banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheScandalo Tesla: nascosti difetti gravi, aperte le indagini - Parte II: la...

    Scandalo Tesla: nascosti difetti gravi, aperte le indagini – Parte II: la difesa di Tesla

    Non si è fatta attendere la risposta di Tesla all’inchiesta di Reuters che sta tenendo il mondo dell’auto elettrica col fiato sospeso. Non poteva essere diversamente perché lo scandalo Tesla denunciato nell’inchiesta, se confermato dalle indagini in corso, potrebbe assestare un duro colpo all’immagine del brand. Riportiamo di seguito la traduzione della risposta che Tesla ha affidato al social network X.

    Reuters ha pubblicato un articolo che inizia con un titolo estremamente fuorviante ed è pieno di informazioni incomplete e, com'è possibile dimostrare, errate.
    
    Quest'ultimo articolo suggerisce vagamente e senza senso che ci siano migliaia e migliaia di clienti insoddisfatti di Tesla. È senza senso perché non corrisponde alla realtà: il tasso di fidelizzazione dei clienti di Tesla è tra i migliori e più alti del settore.
    
    Titolo fuorviante:
    "Tesla ha incolpato i conducenti per i guasti di componenti che sapeva da tempo essere difettose."
    
    Realtà (nascosta nell'articolo):
    Tesla ha coperto la maggior parte dei 120.000 interventi di riparazione dei veicoli in garanzia.
    
    Storia manipolata: 
    La foto del cliente non rappresenta un componente guasto, ma piuttosto un componente danneggiato in seguito a un incidente stradale nel tentativo di ridurre gli effetti negativi di una collisione. Al cliente è stato comunicato che Tesla è stata in grado di esaminare la telemetria e ha compreso che c'era stato un incidente che ha comportato che questa riparazione non fosse coperta dalla garanzia. La maggior parte, se non tutte, le garanzie dei produttori escludono i danni causati da un incidente perché questo è il punto della copertura assicurativa.
    
    Contesto utile:
    Tesla ha il sistema telemetrico per veicoli più avanzato che può individuare problemi emergenti, determinare l'entità e consentire miglioramenti dei veicoli e dei servizi più rapidi di quanto sia mai stato visto nell'industria automobilistica. Agiamo non appena rileviamo un problema, qualcosa che dovrebbe essere celebrato come il migliore della categoria e che viene spesso citato dai nostri regolatori come un importante vantaggio in termini di sicurezza.
    
    Accusa falsa:
    L'autore ha confuso un problema legato al rumore (non di sicurezza) con una serie di interventi di servizio non correlati e disconnessi. Contrariamente alle affermazioni dell'articolo basate su dati errati, Tesla è sincera e trasparente con i nostri regolatori della sicurezza in tutto il mondo, e qualsiasi insinuazione diversa è semplicemente sbagliata.
    
    Principi del servizio Tesla:
    
    a.
    I nostri tecnici e consulenti di servizio diagnosticano, mantengono e riparano in modo efficiente le auto dei nostri clienti e non sono incentivati a trarre profitto dalle esigenze di riparazione dei clienti.
    
    b.
    Tesla fornisce ai nostri dipendenti del servizio compensi eccellenti e pacchetti di benefici. Non lavorano su commissione come in altri concessionari che sono incentivati a proporre ulteriori servizi o addebitare prezzi più alti ai loro clienti.
    
    c.
    Il miglior servizio è il non servizio. Quando è necessario intervenire, risolviamo più del 90% dei problemi senza neanche la presenza del cliente, sia attraverso aggiornamenti via wireless sia con un servizio mobile a casa o sul posto di lavoro del cliente. Per vedere l'approccio di Tesla in azione, si può fare riferimento a questo studio di manutenzione di quest'anno, "Tesla è stata nominata il marchio di auto di lusso più economico da mantenere..." → LINK
    
    Questo approccio di selezione delle informazioni nel giornalismo porta a ignorare la verità, il che è un modello presente in molti degli articoli negativi su Tesla.
    
    Utilizzare la versione unilaterale degli eventi di un cliente come esperienza universale di tutti i clienti dipinge un quadro falso e fuorviante di Tesla. In realtà, per ogni cliente insoddisfatto, ce ne sono centinaia di altri entusiasti della loro Tesla e desiderosi di ripetere l'acquisto. I numeri non mentono in termini di vendite ripetute e soddisfazione dei clienti.
    
