banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeElettronauti OriginalsMonopattini elettrici - Riflessioni sulle nuove norme

    Monopattini elettrici – Riflessioni sulle nuove norme

    L’altro giorno abbiamo riportato le norme che entreranno in vigore dal 30 Settembre per i nuovi monopattini elettrici in vendita. Ora vorrei fare con voi una riflessione a riguardo.

    Velocità massima di 20 km/h

    La prima “boiata” (si può dire?) è proprio la velocità massima che nel tempo continua a scendere. Attualmente è ancora di 25 km/h, ma tra qualche settimana scenderà appunto a 20 km/h.

    Ora… il mio monopattino è stato acquistato prima dell’entrata in vigore della legge che limita la velocità massima dei monopattini a 25 km/h, quindi posso arrivare fino a 30 km/h utilizzando la terza velocità, la Sport. Utilizzando la seconda velocità, la Standard, è limitato a 25 km/h però, quindi a norma. Questo anche per rispondere alla domanda di Diego fatta in questo articolo.

    Attualmente il limite di 20 km/h era riferito solo all’utilizzo nelle piste ciclabili… come se chi andasse in giro in bicicletta avesse un limite analogo oltretutto…

    Potenza massima di 500W

    Analogamente alla questione della velocità, è assurdo limitare troppo la potenza. Perché bisogna pensare che i monopattini elettrici non possano essere usati solo in pianura ma anche in zone collinari o in percorsi montani, un po’ come accade con le biciclette elettriche a pedalata assistita.

    Monopattini elettrici - riflessioni sulle nuove norme | elettronauti. It
    Collina o città | elettronauti It

    500W vanno benissimo sul piano, ma già nelle salite si inizia ad incorrere in qualche rallentamento. Probabilmente creare due categorie di monopattini con potenze di 500W e 1000W sarebbe stato più oculato per permetterne la commercializzazione legale in zone d’Italia diverse da Milano, Roma e poche altre città pianeggianti.

    Doppi freni indipendenti

    Avere due sistemi frenanti, uno per ogni ruota è sacrosanto. Ma perché indipendenti? Capiamoci… Sulle biciclette e sulle moto ci sono due leve, una per azionare il freno anteriore e una per il freno posteriore.

    ⚡️ Leggi anche: Brembo Sensify – Nuove Pinze elettroniche

    Ma sulle auto, nonostante tutte le ruote siano frenanti, abbiamo un pedale solo… Quindi troviamo assurdo il dover avere due sistemi frenanti indipendenti. Ci sembra molto più logico avere due sistemi che possono lavorare in sincronia per garantire la miglior frenata possibile. Ad esempio gli attuali monopattini che hanno motore all’anteriore e freno a disco al posteriore sfruttano nella prima parte della pressione della leva solo la frenata rigenerativa del motore e solo dopo azionano il freno meccanico.

    Monopattini elettrici e frecce di direzione

    La questione delle frecce è più spinosa a nostro avviso. È giusto inserire degli elementi che permettano a chi ci circonda di capire che direzione dovremmo prendere ad uno svincolo, ma in un monopattino le frecce rimangono comunque poco visibili per la forma stessa del monopattino.

    Le luci messe al posteriore sono abbastanza in basso e ravvicinate perché possano essere ben visibili ad un conducente d’auto. In pratica è più probabile essere centrati dall’automobile che ci segue perché non si comprenderà se la freccia accesa è quella a sinistra o a destra…

    Monopattini elettrici - riflessioni sulle nuove norme | elettronauti. It
    Monopattini elettrici | elettronauti It

    Le luci installate alle estremità delle manopole invece sono una scelta molto popolare ed economica nei monopattini già in commercio. Il problema è che chi ci segue farà comunque fatica a vederle perché coperte dal guidatore del monopattino.

    Ninebot, nota marca di monopattini, ha pensato ad un kit adattabile ai suoi monopattini che integra sia un dispositivo da mettere sul retro che una specie di bacchetta da porre sullo stelo dello sterzo.

    Limitano i monopattini elettrici per renderli più sicuri?

    Sicuramente dei limiti, dei paletti, vanno posti, perché è giusto regolamentare questo mercato in forte crescita.

    Però il problema a nostro avviso non sono i mezzi. Come detto dal buon Simone nell’articolo che parla di intelligenza artificiale, guida autonoma e l’uomo, il problema non è mai il mezzo, ma chi lo guida.

    Infatti avere un limite di 20 km/h non farà diminuire il numero di incidenti. Perché se uno passa con il rosso l’incidente lo fa a 20 km/h come a 30 km/h. Stessa cosa se ha un monopattino da 250W o da 600W.

    ⚡️ Leggi anche: Audi entra in Formula 1, per l’elettrico !

    Il problema a nostro avviso è che non c’è più il senso civico e l’educazione in molti dei nuovi utilizzatori della strada. Proprio ieri sera ho visto passare dei ragazzini in monopattino. Tre monopattini e sei ragazzi… Quando le regole dicono che i minori di 18 anni DEVONO per legge portare il casco e che in nessun caso si può viaggiare in due sul monopattino

    Monopattini elettrici - riflessioni sulle nuove norme | elettronauti. It
    Monopattini elettrici riflessioni sulle nuove norme | elettronauti It

    La soluzione? Patentino e targa sui monopattini elettrici!

    Potrà non piacere ma c’è un solo modo, e soprattutto efficace, per far sì che la gente alla guida di un mezzo si responsabilizzi. Ovvero quando qualcuno può sanzionarti anche senza fermarti sul fatto.

    Con una targa, che identifica il monopattino con il proprietario, voglio vedere quanti passerebbero con il rosso rischiando che arrivi a casa una multa…

    Mentre per il patentino beh… non dico che bisogni fare come con moto e automobile. Ma almeno predisporre dei corsi gratuiti di sensibilizzazione alla guida dei mezzi per chi non possiede una patente vera e propria.


    Piccolo appunto a margine. Mi piacerebbe che anche i ciclisti abbiano obblighi simili. Perché se poi un monopattinista è perseguibile alla stregua di un motociclista o automobilista, perché non dovrebbe essere lo stesso anche per i ciclisti? Perché zio Peppino può girare in contromano con la Graziella senza che nessuno gli possa dire niente, mentre se uno guida un monopattino viene demonizzato?

    Guidate monopattini? Sareste a favore dell’apporre una targa su tutti i mezzi circolanti, e non solo quelli in sharing?

     


    Federico Fumagalli
    Federico Fumagalli
    Sono un appassionato di auto sin dal primo GranTurismo del 1996. Ed è proprio il mio amore per le auto che mi ha spinto ad appassionarmi alle auto elettriche. Il mondo cambia, la tecnologia si evolve, e se si rimane indietro spesso è un male. Tecnologia, mobilità e ambiente saranno i temi di cui vi parlerò. Non dovremo essere d’accordo ma almeno ragionarsi su!

    Terribile verità: Rischi e inquinamento di auto elettriche e termiche!

    Quando si parla di auto elettriche e inquinamento, molti di voi pensano ancora che inquinino più delle auto termiche, il che, vi assicuriamo, è sbagliatissimo.

    Hyundai presenta la nuova Inster EV, la piccola elettrica a prezzi accessibili

    Hyundai sta mostrando le prime immagini della sua nuova Inster EV prima del suo debutto ufficiale. La citycar elettrica dovrebbe essere l'ultima EV economica ad arrivare sul mercato.

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf a Sunderland con una produzione di prova da agosto

    Nissan pronta a lanciare la nuova generazione della Leaf con una produzione di prova da agosto, la casa giapponese avvierà la produzione in serie a marzo 2025