banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheMiti sui veicoli elettrici - Un ripasso di fine estate

    Miti sui veicoli elettrici – Un ripasso di fine estate

    Inutile negarlo, è in atto una vera e propria guerra mediatica contro il passaggio all’elettrico da parte dei principali media italiani, trainati dallo scarsamente documentato pensiero, espresso dai rappresentanti di Governo che continuano a sostenere tesi che nel resto d’Europa sono già state dimostrate come errate.

    Accade così, che sotto l’ombrellone o nei ritrovi montani, si continuino a sentire discussioni e dichiarazioni del tipo: “I veicoli elettrici rovineranno il vostro weekend” – “I veicoli elettrici non possono trainare la vostra barca”“Non ci sono sufficienti punti di ricarica”“Il passaggio all’elettrificazione di massa manderà il tilt il sistema elettrico nazionale” ed anche l’assurda convinzione che “Il futuro dell’automobile non è nel passaggio all’elettrico, ma all’alimentazione ad idrogeno”.

    Tesla perde uno dei suoi più importanti dirigenti ingegneristici | elettronauti. It
    Nonostante i miti | elettronauti It

    Ancora una volta cari elettronauti, ripassiamo i Miti sull’auto elettrica e li smascheriamo, giusto per un “ripasso, prima degli Esami di Settembre”.

    Mito 1: I veicoli elettrici hanno un’autonomia limitata e sono poco pratici per i viaggi a lunga distanza

    Falso. I moderni veicoli elettrici hanno un’autonomia notevolmente migliorata. La Tesla S, il modello di punta della gamma, può percorrere oltre 800 km con una sola carica e molti veicoli elettrici di fascia media ora disponibili possono superare i 300 km effettivi. L’espansione delle infrastrutture di ricarica rende più convenienti e fattibili anche i viaggi a lunga distanza, e c’è sempre una normale presa di corrente che può fornire una carica di mantenimento durante la notte.

    Mito 2: I veicoli elettrici sono più costosi dei veicoli a combustione interna

    Falso. Sebbene il costo iniziale dei veicoli elettrici possa essere superiore a quello dei veicoli tradizionali a benzina e diesel, questo mito trascura il costo totale di proprietà. I veicoli elettrici hanno costi operativi e di manutenzione inferiori. Richiedono molta meno manutenzione, non richiedono cambi d’olio e hanno costi di carburante inferiori grazie al prezzo più basso dell’elettricità.

    Mito 3: I veicoli elettrici sono più lenti e meno potenti dei veicoli a combustione interna

    Falso. I motori elettrici hanno una coppia istantanea, forniscono una rapida accelerazione e sono più reattivi. Numerosi veicoli elettrici hanno dimostrato accelerazioni impressionanti e velocità massime elevate.

    Mito 4: I veicoli elettrici non sono sicuri come quelli a combustione interna

    Falso. I veicoli elettrici sono sottoposti agli stessi rigorosi standard di sicurezza degli altri veicoli e, in molti casi, hanno caratteristiche di sicurezza aggiuntive dovute al loro design. Praticamente tutti i veicoli elettrici presenti sul mercato europeo hanno ottenuto le 5 stelle di sicurezza EuroNCAP (European New Car Assessment Program). I pacchi batteria dei veicoli elettrici sono costruiti per resistere agli urti e sono sottoposti a test di sicurezza approfonditi per garantire la protezione di conducenti e passeggeri in caso di incidente.

    Mito 5: I veicoli elettrici non sono adatti ai climi freddi

    Falso. Questo mito suggerisce che le prestazioni e l’autonomia dei veicoli elettrici diminuiscono drasticamente con il freddo. Sebbene le temperature estreme possano influire sull’autonomia di qualsiasi veicolo, i moderni veicoli elettrici sono dotati di sistemi avanzati di gestione termica che attenuano l’impatto delle temperature estreme, consentendo loro di ottenere buone prestazioni anche nei climi freddi.

    Mito 6: L’infrastruttura di ricarica è insufficiente e scomoda

    Falso. I critici spesso affermano che la mancanza di infrastrutture di ricarica ostacola l’adozione diffusa dei veicoli elettrici. Tuttavia, l’infrastruttura di ricarica si sta espandendo a ritmo sostenuto e vengono installate sempre più stazioni di ricarica pubbliche. La dorsale autostradale italiana è all’avanguardia per le colonnine SuperFast che stanno per essere disponibili in tutte le stazioni di servizio. C’è anche la comodità della ricarica domestica con un caricatore EV dedicato o semplicemente collegando l’auto a una normale presa di corrente. I progressi nelle tecnologie di ricarica rapida ridurranno anche i tempi di ricarica in modo significativo.

