banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAmbienteIl grande calo delle vendite di carburante in Norvegia può portare alla...

    Il grande calo delle vendite di carburante in Norvegia può portare alla fine dell’estrazione del petrolio

    Che la Norvegia sia la prima nazione al mondo per diffusione di auto elettriche è ormai cosa nota ma continua a battere record di vendita senza praticamente alcun veicolo termico presente in nuove immatricolazioni.

    Calo drastico del consumo di petrolio

    La cosa che lascia indubbiamente sorpresi è il continuo calo di vendita di prodotti petroliferi (tranne per le esportazioni) e situazioni simili potrebbero generarsi anche in altri mercati.

    Le vendite di petrolio in Norvegia sono diminuite del 12% nel mese di ottobre 2023, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Questo è il secondo calo consecutivo, dopo il calo del 14% registrato a settembre.

    La diminuzione della domanda globale di petrolio è dovuta a una serie di fattori, tra cui la ripresa economica post-pandemia, che sta rallentando, e l’aumento dei prezzi del petrolio, che sta rendendo meno conveniente l’utilizzo di questo combustibile.

    La crescente attenzione alla sostenibilità sta spingendo i governi e le aziende a ridurre la loro dipendenza dai combustibili fossili. Questo trend sta portando a un calo della domanda di petrolio, anche in Norvegia, che è un paese leader nella produzione di petrolio e gas.

    Vendite in calo di petrolio, impatto negativo per la Norvegia

    Il calo delle vendite di petrolio norvegese ha avuto un impatto negativo sull’economia interna. Il settore petrolifero infatti è una delle principali fonti di reddito per il paese, e il suo calo sta contribuendo a una riduzione della crescita economica.

    Il governo norvegese sta cercando quindi di mitigare l’impatto del calo delle vendite di petrolio investendo in altri settori dell’economia, come le energie rinnovabili e la tecnologia. Tuttavia, è probabile che il calo delle vendite di petrolio continuerà a rappresentare una sfida per l’economia norvegese nei prossimi anni.

    Exxonmobil inizia le trivellazioni di litio negli stati uniti per diventare leader nella fornitura. Svolta ambientalista o solo questione di soldi? | elettronauti. It
    Esemplificazione dellindustria nera del petrolio | elettronauti It

    Questo è il risultato delle ottime vendite di veicoli elettrici, che fanno della Norvegia un leader a livello mondiale, con oltre il 90% dei nuovi veicoli, non termici. Il Paese ha superato le sue stesse aspettative, ponendo virtualmente fine alle vendite di veicoli a combustione con molti anni di anticipo rispetto alle previsioni.

    Per fare un confronto con altri rapidi cali, l’utilizzo del carbone negli Stati Uniti è passato da un picco di 1.045 milioni di tonnellate nel 2007 a 469 milioni di tonnellate nel 2022, un calo di circa il 5% all’anno.

    Ma in questo contesto, il calo delle vendite di carburanti in Norvegia sembra avvenire quasi due volte più velocemente, su base percentuale, rispetto al calo dell’uso di carbone degli Stati Uniti, almeno secondo i dati odierni. E la tendenza a lungo termine potrebbe accelerare poiché il paese ora non ha praticamente più vendite di veicoli a combustione.

    Questo è importante perché quando parliamo di elettrificazione dell’industria automobilistica, il punto non è solo quello di convincere le persone ad acquistare auto migliori dotate di nuove tecnologie. Il punto è ridurre il consumo di petrolio, in modo tale che il carbonio che appartiene al sottosuolo rimanga lì, in modo permanente.

    Questo è di vitale importanza perché se bruciassimo anche solo una frazione di tutto il petrolio già scoperto e posseduto dalle compagnie petrolifere, il carbonio rilasciato causerebbe un cambiamento climatico catastrofico.

    Domanda di petrolio ➡️ Prezzi del petrolio ➡️ Offerta di petrolio

    Esiste un’interazione tra domanda di petrolio, prezzi del petrolio e offerta di petrolio che potrebbe portare a una spirale mortale per l’industria petrolifera.

    Ultimamente, i prezzi del petrolio sono stati piuttosto alti in tutto il mondo, avvicinandosi ai massimo degli anni ’10 del nuovo secolo e quelli di fine anni ’70 del 900 . Questo picco è stato in gran parte determinato dalle interruzioni dell’offerta (e della domanda) legate alla pandemia, dall’invasione russa dell’Ucraina e, come sempre, dalle decisioni dell’Arabia Saudita (in questo caso, la decisione di tagliare l’offerta per sostenere i prezzi del petrolio).

