banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAmbienteRaccolta differenziata. Male l'Italia, meglio Cagliari

    Raccolta differenziata. Male l’Italia, meglio Cagliari

    Da una ricerca che prende in esame i dati del 2022, l’Italia non sta ben figurando a livello europeo sul tema della raccolta differenziata. Dal report dell’Istat sull’ambiente urbano risulta che, fra i capoluoghi italiani di grandi dimensioni, solo Cagliari abbia raggiunto il target del 65% di spazzatura differenziata.

    Cagliari si erge tra i primi della classe, bene anche Catania e Messina

    Raccolta differenziata. Male l'Italia, meglio Cagliari | Elettronauti.it
    Raccolta differenziata | elettronauti It

    Tale target fu previsto in una legge (decreto legislativo 152) del 2006. Per la precisione Cagliari registra un dato, fortunatamente superiore al target, del 74,8%. Basti pensare che la media dei capoluoghi metropolitani italiani si attesta al 46,6%. Rispetto al 2021 fortunatamente la quota è aumentata in ogni città ad esclusione di Milano (-0,4%) e Venezia (-2,5%). Quest’ultima ritorna al di sotto del target che aveva raggiunto nell’anno precedente.

    Tra i capoluoghi con i migliori progressi si osservano Catania che sale del 10,7% raggiungendo però un misero 22,0%. Messina anch’essa sale del 10,5%, raggiungendo un ottimo 53,5%.

    Come si comporta l’Italia? Spoiler: malino ma in crescita

    Il Nord-Est, primo, con una quota del 53,5% di popolazione residente in capoluoghi che hanno raggiunto il target. Ben più sotto troviamo il Nord-Ovest con il 30,7%, subito dopo le Isole con il 23,7%, poi a ruota il Sud con il 19,7% e il Centro con il 18,0%.

    A livello italiano la quota totale di popolazione residente in comuni che ha raggiunto il target di raccolta differenziata del 65% scende al 28,5% per i residenti dei capoluoghi e all’1,6% dei residenti dei capoluoghi metropolitani. In totale, nel 2022, solo il 60,2% degli italiani risiede in comuni che hanno raggiunto il target del 65%, mentre il numero di capoluoghi è di 62. Quelli che invece registrano un dato più basso o in linea con lo scorso anno invece sono 45.

    La stessa Istat ricorda che i rifiuti urbani rappresentano solo una parte dei rifiuti totali prodotti. Erano solo il 17,9% nel 2021, ma la gestione di questi rifiuti risulta sempre particolarmente complessa. Grazie però ad standard elevati nella raccolta differenziata eseguita da noi cittadini e in grandi quantità, si potranno raggiungere dei target per il riciclo e riutilizzo dei materiali previsto dal pacchetto di legge sull’economia circolare (Direttiva 2018/851/UE) e dal PNRR (missione 2 componente 1).

    Raccolta differenziata. Male l'Italia, meglio Cagliari | Elettronauti.it
    Raccolta differenziata | elettronauti It

    La cosa positiva è che il 65,2% (+1,1% rispetto al 2021) dei rifiuti urbani prodotti vengono differenziati correttamente. Per quanto riguarda invece il tasso di riutilizzo e riciclo dei rifiuti urbani fissato al 50% dall’Unione Europea nel 2020 e che deve arrivare al 55% nel 2025, l’Italia è al 49,2% (+1,1% rispetto al 2021) sempre sui dati riferiti al 2022. Questa quota è del 55,1% (+1,5% rispetto al 2021) nei comuni capoluogo. Se invece guardiamo alla divisione territoriale, la quota più elevata si ha nel Nord-Est con il 68,5%, a seguire il Nord-Ovest con il 60,8%, il Centro con il 53,2%, il Sud con il 46,6% e le Isole con il 38,2%.

    Elettronauti. It - categoria ambiente
    Elettronauti. It - seguici su google news

    Come vi trovate con la raccolta differenziata? È sempre semplice da capire oppure no? E fuori casa, chi riesce a farla?

    Via

     


    Federico Fumagalli
    Federico Fumagalli
    Sono un appassionato di auto sin dal primo GranTurismo del 1996. Ed è proprio il mio amore per le auto che mi ha spinto ad appassionarmi alle auto elettriche. Il mondo cambia, la tecnologia si evolve, e se si rimane indietro spesso è un male. Tecnologia, mobilità e ambiente saranno i temi di cui vi parlerò. Non dovremo essere d’accordo ma almeno ragionarsi su!

    Nuova Dacia Spring 2024, le nostre impressioni di guida

    Dopo avervi elencato tutte le caratteristiche della nuova Dacia Spring 2024 è venuto il momento di scoprire ne nostre prime impressioni sulla piccola citycar.

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck, dopo circa sei mesi dopo il debutto del Cybertruck negli Stati Uniti.

    Ecco la nuova Dacia Spring Electric 2024

    La regina delle citycar elettriche si aggiorna ancora. Attesa nel nostro Paese per l'estate, abbiamo avuto modo di provare per Voi la nuova Dacia Spring.