banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAcademyLa congrega degli Elettronauti... che lo vogliamo o no, l’innovazione arriva!

    La congrega degli Elettronauti… che lo vogliamo o no, l’innovazione arriva!

    Elettronauti – Se avete una BEV (*Battery Electric Vehicle), non fate l’errore di tentare di convincere il vostro interlocutore.

    Setta di elettronauti

    Non ingaggiate una sfida verbale, perlopiù improduttiva, sembrerete (se va bene) dei Nerd, nella maggior parte dei casi degli appartenenti ad una Setta di qualche tipo, “noi siamo i Borg, la resistenza è inutile, verrete assimilati” (CIT Star Trek).

    A questo punto immagino un film dove alla prima scena, venite catapultati al centro dell’azione, non capite bene cosa sta succedendo, poco dopo “….un anno prima…”…

    Mi spiego…

    Tentare di convincere una persona, che la nostra scelta di acquistare un veicolo Elettrico, è ponderata, dettata da motivazioni varie, ecologiche, economiche, di sostenibilità, si scontra spesso, direi sempre , con la visione che hanno granparte delle persone del veicolo “a batteria”, per gli amici “tostapane”.

    Viviamo nel paese dei motori sportivi, con una forte tradizione , difficile da combattere , ma non vogliamo nemmeno farlo, ci crea orgoglio essere riconosciuti all’estero, dove pensano che ognuno di noi, come Italiano, possiede una Ferrari.

    Noi siamo i bambini che sognavano di guidare una fuoriserie italiana, ma i bambini di oggi, sognano altre cose.

    Noi cresciuti a pane, Star Wars, Star Trek e Ritorno al Futuro, immaginando di teletrasportarci, padroneggiare la forza e la spada laser o vedere, il 21 Ottobre 2015, atterrare una Delorean Volante. 

    Siamo nell’epoca dei dispositivi mobili digitali, a chiunque adolescente chiedete se preferisca in regalo uno smartphone di ultima generazione o uno scooter, probabilmente vi risponde “mi piacerebbe una Tesla”.

    Nessuno può sapere con certezza, se i veicoli BEV saranno o meno il futuro, abbiamo degli indizi concreti, che questo possa accadere, ma se pensiamo a fenomeni come le TV 3D o il famoso Mini Disc Sony, dobbiamo anche pensare, per onestà ideologica,  che da un giorno all’altro possa nascere una nuova tecnologia che renda , tutto , improvvisamente superato.

    Probabilmente nessuno di noi “vecchi” ricorda esattamente il momento in cui ha smesso di inviare un Fax, usare un Floppy Disc, o più banalmente noleggiare un DVD, è successo e basta.

    CI sono momenti, nella vita dove un banale incontro, fisico o virtuale, cambia tutto.

    Più di 2 anni fa, appassionato di tecnologia, dai tempi del Commodore 64, una sera come tante altre apro Youtube e parte un video, dove un tale Matteo, spunta da un bagagliaio di una Tesla, con una faccia “da zelig” che mi rimase impressa, ricordo che risi 10 minuti.

    Non è stato tanto l’auto a colpirmi, almeno non subito, ma la maniera di raccontare le cose, come lo facesse un amico di lunga data.

    In quel momento ancora non lo sapevo, ma poco più di 2 anni dopo avrei acquistato, con grossa soddisfazione, una Tesla Model 3 Performance, che devo ammettere, ha cambiato la mia visione della mobilità, e per questo, come ho già fatto, non finirò mai di ringraziare o dare la colpa (a seconda dei punti di vista ) a Matteo.

    Oggi mi sento come il tizio che nel 2010 vendette 2 pizze accettando 10.000 Bitcoin in cambio.

    E’ come se 12 anni fa avessi investito in crypto (non fatelo se non sapete cosa state facendo) non tanto perché avevo compreso la cosa, ma solo perché mi piaceva il logo della moneta.

    E’ da un anno che ho una Tesla, e ammetto, quando l’ho presa, pur essendo un fanatico della tecnologia, di aver comprato un oggetto misterioso senza comprendere appieno cosa stessi facendo, pensavo di aver comprato “un ipad su 4 ruote” con 500 cavalli, ma ce molto di più.

    Quando ci sono salito, per la prima volta per il test drive, con i miei familiari (era un giovedì), avendola già “comprata” il giorno prima,  non è stato più lo stesso, vorrei cancellarmi la memoria col neuralizzatore di man in Black per rivivere 100 volte quel momento emozionate, che posso tranquillamente inserire nella Top 10 dei momenti più memorabili della mia vita.

