banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeElettronauti OriginalsL'elettrico in Borsa: Fastned, ricariche super veloci

    L’elettrico in Borsa: Fastned, ricariche super veloci

    Oggi facciamo la conoscenza di Fastned, una società specializzata nella vendita di servizi di ricarica per veicoli elettrici con elettricità proveniente al 100% da impianti rinnovabili, nonché il principale titolo quotato in Europa in questo business. Alla fine del terzo trimestre 2023, Fastned aveva installato 280 stazioni per complessive 1.557 postazioni di ricarica, oltre la metà in Olanda, che sappiamo essere uno dei mercati più sviluppati nell’adozione dei veicoli elettrici puri a livello continentale, e a seguire Francia (15% del totale, ossia 236 punti), Germania (13% del totale, con 199 punti), Belgio, UK e Svizzera. In ogni caso, anche Italia, Spagna e Polonia sono nell’elenco dei prossimi target in cui espandere la propria rete di ricarica. In Italia ad esempio, dove ENEL X Way e Be Charge di Plenitude, gruppo ENI, la fanno da padrona come quota di mercato delle infrastrutture di ricarica, è stata scelta scelta a settembre 2023 la location per la prima stazione di ricarica vicino all’uscita autostradale di Brescia Est sulla A4. La realizzazione è prevista per il 2024.

    Fastned ha installato 280 stazioni per complessive 1. 557 postazioni di ricarica | elettronauti. It
    Fastned ha installato 280 stazioni per complessive 1 557 postazioni di ricarica | elettronauti It

    Il settore è visto in forte crescita

    Secondo BNEF Electric Vehicle Outlook 2023, nel 2030 in Europa ci saranno 40 milioni di veicoli elettrici, per una domanda di ricarica ricorrente superiore a 100 miliardi di kWh all’anno. Fastned stima che almeno il 30% dei punti di ricarica sarà fast e che la rete di ricarica pubblica sarà sostenuta dalla crescente domanda da parte dei consumatori, considerando che tra il 40% (ad esempio in UK) e il 70% (proprio in Olanda, il mercato domestico per la società) dei potenziali acquirenti di veicoli BEV non hanno la possibilità di ricaricare privatamente, a casa loro. In questa stima di Fastned, Italia e Germania si collocano nel mezzo del range, intorno al 50% di proprietari di casa che non possono ricaricare in un parcheggio privato presso la loro abitazione. Ad oggi, il tasso di utilizzo della rete di ricarica di Fastned è solo dell’11% (ossia le colonnine vengono utilizzate dai clienti per circa un decimo del tempo, mentre per il resto rimangono libere), ma il ritorno sul capitale investito è già interessante e pari al 14,7% (e il management stima un ritorno maggiore al 40% se il taso di utilizzo salisse al 30%, ossia ad un terzo delle ore disponibili).

    Il 76% dei punti di ricarica installati ha una potenza di 300-400 kw | elettronauti. It
    Il 76 dei punti di ricarica installati ha una potenza di 300 400 kw | elettronauti It

    Il modello di business sta funzionando

    Fastned si pone come un operatore specializzato, come ad esempio Allego e Gridserve, in competizione con gli OEM come Tesla e Ionity, che hanno sviluppato una loro rete di ricarica super veloce, ed altri operatori del settore utility (EnBw, EWE, ENEL), che fanno leva sulla propria capacità di produzione di elettricità da fonti rinnovabili, o del settore energia (ENI attraverso Plenitude, BP, Shell, Total Energies), che invece fanno leva sulla propria rete di stazioni di servizio di carburanti da fonti fossili, per installare anche dei punti di ricarica per veicoli elettrici. Ovviamente la location è tutto, e quindi Fastned, come altri operatori, puntano ad avere una maggiore presenza lungo le autostrade (nelle aree di servizio) o presso le uscite autostradali, che costituiscono i principali punti di passaggio per i viaggiatori di lunga distanza, che quindi maggiormente necessitano di ricaricare la propria auto elettrica molto velocemente. Sappiamo quanto in certe zone d’Italia e non solo sia difficile ricaricare fast e super fast (qui un esempio vissuto). Infatti, ricordiamo che la rete di ricarica del gruppo è davvero veloce: il 76% dei punti di ricarica installati ha una potenza di 300-400 kW, il 16% di 150-175 kW e solo l’8% di 50 kW. La società dovrebbe chiudere il 2023 con un EBITDA (margine operativo lordo) positivo per la prima volta nella sia storia. In effetti, le ricariche continue in DC non sono salutari alla batteria… Ne abbiamo parlato qui.

    Fastned è stato votato come il migliore network di ricarica in uk | elettronauti. It
    Fastned è stato votato come il migliore network di ricarica in uk | elettronauti It

    Il titolo in Borsa

    Fastned capitalizza ad oggi circa 500 milioni di euro, ed è ai minimi storici dopo un lungo crollo rispetto ai valori della quotazione a fine 2020. La crescita inferiore alle attese ha più che compensato il fatto che la società stia comunque generando i suoi primi trimestri positivi in termini di margine operativo lordo. La generazione di cassa è negativa, come è ovvio per tutte le società che stanno spingendo sugli investimenti, in questo caso per aumentare la rete dei punti di ricarica mettendo la “bandierina” sulle location migliori (che sono un fattore scarso e quindi un vantaggio competitivo). Il debito al momento è sotto controllo ma gli investitori si aspettano un altro aumento di capitale per finanziare una crescita ambiziosa: avere oltre 400 stazioni operative nel 2025 con ricavi superiori a 400 milioni di euro ed un EBITDA margin maggiore del 40%.

    La società è controllata dal top management-fondatore, con oltre il 50% delle azioni, mentre tra i principali investitori finanziari stabili figura Schroders con quasi l’11%, a seguito di una sottoscrizione di capitale fatta per siglare una partnership di lungo termine, mentre il flottante (ossia il numero di azioni normalmente scambiabili sul mercato) è del 24%.

    L’andamento di fastned nell’ultimo anno, grafico investing | elettronauti. It
    Landamento di fastned nellultimo anno grafico investing | elettronauti It

    Conoscevate già Fastned? Siete contenti del loro recente approdo anche nel nostro Paese?

    Fonte

     


    Emanuele Oggioni
    Emanuele Oggioni
    Analista finanziario, curioso di natura, Tesla owner e appassionato di e-mobility.

    L’hypercar OWL di Aspark diventa l’EV più veloce del mondo con 438,7 km/h

    C'è una nuova hypercar elettrica a dar fastidio a Tesla e Rimac, la giapponese Aspark OWL, con l'aiuto dell'italiana Manifattura Automobili Torino, ha...

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.