    Ma guardando indietro all’ultimo picco, possiamo vedere un’altra cosa interessante: un gigantesco calo dei prezzi del petrolio a metà degli anni ’10, causato da un “eccesso di offerta”. Questo eccesso di offerta è stato almeno in parte correlato al maggiore utilizzo di auto ibride ed elettriche, che ha portato a una diminuzione relativamente piccola della domanda di petrolio. Tuttavia, quella piccola diminuzione ha significato che veniva pompato più petrolio di quello utilizzato, il che ha portato i prezzi a scendere di circa due terzi nel giro di pochi mesi.

    Le vendite di veicoli elettrici aumentano: perché le grandi compagnie petrolifere stanno aumentando la produzione? | elettronauti. It
    Sito di estrazione petrolifera offshore| elettronauti It

    L’effetto dei prezzi del petrolio sulla domanda dei consumatori è che, man mano che i prezzi del petrolio salgono, l’utilizzo (spesso) diminuisce e l’interesse per le auto elettriche aumenta. Ciò è ovvio, poiché le persone iniziano a pensare a veicoli più efficienti quando il costo del carburante diventa eccessivo.

    Ma l’effetto sull’offerta viene esaminato meno comunemente. In questo caso, i prezzi bassi del petrolio possono effettivamente essere vantaggiosi dal punto di vista ambientale perché significa che le compagnie petrolifere sono meno incentivate a esplorare nuovi metodi di estrazione e che i metodi più costosi (come l’estrazione dalle sabbie bituminose, che è anche molto più costosa dal punto di vista ambientale) diventano antieconomici.

    Se estrarre il petrolio costa più del suo valore, il progetto non verrà avviato. E se il progetto non viene avviato, il petrolio resta inizialmente nel terreno, proprio dove appartiene.

    Quindi, in un certo senso, prezzi petroliferi bassi possono effettivamente essere migliori per l’ambiente rispetto a prezzi petroliferi elevati. Ciò significa che vengono avviati meno progetti e che più progetti e aziende falliscono a causa dei costi elevati e dei bassi profitti.

    E questa è la spirale che vogliamo vedere. Man mano che il principale motore della domanda di petrolio (in particolare i veicoli di consumo) scompare, i prezzi del petrolio possono scendere a causa di questo squilibrio tra domanda e offerta. Quindi, ci saranno meno motivi per cui le aziende estrarranno petrolio, portando agli asset bloccati di cui abbiamo parlato prima.

    Ev norvegia | elettronauti. It
    Ev norvegia | elettronauti It

    Alcune regioni con bassi costi di estrazione potrebbero addirittura preferire questa modalità e lavorare per garantire che ciò accada. Il Medio Oriente può estrarre il petrolio a prezzo più basso che altrove , quindi potrebbe essere a loro vantaggio mettere fuori mercato i metodi di estrazione ad alto costo. La Norvegia stessa è un paese petrolifero (principalmente per l’esportazione, al momento) e ha costi di estrazione del petrolio medi, ma potrebbe trarre vantaggio nel breve termine da una ristrutturazione dei paesi con costi più elevati. Ma idealmente, l’estrazione norvegese diventerebbe presto antieconomica. E si spera, lo sarà anche quella dell’Arabia Saudita.

    Elettronauti. It - categoria ambiente

    In un mondo dominato dal petrolio, immaginare una sua fine appare fortemente destabilizzante, ma forse è un passo necessario per un futuro migliore, voi cosa ne pensate?

    Fonte

     


    Simone Torresan
    Simone Torresan
    Appassionato ad imparare di tutto, ma nello specifico insegno a guidare (bene) ormai dal 2005. Tecnologia e video games addicted, amo il cibo, i viaggi e il nostro pianeta. Senza musica non saprei stare. Hic et nunc.

    L’hypercar OWL di Aspark diventa l’EV più veloce del mondo con 438,7 km/h

    C'è una nuova hypercar elettrica a dar fastidio a Tesla e Rimac, la giapponese Aspark OWL, con l'aiuto dell'italiana Manifattura Automobili Torino, ha...

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.