banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheL'elettrico in Borsa: la stella di Polestar non brilla

    L’elettrico in Borsa: la stella di Polestar non brilla

    Polestar è il noto marchio premium di Volvo, che è stato riposizionato nel segmento delle auto elettriche di lusso nel 2017 dopo l’acquisito della casa svedese Volvo da parte del colosso cinese Zhejiang Geely Holding Group (meglio noto come Geely). Il Chairman del Board (ossia il presidente del Consiglio di Amministrazione), è Shu Fu Li, l’imprenditore dietro a Geely. Volvo Cars e Geely detengono, in totale, circa l’88% delle azioni Polestar.  

    Polestar: gamma completa di modelli attesi al 2026 | elettronauti. It
    Polestar gamma completa di modelli attesi al 2026 | elettronauti It

    Ampia gamma di modelli in arrivo

    La gamma di Polestar è ben delineata e oltre al principale veicolo, la Polestar 2, è in arrivo la Polestar 4 (un crossover SUV o come la definisce la società, una “performance sport utility coupé”) con produzione attesa dal prossimo novembre e la Polestar 3 (“performance sport utility vehicle”) da inizio 2024 (questo grosso SUV elettrico ha subito dei ritardi a causa della piattaforma software). In seguito, arriveranno anche la Polestar 5 (“high performance 4-door grand tourer”) e la Polestar 6 (“high performance roadster”). Già nel 2019 era stata lanciata la prima vettura sul mercato, la Polestar 1, seguita dal modello ad oggi più venduto, la “performance fastback” Polestar 2, che di recente ha raggiunto le 150 mila unità prodotte in tre anni.

    La Polestar 2 è stata migliorata nel software ed ora può raggiungere sino a 650 chilometri di autonomia con la possibilità di fare ricariche ancora più veloci (sino a 205 kWh). Da giugno dello scorso anno sono stati aperti 25 nuovi spazi Polestar, portando il totale a 150. Il primo Space di Polestar in Italia sarà inaugurato entro la fine del 2023, mentre è già possibile fare un test drive della Polestar 2 in Italia in due sedi, a Roma e vicino a Milano (Concorezzo, provincia di Monza Brianza).

    La polestar 4 sarà prodotta da fine anno | elettronauti. It
    La polestar 4 sarà prodotta da fine anno | elettronauti It

    I numeri del primo semestre

    I risultati dei primi sei mesi dell’anno sono stati pubblicati solo poco tempo fa, a fine agosto, ed hanno deluso il mercato, con il titolo che è sceso di oltre il 10%. Il management ha confermato il target di produzione di 60-70 mila unità a fine 2023, dalle poco più di 51 mila del 2022. Una crescita non così esorbitante e inferiore alle attese di inizio anno (che era di produrre almeno 80 mila veicoli), causata dalla crescente competizione nel segmento SUV da parte sia di Tesla con la Model Y e il continuo taglio di listino, sia a causa dei produttori cinesi, che hanno ampliate l’offerta e seguito Tesla nei tagli di prezzo. Nei primi sei mesi del 2023, Polestar ha consegnato 27.841 auto a livello globale, in crescita del 31% su base annua, con un aumento dei volumi in mercati come Regno Unito, Canada e Australia e vendite incrementali nei suoi mercati più recenti, Italia e Spagna. Il gross margin è sceso dal 4% all’1% nei primi sei mesi del 2023 rispetto ad un anno fa, per i maggiori costi di produzione causati dall’inflazione e dalle interruzioni della catena di approvvigionamento. Queste pressioni inflative sono viste diminuire nel secondo semestre tanto che la società ha confermato il 4% di margine target per fine anno (era poco sopra il 5% nel 2022).

    Prototipo della polestar 3, che sarà prodotta nel 2024 | elettronauti. It
    Prototipo della polestar 3 che sarà prodotta nel 2024 | elettronauti It

    I numeri in Borsa: in cerca di nuovi fondi

    Quotata poco più di un anno fa, a fine giugno 2022, il titolo è sempre sostanzialmente sceso dai massimi di 12-13 dollari del debutto a poco più di 2 dollari per azione nel momento in cui stiamo scrivendo (quindi -65% rispetto a un anno fa, mentre l’indice americano principale, lo S&P 500, è salito del 15%). La capitalizzazione di mercato è di circa 5 miliardi di dollari, mentre la posizione finanziaria netta a fine giugno era di circa 1,5 miliardi di debito. Ciò significa che Polestar deve raccogliere del nuovo capitale, che molto probabilmente sarà sotto forma di equity (ossia capitale azionario, mediante emissione di nuove azioni) oltre che di debito (nuove emissioni o debito obbligazionario o bancario). Durante il 2023, ad esempio, la società ha attinto a una nuova emissione di debito per 800 milioni di dollari ad un costo di ben il 7% di tasso di interesse. La via più probabile a nostro avviso è un aumento di capitale, che permetterebbe anche di aumentare il flottante (la parte di azioni liberamente scambiabile sul mercato dagli investitori, ora solo circa il 12% del totale delle azioni, che si contrappone a quella detenuta stabilmente dagli azionisti di controllo come Volvo Cars e Geely) e quindi la liquidità del titolo (ossia i volumi di scambi delle azioni sul mercato). Il 12% delle azioni in circolazione (il cosiddetto “flottante”) è tutto oggetto di short, ossia è stato venduto da chi specula su una ulteriore discesa del prezzo per poter poi ricomprare a livelli più bassi quindi chiudere l’operazione realizzando un guadagno.

    Il grafico dei prezzi delle azioni polestar dalla quotazione (da stockanalysis. Com) | elettronauti. It
    Il grafico dei prezzi delle azioni polestar dalla quotazione da stockanalysis Com | elettronauti It

    Cosa ne pensate della situazione Polestar?

     


    Emanuele Oggioni
    Emanuele Oggioni
    Analista finanziario, curioso di natura, Tesla owner e appassionato di e-mobility.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Opel Mokka-e?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Opel Corsa-e

    “Mammoth” in Islanda il più grande impianto di rimozione di CO2 al mondo

    Climeworks ha comunicato di aver avviato le operazioni del più grande impianto di “cattura diretta dell’aria” del mondo, situato su un altopiano lavico nel sud dell’Islanda.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Abarth 500e?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Abarth 500e.