banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheRimac Nevera Time Attack: nuovo record al Nürburgring Nordschleife

    Rimac Nevera Time Attack: nuovo record al Nürburgring Nordschleife

    Durante l’ambito evento Monterey Car Week in California, spiccano non solo le auto d’epoca in mostra, ma anche le vere protagoniste dell’asfalto. Quest’anno, il centro dell’attenzione è stato il Rimac Nevera Time Attack, presentato venerdì al The Quail: A Motorsports Gathering.

    L’ipercar elettrica di casa Rimac, la Nevera, continua a far parlare di sé, stabilendo un nuovo record sul celebre circuito del Nürburgring Nordschleife. L’ultima incarnazione di questa imponente vettura, la Nevera Time Attack, ha conquistato il titolo di auto elettrica di produzione più veloce ad affrontare il temibile circuito tedesco, infrangendo il precedente primato stabilito dalla Tesla Model S Plaid con il Track Pack.

    Il sibilo della Rimac Nevera Time Attack ha echeggiato nel cuore del Nürburgring, con il pilota croato Martin Kodrić che sfrecciava attraverso le curve sinuose del circuito, fissando il cronometro a un impressionante tempo di 7 minuti, 5.298 secondi su una lunghezza di 12,9 miglia. Una performance che ha migliorato il precedente record di ben 20 secondi.

    La vettura era equipaggiata con pneumatici Michelin Cup2R e il tempo è stato ufficialmente certificato da fonti indipendenti.

    Nonostante le difficili condizioni meteorologiche che abbiamo affrontato nelle sessioni di allenamento questa settimana, siamo riusciti a sfruttare uno dei giorni più caldi dell'estate per segnare un tempo impressionante di 7:05:298 al Nürburgring Nordschleife. Questa prestazione è un tributo alla versatilità della Nevera, progettata per garantire il massimo comfort su strada ma capace di prestazioni straordinarie in pista. È una meraviglia di ingegneria e design, adattabile alla guida urbana, coinvolgente su tortuose strade di campagna, comoda per lunghi viaggi e incredibilmente veloce in pista.
    Kodrić ha condiviso le sue impressioni sulla corsa

    Ma non è finita qui: l’auto ha dimostrato la propria superiorità anche sulla variante più corta della pista, segnando un tempo di 7 minuti, 0.928 secondi su una distanza di 12,8 miglia. Tali risultati sono stati confermati da fonti indipendenti di cronometraggio, lasciando pochi dubbi sulla maestria di questa hypercar elettrica.

    Rimac – 20 record in un’anno

    Rimac rivela con orgoglio di aver stabilito oltre 20 record nell’ultimo anno, includendo un incredibile numero di 23 record in una singola giornata di aprile presso l’Automotive Testing Papenburg (ATP) in Germania. Questi record spaziavano dalla velocità dallo 0 a 60 mph, 0 a 100 mph e 0 a 186 mph. Inoltre, la Nevera aveva già conquistato il primato per le auto elettriche nella sfida della salita di Goodwood a luglio.

    La vettura non è solo un concentrato di potenza e velocità. La Nevera Time Attack, parte di un’esclusiva serie limitata di 12 unità, si distingue per la livrea Squadron Black con dettagli Lightning Green, ispirata ai fenomeni meteorologici pre-tempesta che tingono il cielo di verde. Questa colorazione è anche un omaggio al fondatore della Rimac, Mate Rimac, che ha avuto l’intuizione di convertire un’auto a benzina in un’opera elettrica più di un decennio fa.

    Oltre alla sorprendente potenza di 1.914 CV generata da quattro motori elettrici, la Nevera Time Attack brilla anche nell’attenzione ai dettagli. L’interno in Alcantara nero è impreziosito da cuciture a contrasto, mentre gli schienali portano incisi il logo “Time Attack”. Ogni fortunato acquirente di una Nevera Time Attack riceverà una targa commemorativa che testimonia l’esclusività del proprio esemplare.

    Rimac nevera time attack interni | elettronauti. It
    Rimac nevera time attack interni | elettronauti It

    12 esemplari al mondo

    L’entusiasmo per la Rimac Nevera Time Attack è palpabile tra gli appassionati dell’automobilismo, con tutti i 12 esemplari già venduti. I fortunati proprietari potranno personalizzare la propria vettura, scegliendo tra finiture in fibra di carbonio o vernice Squadron Black, abbinandole a colori distintivi come Rimac Racing Red e Stiniva E-Blue.

    Il primo fortunato acquirente, Jeff Miller, risiede in California e ha ricevuto la sua Nevera Time Attack durante l’evento The Quail. La vettura è stata dipinta a mano in una lussuosa combinazione di colori, Squadron Black con dettagli Lightning Green. Questa scelta cromatica rappresenta una manifestazione visibile della potenza straordinaria che questa vettura è in grado di sprigionare. Un omaggio viene fatto anche alla famosa BMW Serie 3 elettrica convertita da Mate Rimac.

    Gli altri 11 proprietari hanno potuto personalizzare la loro vettura con una base di colore Squadron Black o fibra di carbonio naturale, impreziosita da riflessi in una gamma di colorazioni. Sotto l’ala posteriore è inciso un messaggio incisivo: “Dedicato a coloro che verranno dopo di noi“, simbolo di un’impronta indelebile nell’evoluzione delle auto elettriche ad alte prestazioni.

    Questa ennesima dimostrazione di potenza e prestazioni conferma che Rimac è saldamente al comando nel mondo delle hypercar elettriche. La Monterey Car Week ha fornito la cornice perfetta per la presentazione di questa eccezionale vettura, che continua a infrangere record e a ispirare il futuro delle auto ad alte prestazioni e a zero emissioni.

    Quest'edizione limitata celebra i successi dell'anno scorso e presenta una livrea personalizzata ispirata alla vettura che ha stabilito ogni singolo record. Con soli 12 esemplari prodotti, ciascuno di essi è già stato prenotato da appassionati desiderosi di far parte della storia delle auto ad alte prestazioni. E considerando che siamo solo ad agosto, c'è ancora ampio margine per battere nuovi record.
    Mate Rimac, fondatore dell’azienda, ha condiviso l’entusiasmo per questa serie esclusiva Nevera Time Attack

    Quest’auto, sta facendo il bottino di record sulla pista, quale sarà la sua degna avversaria nei prossimi mesi?

    Fonte

     


    Andrea Cornali
    Andrea Cornali
    Il mio interesse per il mondo elettrico è nato nel 2020, anno in cui ho iniziato a collaborare con Matteo. Da allora, la mia passione è cresciuta costantemente. Nel 2021, ho abbandonato la mia auto termica per passare a un veicolo elettrico. Ora, sono entusiasta di condividere la mia conoscenza in questo settore. Ogni giorno, cerco di combinare la mia passione per la tecnologia e l'attenzione per l'ambiente per contribuire in modo positivo al mondo che ci circonda.

    A Parigi è stata inaugurata la prima corsia con ricarica dinamica a induzione

    Parigi: il 17° arrondissement di Parigi ha inaugurato la prima corsia dotata di un dispositivo di ricarica dinamica a induzione in un'area urbana.

    Porsche rallenta la produzione della Taycan

    Porsche rallenta la produzione della Taycan, puntando sulla nuova Macan EV, che già dal lancio ha fatto registrare migliaia di ordini.

    Monopattini: ecco le proposte al codice della strada

    Monopattini: Il termine per presentare emendamenti al disegno di legge che modifica il codice stradale, attualmente in esame presso la commissione Ambiente..