banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheL'UE ha rivisto i dazi proposti sui veicoli elettrici cinesi… ma solo...

    L’UE ha rivisto i dazi proposti sui veicoli elettrici cinesi… ma solo in minima parte

    Un nuovo rapporto afferma che l’Unione Europea ha leggermente modificato le tariffe proposte sui veicoli elettrici importati da alcune case automobilistiche cinesi, dopo che queste hanno divulgato maggiori dettagli sulle loro attività. I tagli alle tariffe sono marginali, ma potrebbero offrire un briciolo di speranza che l’UE sia ancora disposta a negoziare i dazi prima della loro imposizione la prossima settimana.

    Un’altra settimana, un altro capitolo della guerra commerciale in corso a seguito dei dazi proposti dall’UE sui veicoli elettrici costruiti in Cina che entrano nella regione.

    Probabilmente conoscete già i retroscena. La Commissione europea ha aperto un’indagine antisovvenzioni sulle importazioni di veicoli elettrici cinesi, ritenendole sleali dal punto di vista della concorrenza, ha minacciato nuove tariffe, gli Stati Uniti hanno imposto tariffe proprie quadruplicate al 100%.

    Il Canada si è unito alla mischia, valutando l’ipotesi di imporre tariffe sui veicoli elettrici cinesi per allinearsi ai partner commerciali di USA e UE. Nel frattempo, il Ministero del Commercio cinese ha criticato l’indagine antisovvenzioni della Commissione europea, sostenendo che i dettagli richiesti alle case automobilistiche straniere sono “senza precedenti” e paragonando l’indagine a livelli di spionaggio.

    All’inizio del mese, il Ministero del Commercio cinese ha incontrato a Pechino diverse case automobilistiche oggetto dell’indagine dell’UE, tra cui le aziende statali SAIC e BYD. All’incontro hanno partecipato anche case automobilistiche europee come BMW, Volkswagen e Porsche, che hanno cercato di trovare una soluzione per evitare le minacce del governo cinese di “adottare contromisure decise” e di aumentare una tariffa provvisoria sulle auto a benzina importate dall’UE.

    In un recente rapporto, l’UE ha alleggerito le tariffe proposte per alcune case automobilistiche cinesi EV, ma solo di pochi punti percentuali.

    L'UE ha rivisto i dazi proposti sui veicoli elettrici cinesi... ma solo in minima parte | Elettronauti.it
    Nave cargo byd fonte byd | elettronauti It

    L’UE riduce le tariffe proposte per SAIC e Geely

    Secondo un recente rapporto di Bloomberg, l’UE ha ridotto alcune tariffe sui veicoli elettrici cinesi dopo aver ricevuto maggiori informazioni dalle case automobilistiche nell’ambito della sua indagine antisovvenzioni. La notizia proviene da una persona che ha familiarità con la questione e che ha parlato a condizione di mantenere l’anonimato.

    Secondo il rapporto, le seguenti case automobilistiche cinesi vedranno ridotti i dazi sui veicoli elettrici importati nel mercato europeo:

    SAIC: 37,6% (in precedenza 38,1%)

    Geely Automobile Holding: 19,9% (in precedenza 20%)

    Come si può notare, le percentuali di riduzione delle tariffe sono marginali, ma meglio di niente, supponiamo. Le nuove tariffe proposte si aggiungeranno al dazio del 10% già esistente nell’UE e si applicheranno alle altre case automobilistiche cinesi, sia a quelle che hanno collaborato alla lotta contro le sovvenzioni sia a quelle che non lo hanno fatto. Le tariffe proposte sono rispettivamente del 20,8% (dazio medio sul peso) e del 37,6%.

    Anche l’azienda automobilistica emergente Build Your Dreams (BYD) è stata menzionata nel rapporto sulla riduzione delle tariffe dell’UE, ma non vedrà alcuna modifica ai dazi proposti, che saranno del 17,4% se e quando tali tariffe entreranno in vigore.

    Secondo quanto riferito, sia la Cina che l’UE sono ancora in trattativa al tavolo dei negoziati e sembra che la prima si stia accontentando di un compromesso barattato piuttosto che di una completa abolizione delle nuove tariffe. Seguiremo da vicino questa vicenda, poiché le tariffe proposte dall’UE dovrebbero entrare in vigore inizialmente il 4 luglio, prima che i dazi definitivi entrino in vigore in autunno.

    Elettronauti. It - seguici su google news

    Si accettano scommesse. Come andrà a finire questa “guerra” dei dazi, secondo voi?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Nuova Dacia Spring 2024, le nostre impressioni di guida

    Dopo avervi elencato tutte le caratteristiche della nuova Dacia Spring 2024 è venuto il momento di scoprire ne nostre prime impressioni sulla piccola citycar.

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck, dopo circa sei mesi dopo il debutto del Cybertruck negli Stati Uniti.

    Ecco la nuova Dacia Spring Electric 2024

    La regina delle citycar elettriche si aggiorna ancora. Attesa nel nostro Paese per l'estate, abbiamo avuto modo di provare per Voi la nuova Dacia Spring.