    Mito 7: I veicoli elettrici sono peggiori per l’ambiente

    Falso. Questo mito trascura i più ampi benefici ambientali dei veicoli elettrici. La produzione di batterie ha un impatto ambientale. Tuttavia, gli studi dimostrano costantemente che le emissioni complessive del ciclo di vita dei veicoli elettrici, compresa la produzione delle batterie, sono notevolmente inferiori a quelle dei veicoli a combustione interna. Inoltre, i progressi nella tecnologia delle batterie e le iniziative di riciclaggio migliorano continuamente la sostenibilità.

    Mito 8: I veicoli elettrici non sono altrettanto comodi o spaziosi

    Falso. Questo mito suggerisce che i veicoli elettrici compromettono il comfort e lo spazio interno a causa della presenza di batterie di grandi dimensioni. Tuttavia, i modelli di veicoli elettrici variano molto e molti hanno interni spaziosi e un comfort paragonabile, in particolare quelli costruiti su nuove piattaforme elettriche, che consentono di avere più spazio interno e maggiore sicurezza per i passeggeri. L’assenza di un motore a combustione interna rende inoltre la guida più silenziosa e fluida.

    Mito 9: I veicoli elettrici sovraccaricheranno la rete elettrica

    Falso. Gli studi indicano che la rete può gestire l’aumento della domanda di ricarica dei veicoli elettrici con un’infrastruttura di ricarica intelligente e un’adeguata gestione del carico. I veicoli elettrici possono addirittura fungere da risorse di rete attraverso la tecnologia vehicle-to-grid, contribuendo a bilanciare la rete e a immagazzinare l’energia rinnovabile in eccesso.

    Mito 10: I veicoli elettrici non sono adatti a tutte le esigenze di guida

    Questo mito suggerisce che i veicoli elettrici sono limitati a specifiche condizioni di guida o stili di vita. Tuttavia, grazie all’ampliamento della gamma di modelli di veicoli elettrici e al miglioramento delle infrastrutture di ricarica, i veicoli elettrici sono adatti a un’ampia gamma di esigenze di guida, dagli spostamenti quotidiani ai lunghi viaggi in auto. La varietà di opzioni di veicoli elettrici continua ad aumentare, soddisfacendo diversi stili di vita ed esigenze.

    Mito 11: I veicoli elettrici non possono trainare una barca o una roulotte

    Falso. I veicoli elettrici possono trainare roulotte o barche, a seconda della loro capacità di traino. I moderni veicoli elettrici sono sempre più spesso progettati per il traino.

    Mito 12: I veicoli elettrici possono essere acquistati solo da persone facoltose

    Falso. Sebbene alcuni modelli di veicoli elettrici di fascia alta abbiano un prezzo elevato, esiste una selezione crescente di veicoli elettrici a prezzi accessibili. I produttori stanno introducendo opzioni più economiche e gli incentivi o gli sconti governativi possono compensare ulteriormente il costo iniziale, rendendo i veicoli elettrici più accessibili a una più ampia gamma di consumatori. Con il miglioramento della tecnologia e delle economie di scala, si prevede che i veicoli elettrici diventeranno ancora più convenienti e che, con l’arrivo di un maggior numero di veicoli elettrici su strada e l’adozione da parte delle flotte, aumenterà il numero di veicoli elettrici di seconda mano.

    Mito 13: I veicoli elettrici rovineranno il weekend

    Falso. I veicoli elettrici hanno il potenziale per migliorare il vostro weekend. I veicoli elettrici hanno un’accelerazione impressionante e una coppia fluida e istantanea che offre un’esperienza di guida emozionante e confortevole. Questo può rendere più piacevoli i weekend e i viaggi in auto, soprattutto su strade tortuose o autostrade aperte. I veicoli elettrici sono più silenziosi dei veicoli con motore a combustione interna, quindi l’esperienza di guida del fine settimana è più tranquilla e rilassata. I veicoli elettrici hanno meno parti in movimento e richiedono meno manutenzione rispetto ai veicoli con motore a combustione interna, per cui potrete dedicare meno tempo alla manutenzione e più tempo a godervi il vostro weekend. I veicoli elettrici producono zero emissioni allo scarico, quindi non sarete soggetti a tanti gas di scarico durante le vostre avventure del fine settimana. Se avete accesso alla ricarica domestica, potete iniziare il vostro weekend con un veicolo completamente carico ed eliminare la necessità di visitare una stazione di servizio sporca e maleodorante. Basta collegare il veicolo elettrico durante la notte per essere pronti a partire al mattino. Molti veicoli elettrici sono dotati di tecnologie e funzioni avanzate, come ampi schermi di infotainment, sistemi di assistenza alla guida e integrazione degli smartphone, che possono migliorare l’intrattenimento, la navigazione e la sicurezza del vostro weekend.

