banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheLa guerra dei prezzi dei veicoli elettrici Tesla e BYD mostra che...

    La guerra dei prezzi dei veicoli elettrici Tesla e BYD mostra che il taglio dei prezzi sui BEV sono tendenza, non moda

    Tesla ha iniziato a ridurre i prezzi delle proprie vettura e le altre case, sono state costrette, anche se in tono minore, a rispondere con la revisione in basso dei loro listini per le versioni elettriche.

    Molti operatori ritengono che sia stata una trovata a breve termine. Ma alcuni analisti ritengono che il taglio dei prezzi sia solo l’inizio di una tendenza a lungo termine,  naturale evoluzione di un mercato dei veicoli elettrici che si muove verso la maturità. E questa, è una buona notizia per i consumatori.

    ⚡️ Leggi anche: Greenergy 2023 – Ci vediamo il 16 Aprile a Cervia
    ⚡️ Leggi anche: e-Day 2023 – Raduno veicoli elettrici ed attività collaterali

    I costi di produzione diminuiscono rapidamente

    Pur essendo agli inizi, le aziende automobilistiche che realizzano veicoli elettrici, anche se per ora rappresentano solo il 10% delle vendite globali, stanno già assistendo ad enormi cali dei costi, mentre la produzione sale ad oltre 10 milioni di unità all’anno.

    Morgan Stanley traccia confronti tra le curve di costo della batteria con il polisilicio e le curve di costo dei LED, quando viene raggiunto un volume di produzione per cui diventano essenzialmente merce comune.

    Questo è quanto sta accadendo con la produzione di batterie in cui, non solo il costo di produzione diminuisce, ma anche il costo dell’investimento di capitale.

    In alcune recenti indagini, Morgan Stanley ha dimostrato che il costo di investimento di Tesla per GWh nella sua nuova espansione dello stabilimento in Nevada rappresenta un enorme calo del costo di investimento di produzione di anodi rispetto ai produttori di batterie coreane e cinesi.

    Anche rispetto ai costi di Tesla per il 2020, vediamo una riduzione del 50% da 60 milioni di dollari per GWh a soli 30 milioni di dollari per GWh nel 2023.

    ⚡️ Leggi anche: Milano – Area B a pagamento e inquinamento nella top 3 mondiale

    La standardizzazione del settore guiderà le economie di scala

    Adam Jonas sottolinea anche, che nel percorso di maturazione dell’evoluzione produttiva, l’industria continuerà a sviluppare standard che guideranno ulteriori economie di scala e sostiene che Tesla sta stabilendo il ritmo.

    Grazie alla ristretta gamma di prodotti e della produzione di volumi molto elevati per modello, rispetto all’approccio tradizionale dei fabbricanti storici che offrono una gamma più ampia, con inevitabili volumi inferiori per modello, Tesla è in una posizione privilegiata per essere il setter standard di settore.

    Ciò è particolarmente vero se si rilevano alcune delle recenti scoperte di produzione di Tesla, come i getti a corpo singolo, che vengono realizzati per il Model Y e il Model 3, utilizzando le più grandi macchine per colata del mondo.

    Il nuovo processo di fusione significa che i sottoinsiemi che coinvolgono centinaia di parti saldate possono essere sostituiti con solo un numero ristretto di grandi getti. L’Investor Day ha evidenziato i vantaggi dei casting uni-body della Tesla:

    La guerra dei prezzi dei veicoli elettrici tesla e byd mostra che il taglio dei prezzi sui bev sono tendenza, non moda. | elettronauti. It
    Storia struttura tesla | elettronauti It
    1. Parti ridotte risparmiando il 10% di massa e aumentando l’autonomia del veicolo del 14%.
    2. Area di produzione ridotta risparmiando 300-1000 robot e il 35% dello spazio di produzione. La Model Y che attualmente utilizza involucri a corpo singolo utilizza solo il 30% dei robot utilizzati per la Model 3.
    3. Elevata produttività e tempi di produzione più brevi. 80-90 secondi per completare una parte che richiederebbe 1-2 ore con il processo tradizionale.

    Gli enormi risparmi sui costi che derivano da questo nuovo metodo lo rendono un punto di svolta completo per l’industria e altre case automobilistiche dovranno replicare il nuovo processo per rimanere competitivi a lungo termine.

    I dirigenti Toyota hanno già mostrato quanto siano impressionati ed hanno recentemente commentato che il processo di progettazione e produzione di Model Y di Tesla è “veramente un’opera d’arte”.

    Concorrenza

    La frase “La concorrenza sta arrivando” è stata ridicolizzata nella comunità Tesla per molti anni, poiché molte aziende automobilistiche tradizionali fanno grandi annunci sui veicoli elettrici, ma non riescono a produrre volumi consistenti ed a praticare prezzi bassi.

