banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheLa fake news del crollo delle BEV in Germania a gennaio

    La fake news del crollo delle BEV in Germania a gennaio

    Nel primo mese del 2024, le nuove immatricolazioni di automobili in Germania sono state pari a 213.553 unità, con un aumento di ben il 19,1% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Il numero delle nuove immatricolazioni commerciali è aumentato del 23,3%, la loro quota è stata del 70,7%, le immatricolazioni private (29,2%) sono aumentate del 10,1%. Ma le elettriche?

    Grafico mensile delle immatricolazioni (fonte: kba) | elettronauti. It
    Grafico mensile delle immatricolazioni fonte kba | elettronauti It

    No incentivi, no party?

    Senza incentivi, la vendita di BEV sarebbe crollata di circa il 55% (e quella di auto ibride plug-in “sarebbe” diminuita del 20% circa) rispetto a gennaio dello scorso anno. Almeno secondo molti articoli che leggete su diversi giornali e portali online italiani. Invece è un fake; infatti, questi articoli “confondono” il confronto tra gennaio 2024 (senza gli incentivi) rispetto a gennaio 2023 con il confronto rispetto a dicembre 2023 (con gli incentivi). In effetti, dicembre 2023 è stato l’ultimo mese possibile per sfruttare gli incentivi per l’acquisto di auto senza emissioni o poco inquinanti, dopodiché a gennaio la Germania ha eliminato il bonus per l’acquisto di auto elettriche. Vi sembra un confronto corretto paragonare gennaio con dicembre? Al di là del fatto che le case automobilistiche siano corse ai ripari ed abbiano offerto sconti e tagliato i listini, abbassando anche drasticamente i prezzi (fa clamore Dacia, che ha tagliato di circa 10.000 euro il prezzo del suo modello già piuttosto economico, la Spring, che abbiamo appena recensito su Elettronauti). E quindi come sono state le vendite di BEV? Vi teniamo in sospeso ancora per un paragrafo 😊

    Dacia spring 2023 anteriore | elettronauti. It
    Dacia spring 2023 anteriore | elettronauti It

    Chi ci guadagna e ci perde

    A gennaio 2024, Opel ha registrato la crescita più forte tra i marchi tedeschi con un aumento del 72,4% rispetto a gennaio 2023 e ha raggiunto una quota di nuove immatricolazioni del 5,9% del mercato totale. Anche BMW ha fatto molto bene: le immatricolazioni di auto nuove sono aumentate del 44,25% anno su anno, per una quota di mercato del 7,5%. Con il 19,5%, Volkswagen è stato il marchio tedesco con la quota più alta, mente le vendite sono salite del 12,1%. Porsche ha fatto segnare un +24,2% (con una quota del 1,8%), e Audi è salita del 4,6%, con una share del 7,2%. I marchi Ford (-9,7% anno su anno in termini di vendite, con una quota complessiva del 3,5%, e Mercedes (-0,5% anno su anno e 10,0% di market share) hanno invece registrato numeri di immatricolazioni in calo. Il segmento dei SUV, che detiene la maggiore quota di mercato con il 28,0%, ha registrato un aumento del 23,8% anno su anno. Con un aumento del 52,7%, la classe delle compatte ha raggiunto una quota del 20,2%, diventando così il secondo segmento più forte davanti ai fuoristrada (13,4% variazione annua/+13,0% quota di mercato) e alle piccole auto (11,5%/+15,3%).  

    Opel-rocks-e | elettronauti. It
    Opel rocks e | elettronauti It

    Le tipologie di propulsione: BEV fa +24% YOY

    81.724 automobili erano dotate di motore a benzina, per una quota di mercato del 38,3%. Si tratta di un aumento del 16,9% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. 40.936 nuove auto erano dotate di motore diesel, con un aumento del 4,3% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, ed una quota del 19,2%. Nel gennaio 2024, 66.496 nuove auto avevano una trazione ibrida, pari a una quota del 31,1% (+31,0% anno su anno), di cui 14.394 ibride plug-in. Il 10,5% delle nuove immatricolazioni riguardava auto elettriche (BEV). Con 22.474 nuovi veicoli, questo tipo di propulsione è cresciuta del 23,9% rispetto al risultato dello stesso mese dell’anno scorso (ossia gennaio 2024 rispetto a gennaio 2023). Ecco la fake news (che su questo argomento si sprecano) !

    Altro che crollo, a meno di raffrontare questo dato con dicembre 2023, mese però in cui c’erano ancora gli incentivi… e quindi il raffronto ha ben poco senso.

    In conclusione, le vendite di BEV sono salite in Germina a gennaio 2024, rispetto a gennaio 2023, ma sono (ovviamente) scese rispetto a dicembre 2023 per via della fine degli incentivi. Ora vedremo se gli sconti e il calo dei listini da parte dei produttori quanto invoglierà gli automobilisti a comprare auto elettriche nei prossimi mesi.

    RankBrandJan. 2024in %Vs. Jan. 2023
    in %
    1Volkswagen41.54819,5+12,1
    2Mercedes21.32310,0-0,5
    3Skoda16.6867,8+21,3
    4BMW16.0877,5+44,2
    5Audi15.4397,2+4,6
    6Opel12.6315,9+72,4
    7Seat/Cupra10.0704,7+80,2
    8Ford7.3783,5-9,7
    9Toyota6.7033,1+2,5
    10Dacia6.6313,1+16,9
    11Hyundai6.5013,0+7,0
    12Peugeot4.8862,3+78,4
    13Kia4.8382,3+53,8
    14Fiat4.5002,1+13,4
    15Citroen4.4392,1+95,6
    16Volvo4.0491,9+81,3
    17Porsche3.7981,8+24,2
    18Tesla3.1521,5-25,7
    19Renault2.9451,4-17,4
    20Mazda2.8791,3-13,5
    Source: KBA

    A parte la questione delle vendite in Germania, voi siete pro o contro gli incentivi all’acquisto?

    Emanuele Oggioni
    Emanuele Oggioni
    Analista finanziario, curioso di natura, Tesla owner e appassionato di e-mobility.

    Nuova batteria CATL e Yutong, rivoluzione nel settore dei veicoli elettrici

    La nuova batteria CATL e Yutong, rivoluzione nel settore dei veicoli elettrici, promette una durata eccezionale fino a 1,5 milioni di chilometri.

    Tesla Supercharger – Le tariffe di ricarica aggiornate | Aprile 2024

    Le tariffe sempre aggiornate della più grande rete di ricarica a corrente continua del mondo. Tesla e i suoi Supercharger si espandono alla velocità della luce.

    Renault, si appresta a lanciare la Twingo elettrica con un prezzo inferiore a 20.000 euro

    Renault, si appresta a lanciare la Twingo EV con un prezzo inferiore a 20.000 euro, la produzione avrà luogo nello stabilimento sloveno di Novo Mesto dal 2026.