungo tutta la catena di sviluppo.

    Elettronauti. It - categoria ambiente

    Pensi che con HELENA l’Europa possa avere un ruolo chiave nello sviluppo delle batterie?

    Fonte | Via

     


    Lorenzo
    Lorenzo
    Appassionato di tutte le forme di energia, in particolare di quelle rinnovabili, che credo siano il vero valore aggiunto per una mobilità sostenibile. Con le auto elettriche è stato amore grazie ad un retrofit tra i banchi di scuola.

    Al Nürburgring BYD sfida Ferrari con l’EV da 1.200 CV

    La nuova BYD Yangwang U9 è stata ripresa mentre sfrecciava al Nürburgring. La nuova supercar elettrica lascerà la Ferrari nella polvere, forse.

    La nuova Concept BST di Polestar. Debutto mondiale a Goodwood

    Polestar partecipa ancora una volta all'annuale Festival of Speed di Goodwood ed espone diversi modelli attuali e concept, tra questi il Concept BST.

    Urso: non servono incentivi all’elettrico ma al Made in Italy!

    Gli incentivi per auto elettriche 2024 sono andati esauriti in 24h. Ciò ha portato molti a farsi delle domande. Tra questi anche il ministro del Made in Italy.