    Mito 14: L’elettricità utilizzata per ricaricare i veicoli elettrici è prodotta mediante l’utilizzo di combustibili fossili

    La decarbonizzazione della rete e il continuo passaggio a fonti di energia rinnovabili ridurranno l’impronta di carbonio dei veicoli elettrici nel tempo. Molti proprietari di veicoli elettrici ricaricano da casa con l’energia solare prodotta dai pannelli fotovoltaici sul tetto e la maggior parte delle stazioni di ricarica pubbliche sono alimentate da contratti di energia rinnovabile. Le tecnologie di ricarica intelligenti consentono già ai proprietari di EV di programmare la ricarica nei periodi di minore richiesta di energia o quando le fonti di energia rinnovabile sono più abbondanti. Anche quando vengono caricati con elettricità generata da combustibili fossili, i veicoli elettrici possono essere più rispettosi dell’ambiente grazie alla maggiore efficienza energetica complessiva e alla mancata emissione di gas di scarico nei centri abitati.

    Mito 15: le batterie dei veicoli elettrici finiranno in discarica

    Le tecnologie di riciclaggio delle batterie dei veicoli elettrici stanno progredendo e le percentuali di riciclaggio sono sempre più elevate, con l’obiettivo di raggiungere in breve tempo oltre il 95%. Diverse aziende e istituti di ricerca stanno investendo in processi efficienti di riciclaggio delle batterie per recuperare materiali preziosi come litio, cobalto e nichel. Il riciclaggio delle batterie contribuisce a ridurre l’impatto ambientale dei veicoli elettrici e a preservare risorse preziose.

    Mito 16: I veicoli elettrici non sono sicuri e le loro batterie possono prendere fuoco facilmente

    Falso. I veicoli elettrici sono soggetti a rigorosi standard di sicurezza e a test, proprio come i veicoli tradizionali. Sebbene in alcuni primi modelli di veicoli elettrici si siano verificati episodi isolati di incendi legati alle batterie, da allora i produttori hanno migliorato la sicurezza delle batterie e i sistemi di gestione termica per ridurre al minimo tali rischi. Nei crash test e negli scenari reali, i veicoli elettrici sono sicuri quanto i veicoli con motore a combustione interna e nel malaugurato caso di incendio, non innescano esplosioni.

    Mito 17: I veicoli elettrici richiedono frequenti sostituzioni delle batterie

    Falso. Le moderne batterie dei veicoli elettrici hanno in genere una garanzia di 8-10 anni o di un certo numero di cicli di ricarica. La tecnologia delle batterie è in continuo miglioramento, il che dovrebbe estendere ulteriormente la durata delle batterie dei veicoli elettrici nel tempo. La maggior parte dei proprietari di veicoli elettrici sperimenta un degrado minimo della batteria per diversi anni.

    Mito 18: La produzione di veicoli elettrici crea più emissioni rispetto alla produzione di veicoli tradizionali

    Falso. Diversi studi hanno dimostrato che, nell’intero ciclo di vita, compresa la produzione, il funzionamento e lo smaltimento, i veicoli elettrici hanno emissioni di gas serra inferiori rispetto ai veicoli tradizionali. L’entità della riduzione delle emissioni varia a seconda del mix di elettricità utilizzato per la ricarica. Con l’aumento della quota di energia rinnovabile nella produzione di elettricità, l’impronta di carbonio complessiva dei veicoli elettrici continua a diminuire.

    Mito 19: La produzione di batterie per veicoli elettrici si basa su materiali rari e costosi, con conseguenti problemi di catena di approvvigionamento

    L’industria dei veicoli elettrici sta lavorando attivamente alla diversificazione delle chimiche e dei materiali delle batterie per ridurre la dipendenza da risorse rare e costose come il cobalto. I ricercatori stanno esplorando materiali alternativi e più sostenibili per produrre batterie, che potrebbero attenuare le preoccupazioni etiche e ambientali associate all’estrazione. Si stanno esplorando innovazioni nella tecnologia delle batterie, come le batterie allo stato solido o le chimiche al litio ferro fosfato (LFP). Queste tecnologie spesso utilizzano materiali meno rari. Inoltre, il riciclaggio aiuterà a recuperare metalli preziosi dalle batterie usate, riducendo la dipendenza dalle materie prime e promuovendo una catena di approvvigionamento più sostenibile. La pressione dei consumatori, dei gruppi di difesa e delle organizzazioni internazionali spinge le aziende ad adottare pratiche di approvvigionamento responsabili.

    Ci sarebbe molto altro da dire, ma ci limitiamo a queste contestazioni di base, sempre pronti a giustificare con dati ufficiali, quanto sosteniamo.


    Voi quali di questi miti sentite con più frequenza e se li contestate che risultato ottenete?

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    A Parigi è stata inaugurata la prima corsia con ricarica dinamica a induzione

    Parigi: il 17° arrondissement di Parigi ha inaugurato la prima corsia dotata di un dispositivo di ricarica dinamica a induzione in un'area urbana.

    Porsche rallenta la produzione della Taycan

    Porsche rallenta la produzione della Taycan, puntando sulla nuova Macan EV, che già dal lancio ha fatto registrare migliaia di ordini.

    Monopattini: ecco le proposte al codice della strada

    Monopattini: Il termine per presentare emendamenti al disegno di legge che modifica il codice stradale, attualmente in esame presso la commissione Ambiente..