    Mi è scattata la scintilla, in un periodo particolare della vita, avendo deciso, finalmente, di togliermi la soddisfazione di avere un’auto potente, avrei preso, probabilmente, una Dodge Challenger Hellcat, macchina dei miei sogni, una muscle car Americana pazzesca da 720 cavalli, ma che in Italia ha un serio problema di sostenibilità economica, soprattutto a livello di tassazione.

    Vedere un’Auto, come Tesla,  con delle prestazioni equivalenti, ma con dei costi di gestione oserei dire “ridicoli”, mi ha acceso una lampadina, il tutto unito al famoso sistema Autopilot, che ultimamente sta diventando famoso, non sempre in positivo, ha fatto il resto.

    Mettiamoci poi, che nel 2021 tra incentivi statali, rottamazione e incentivi regionali si rischiava di pagare il mezzo ben 18.400€ in meno, capite che, non cedere, almeno per me,  è stato impossibile.

    Non so chi mi abbia nominato ambasciatore dell’Auto Elettrica, ma ho fatto il grosso errore , come molti, almeno nei primi 6 mesi di possesso, di prodigarmi con chiunque me lo chiedesse, ma spesso, anche a chi probabilmente non gliene importava nulla, di intavolare discussioni infinite , spesso con fervore, dove tentavo di convincere il mio interlocutore che oramai era giunto il momento per chiunque, di pensare al prossimo cambio auto con un veicolo BEV, ricevendo le solite domande “ma se devo andare in puglia?”, “ma l’autonomia è di almeno 800km ?”, “ ma ci vuole una settimana per caricarla?”, ve lo giuro, non sto scherzando.

    Inutile spiegare che, sì, l’auto termica costa meno, ma poi calcoli alla mano sul lungo periodo viene a costare di più, a volte molto di più, inutile elencare gli innumerevoli vantaggi, dall’esenzione del bollo (a seconda della regione di residenza) , manutenzione praticamente inesistente, parcheggi gratis, accesso ZTL , assicurazioni a costo scontato, colonnine di ricarica a volte gratuite, costo kilometrico ¼ del paritetico a benzina o ½ di quello diesel, ma spesso molto meno (mi vergogno a dirlo , magari approfondiamo in altro articolo, ho percorso 28.000 km spendendo 15€ di corrente, avete capito bene non ho scordato due zeri).

    Perché una persona faccia lo “switch”, deve trovare una motivazione personale, come quando devi smettere di fumare, non cè nessuno che possa convincerti, deve arrivarti da dentro, che sia per l’ecologia, che sia per l’estetica, che sia per i costi o per le prestazioni, come nel mio caso, deve nascere da te.

    Se due anni fa qualcuno avesse insistito per spiegarmi che vantaggi ha “una lavatrice su 4 ruote” avrei risposto “posa il fiasco”, oggi ripensandoci, e lo ammetto, mi sarei sbagliato di grosso, è la paura dell’ignoto che è in noi, di lasciare la “confort zone”.

    Se avete un’ Auto Elettrica, rinunciate a convincere chiunque, ne perdete in tranquillità emotiva, se non ce l’avete e il vostro amico vi tedia con il nuovo acquisto, che sia una Tesla o una Dacia Spring, dategli una possibilità, fate almeno lo sforzo di pensare che davanti a voi non cè un folle invasato ma che può essere la vecchia storia del fax e della posta elettronica, l’innovazione arriva, che lo vogliamo o no, non rimaniamo al palo, almeno la sana curiosità del bambino che vuole conoscere quello che di nuovo succede per non farci trovare impreparati.

    Siamo nella Golden Age della mobilità elettrica, in tutti i settori, cogliete l’opportunità.

    Have a nice day.

     


    ꧁༒ÅÐℜîÅ₦Ø༒꧂
    ꧁༒ÅÐℜîÅ₦Ø༒꧂https://vm.tiktok.com/ZMNxuyeBg/
    Ciao ! Sono Adriano.Dal Commodore 64 ad una Tesla con autopilot , é un attimo di vita.

    L’hypercar OWL di Aspark diventa l’EV più veloce del mondo con 438,7 km/h

    C'è una nuova hypercar elettrica a dar fastidio a Tesla e Rimac, la giapponese Aspark OWL, con l'aiuto dell'italiana Manifattura Automobili Torino, ha...

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.