    Nonostante il fatto, che nessuna casa automobilistica sia stata effettivamente in grado, di produrre il modello “Tesla Killer”, Morgan Stanley crede che la concorrenza stia arrivando. 

    Jonas sottolinea il recente annuncio di Volkswagen che sta sviluppando l’iD.2 e l’iD.1 berlina. 

    LiD.2all in stile Golf da 25.000 euro dovrebbe essere lanciato in Europa 2025 mentre Volkswagen dice che l’iD.1 sotto i 20.000 euro sarà disponibile nel 2027.

    Se la seconda più grande casa automobilistica del mondo riuscirà a mantenere le promesse di questi recenti annunci è ancora da vedere, tuttavia è chiaro che l’industria sta ora puntando all’elettrico a prezzi accessibili. 

    Forse, ancora di più delle rivelazioni che sono state recentemente fatte all’Investor Day di Tesla, occorre un cambiamento di paradigma nella produzione che l’aiuterà a ottenere il suo costo di produzione sotto i 20.000 dollari per veicolo.

    “Se Tesla non taglia il prezzo, lo farà qualcun altro” dice Adam Jonas.

    In ogni caso Tesla dovrà rimanere competitiva con i produttori cinesi di veicoli elettrici che producono modelli più convenienti.

    Calo dei prezzi del litio

    Morgan Stanley afferma che il carbonato di litio cinese (la maggior parte delle batterie per veicoli elettrici del mondo sono attualmente prodotte in Cina) è recentemente sceso nettamente al di sotto dei 40 dollari per tonnellata.

    Contrariamente alle recenti affermazioni del capo scienziato di Toyota, Gill Pratt, secondo cui c’è carenza di litio, la realtà è che la produzione globale di litio si sta espandendo rapidamente. Gran parte di esso proviene dall’Australia.

    ⚡️ Leggi anche: Secondo uno studio le vetture Plug-in Hybrid non sono così verdi come si pensa

    La guerra dei prezzi dei veicoli elettrici tesla e byd mostra che il taglio dei prezzi sui bev sono tendenza, non moda. | elettronauti. It
    Grafico produzione litio | elettronauti It

    Modello di vendita aftermarket

    Morgan Stanley osserva anche, che il modello di business di Tesla che include una rete di ricarica redditizia e la possibilità per i clienti di acquistare aggiornamenti software tramite aggiornamenti over-the-air, significa che può ricevere ulteriori profitti dai veicoli per molti anni dopo la loro vendita.

    Ciò significa che se vuole, Tesla ha la capacità di ridurre il suo margine di vendita sui prezzi di acquisto perché sa che farà soldi con la ricarica e il software aftermarket in seguito.

    Tesla è attualmente l’unica casa automobilistica con una rete di ricarica globale così vasta, quindi se Morgan Stanley crede che possa emergere un nuovo modello di business a livello industriale, allora si aspetta che altri costruiscano qualcosa di simile. Ancora una volta, il tempo dirà se questo accade, ma ad oggi sembra improbabile.

    Come sarà l’industria in corso di maturazione?

    Per il taglio dei costi significativo, tutti gli ingredienti sono già conosciuti. I veicoli elettrici hanno molti meno componenti rispetto ai veicoli a combustione interna e sono molto più semplici da assemblare, quindi raggiungendo economie di scala, i veicoli elettrici dovrebbero, in teoria, essere molto più economici da realizzare rispetto alle auto con motore a combustione interna.

    Anche l’aspetto del mercato può essere molto diverso. Nella loro ricerca Morgan Stanley sta suggerendo che il resto dell’industria automobilistica potrebbe essere in grado di copiare molti degli sviluppi che Tesla ha fatto e “recuperare” in qualche modo.

    Durante la presentazione all’Investor Day, al CEO di Tesla Elon Musk è stato chiesto quanti modelli Tesla avesse pianificato di produrre alla fine. Musk ha detto probabilmente non così tanti, “circa 10”.

    La risposta di Musk ha indicato che crede che l’intero settore possa passare, dall’avere centinaia di modelli diversi a pochi. Un cambiamento simile a quello che è successo con i telefoni cellulari con il lancio dello smartphone.


    Siete d’accordo con questo studio di Morgan Stanley? Gli “altri” sono davvero così vicini?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Opel Mokka-e?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Opel Corsa-e

    “Mammoth” in Islanda il più grande impianto di rimozione di CO2 al mondo

    Climeworks ha comunicato di aver avviato le operazioni del più grande impianto di “cattura diretta dell’aria” del mondo, situato su un altopiano lavico nel sud dell’Islanda.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Abarth 500e?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Abarth 500e.