banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeElettronauti Originals"L'elettrico fa pochi km" - Monopattino Edition

    “L’elettrico fa pochi km” – Monopattino Edition

    Quante volte vi sarà capitato di sentirvi dire che l’elettrico va bene solo per fare pochi km. Per le automobili elettriche è un falso mito già ampiamente sfatato. Anche se chi non ha provato e non vuole provare negherà sempre… Ma oggi non parleremo di un’automobile elettrica, bensì di un monopattino.

    Poteva essere una giornata normale, con il monopattino, e invece…

    Eh sì… era un quasi normale lunedì lavorativo nel milanese, quando al ritorno a casa da una lunga giornata lavorativa ti ritrovi a fissare il cartellone delle partenze dei treni e vedi tutti i treni cancellati per le successive 3 ore. E sei a 11 o più km da casa, dopo aver già fatto 17 km di monopattinata tra mattina e sera. A quel punto o ti arrendi o prosegui. E fu così che riaccesi il monopattino nella terza traversata di Milano di giornata.

    ⚡️ Leggi anche: Apple Mappe – svolta per le auto elettriche

    Il risultato è che dopo altri 40 minuti sono riuscito a tornare a casa con il 5% di batteria residua e con il monopattino che non andava più oltre i 24 km/h a causa del basso voltaggio della batteria man mano che va ad esaurirsi.

    … ma partiamo dall’inizio

    Iniziamo dicendo che non sono pazzo (più o meno) e che prima di questo periodo il mio tragitto giornaliero era di 8 km totali in monopattino. Divisi tra 6 km per fare il tragitto casa-stazione e 2 km per il tragitto stazione-lavoro.

    Ma a causa del passante cittadino chiuso da Sabato 23 Luglio, tra le stazioni di Milano Lancetti e Milano Porta Vittoria, ho deciso di raggiungere il lavoro passando per la circonvallazione in mezzo ad auto, scooter, autobus e rotaie dei tram. Aggiungendo circa 12 km di viaggio extra rispetto al consueto. Totale giornaliero quindi salito a 20 km netti.

    "l'elettrico fa pochi km" - Monopattino Edition
    Il nuovo tragitto che faccio due volte al giorno | elettronauti It

    E “normalmente” mi fermerei a questi 20 km. Ma ovviamente la sfortuna quando vuole sta appresso. Quindi tra treni decimati e tratte troncate, ci si mettono anche a cancellare i treni serali uscenti dalla metropoli. Ed è lì che è sorto il problema.

    Per fortuna, da quando ho saputo direttamente sul vagone che il mio treno non avrebbe raggiunto la mia destinazione di Milano Garibaldi, ho iniziato a caricare il monopattino al 100% ogni sera, rispetto al limite dell’80% con cui ricarico quotidianamente. E nonostante i 20 km giornalieri arrivo a casa con il 35/40% residuo.

    Tornando a quella sera

    Quindi quando quella sera mi ritrovai senza un treno per il ritorno in realtà sapevo che sarei potuto tornare a casa riattraversando anche la parte sud di Milano per poi scendere nell’hinterland. Avevo l’energia necessaria per fare i restanti 11 km. Ero più che altro scocciato per l’imprevisto.

    Ma se vi state chiedendo se per sicurezza sia tornato a casa preservando energia vi state sbagliando. Ho tirato tutta la giornata il monopattino in modalità Sport per avere l’accelerazione giusta ad incroci e semafori.

    Quindi si può anche con il monopattino uscire di casa e superare tutti gli imprevisti?

    Sì, si può, ma è più complicato.

    Il monopattino si ricarica solo con un alimentatore casalingo e in genere ci mette tante ore in base alla batteria che si deve caricare. È sì possibile ricaricarlo al lavoro se ci si porta dietro il caricatore (cosa che NON faccio) ma non è possibile farlo ad una stazione di servizio come si fa ad esempio con una Tesla ad un Supercharger.

    "l'elettrico fa pochi km" - Monopattino Edition
    Segway ninebot e45e | elettronauti It

    Inoltre, come per l’auto elettrica, è necessario sapere quanta autonomia ci serve nella giornata per non rischiare di sbagliare l’acquisto. Nel mio caso ad esempio il monopattino, un Ninebot ES4, ha un’autonomia stimata di 45 km che si traducono in 30/35 km reali in base alla guida e a dove si guida. Raggiunge i 30 km/h fino a che non si scende sotto il 50%.

    Quindi se si sceglie bene il monopattino e se ci si porta dietro il caricatore si possono affrontare avventure e disavventure, come in questo caso, senza rischiare di rimanere a piedi. In ogni caso si può mettere la modalità Standard o ECO per abbassare curve di coppia e potenza.

    E da Milano per oggi è tutto. Ci rivediamo alla prossima puntata, sperando sia un’avventura!

     


    Federico Fumagalli
    Federico Fumagalli
    Sono un appassionato di auto sin dal primo GranTurismo del 1996. Ed è proprio il mio amore per le auto che mi ha spinto ad appassionarmi alle auto elettriche. Il mondo cambia, la tecnologia si evolve, e se si rimane indietro spesso è un male. Tecnologia, mobilità e ambiente saranno i temi di cui vi parlerò. Non dovremo essere d’accordo ma almeno ragionarsi su!

    Terribile verità: Rischi e inquinamento di auto elettriche e termiche!

    Quando si parla di auto elettriche e inquinamento, molti di voi pensano ancora che inquinino più delle auto termiche, il che, vi assicuriamo, è sbagliatissimo.

    Hyundai presenta la nuova Inster EV, la piccola elettrica a prezzi accessibili

    Hyundai sta mostrando le prime immagini della sua nuova Inster EV prima del suo debutto ufficiale. La citycar elettrica dovrebbe essere l'ultima EV economica ad arrivare sul mercato.

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf a Sunderland con una produzione di prova da agosto

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf con una produzione di prova da agosto, la casa giapponese avvierà la produzione in serie a marzo 2025