banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAILa guida autonoma di livello 4 di Renault per il trasporto pubblico 

    La guida autonoma di livello 4 di Renault per il trasporto pubblico 

    Renault pragmaticamente immagina che, la guida autonoma di domani sarà utile e necessaria soprattutto per il servizio pubblico.

    Per gli Open di Tennis in Francia, la casa della Losanga sperimenterà un servizio di due minibus elettrici e con un livello 4 di guida autonoma. Dal 26 maggio al 9 giugno, dalle ore 11.00 alle ore 19.00, questo servizio sperimentale permetterà di recarsi dal parcheggio P2, situato vicino al Bois-de-Boulogne, allo stadio di Roland-Garros ed al termine delle partite, di lasciare Roland-Garros per raggiungere Place de la Porte d’Auteuil o tornare al parcheggio P2

    Si tratta di navette per otto-dieci passeggeri, sviluppate con il partner cinese We Ride.

    La guida autonoma di livello 4 di renault per il trasporto pubblico  | elettronauti. It
    Disposizione interna minibus autonomo weride fonte renault | elettronauti It

    La tecnologia alla base del progetto sarà il sistema self-driving che sarà installato sulla piattaforma per Large Van di Renault, la stessa dell’attuale nuova generazione della Lina di furgoni Master, in grado di muoversi, senza la presenza di un conducente a bordo, in un raggio d’azione stabilito, con la supervisione da remoto.

    Il servizio nell’area dello Stadio Roland Garros non è solo un Test per Renault, ma si rivela anche uno strumento per sorprendere gli utenti e suscitare l’interesse da parte degli Enti Pubblici e Privati, coinvolti in progetti di mobilità urbana di prossimità.

    Guida autonoma Renault, una risposta alle necessità

    In Europa, oltre 400 grandi città si stanno trasformando in zone a basse emissioni, una situazione che implica la necessità di garantire strumenti adeguati per garantire il movimento rapido, in sicurezza ed a basso impatto, per tutte le categorie sociali. In questo contesto, il Gruppo Renault, da diversi anni, sperimenta soluzioni che offrano la migliore risposta alle necessità degli Enti Pubblici e dei loro cittadini.

    Tra le proposte c’è il progetto Mach 2, annunciato nel 2023 e che dal 2026 metterà a disposizione della rete di trasporto pubblico di Chateauroux Metropole in Francia, una flotta di minibus elettrici automatizzati

    Alla fine della sperimentazione, l’obiettivo è offrire una piattaforma di minibus robotizzati a batteria basata sul nuovo Renault Master. Questi minibus, flessibili ed autonomi, potranno operare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, rappresentando un’alternativa a zero emissioni od un’integrazione ai mezzi pubblici già esistenti, come treni, tram e autobus, con contenimento sia in termini di costi che di emissione di CO2, in rapporto ai chilometri per passeggero.

    La visione di Renault

    Secondo il Gruppo Renault, i costi aggiuntivi di robotizzazione e automazione potrebbero essere compensati dall’assenza di operatori a bordo, visto che per gestire la flotta basterà un semplice sistema di supervisione da remoto

    La guida autonoma di livello 4 di renault per il trasporto pubblico  | elettronauti. It
    Prototipo minibus weride fonte renault | elettronauti It

    La start-up cinese We Ride, che dal 2018 ha come azionista strategico l’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, fornirebbe la necessaria tecnologia di guida autonoma. Fondata nel 2017 e specializzata nella guida autonoma di livello 4, We Ride è supportata in particolare da Bosch e da produttori cinesi come Guangzhou Automobile Group (GAC) e Yutong che, ha prodotto proprio la navetta autonoma utilizzata nell’area limitrofa al Roland Garros. L’azienda attualmente gestisce una flotta di quasi 700 veicoli in una trentina di città in Cina e negli Stati Uniti

    La guida autonoma di livello 3, che consente ai conducenti di staccare le mani dal volante e di distogliere temporaneamente l’attenzione dalla strada, “non è una priorità a breve termine” per le auto private prodotte dal Gruppo Renault.

    Attualmente il Gruppo offre il livello 2 e il livello 2+ con una trentina di sistemi di assistenza alla guida e tra i più recenti il cruise control con mantenimento nella corsia o a breve anche la funzione di sorpasso automatico.

    Le dichiarazioni

    "Anche se andare oltre è tecnicamente possibile,  non consideriamo prioritario il raggiungimento del livello 3 nel breve termine per la complessità di un’impresa del genere, ma anche per il costo aggiuntivo che ricadrebbe sui consumatori".
    Jean-Francois Salessy, Vice Presidente Advanced Technologies
    “Il Gruppo Renault fa passi avanti per realizzare la sua strategia per i veicoli autonomi. Grazie alle nostre sperimentazioni e ai nostri partner, i migliori nei rispettivi settori, saremo in grado, ben prima della fine del decennio, di proporre un’offerta pertinente e decarbonizzata di minibus autonomi per soddisfare le crescenti esigenze dei territori”.
    Gilles Le Borgne, CTO Gruppo Renault
    Elettronauti. It - categoria renault nissan mitsubishi group
    Elettronauti. It - seguici su google news

    Cosa ne pensi di questa tecnologia? Aiuterà veramente nella vita quotidiana?

    Fonte

     


    Andrea Pugliese
    Andrea Pugliese
    Esperto di Fotovoltaico, appassionato di auto elettriche e curiosio di tutto il mondo della tecnologia fanno di me un elettronauta perfetto!

    Terribile verità: Rischi e inquinamento di auto elettriche e termiche!

    Quando si parla di auto elettriche e inquinamento, molti di voi pensano ancora che inquinino più delle auto termiche, il che, vi assicuriamo, è sbagliatissimo.

    Hyundai presenta la nuova Inster EV, la piccola elettrica a prezzi accessibili

    Hyundai sta mostrando le prime immagini della sua nuova Inster EV prima del suo debutto ufficiale. La citycar elettrica dovrebbe essere l'ultima EV economica ad arrivare sul mercato.

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf a Sunderland con una produzione di prova da agosto

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf con una produzione di prova da agosto, la casa giapponese avvierà la produzione in serie a marzo 2025