    Ci sforziamo di rendere ogni cliente un membro a vita della famiglia Tesla.
    
    Mentre altri possono avere le proprie agende, i nostri principi sono rimasti gli stessi fin dall'inizio: realizzare le auto più sicure al mondo, facili da mantenere, accelerando nel contempo la transizione mondiale verso un'energia sostenibile.

    Scandalo Tesla, primo round …

    E’ chiaro che siamo solo al primo round di una battaglia che può incendiarsi nei prossimi mesi o chiudersi rapidamente se gli enti regolatori non dovessero riscontrare le accuse di Reuters. La risposta di Tesla, giunta dopo la pubblicazione dell’inchiesta e l’eco che sta avendo in tutto il mondo, per il momento non entra troppo nel dettaglio delle accuse.

    Tesla, stando a quanto afferma Reuters, è stata contattata prima della pubblicazione dell’inchiesta (non solo Tesla ma anche Elon Musk) ma stando sempre a quanto dichiarato da Reuters avrebbe preferito non rispondere. L’attuale risposta di Tesla appare oggettivamente molto vaga e si concentra soprattutto sul caso di una singola foto collegata alla segnalazione dell’incidente oltre che sulla parte di interviste condotte dai giornalisti di Reuters. Tutto il resto dell’inchiesta è derubricato ad accusa falsa con questa frase: “L’autore ha confuso un problema legato al rumore (non di sicurezza) con una serie di interventi di servizio non correlati e disconnessi“.

    Tesla model y e model 3 ora disponibili anche con il wrap | elettronauti. It
    Tesla wrap satin rose gold fonte tesla | elettronauti It

    In realtà, come indicato nel nostro articolo, l’inchiesta di Reuters è particolarmente circoscritta, cita diverse fonti interne a Tesla e documenti riservati e riporta tutta una serie di fatti e numeri che non vengono analizzati nella sintetica risposta di Tesla. La stessa risposta si limita a riportare fatti che non vengono contestati nell’inchiesta. Anche quando Tesla scrive “In realtà Tesla ha coperto la maggior parte dei 120.000 interventi di riparazione dei veicoli in garanzia” non sta contraddicendo l’articolo di Reuters: Reuters non ha accusato Tesla di non riparare i veicoli in garanzia ma ha circoscritto il problema a 3 particolari componenti difettosi (braccetti sospensioni, semiassi e cremagliere dello sterzo) che hanno provocato gravi incidente oltre al fatto che per i componenti menzionati Tesla riconosce l’intervento in garanzia (e addirittura fuori dalla garanzia) solo in Cina e non negli USA e in Europa. Anche i paragrafi “Contesto utile” e “Principi del servizio Tesla” risultano aspecifici.

    La risposta di Tesla è comunque utile per capire che posizione ha deciso di assumere l’azienda ed è quella di una difesa totale dell’operato fin qui svolto. Posizione che manterrà presumibilmente davanti alle autorità di controllo norvegese, svedese e statunitense che vorranno certamente entrare nel merito dei problemi riscontrati e che non si accontenteranno di risposte vaghe come queste. Il perché questa inchiesta non può concludersi in una bolla di sapone è presto detto: Reuters accusa Tesla ma i convitati di pietra sul banco degli imputati sono le autorità di controllo perché questi difetti sarebbero presenti da almeno 7 anni e alcune di queste autorità, a detta di Reuters, avrebbero già ricevuto un numero anomalo di segnalazione di guasti di questi componenti. E le autorità non possono non approfondire: se dovesse verificarsi un ulteriore incidente connesso alla problematica denunciata, potrebbero essere chiamate a rispondere per omessa vigilanza. Occorrerà dunque porre una parola finale sulla qualità delle componenti incriminate: si riduce solo ad un problema di rumore, come sommariamente dichiara Tesla nella sua risposta, o davvero c’è un problema collegato alla sicurezza come afferma Reuters?

    Ho una Tesla, devo preoccuparmi?

    Non abbiamo ad oggi gli elementi per confermare le accuse di Reuters, occorrerà attendere le iniziative degli enti regolatori europei e statunitensi per vedere se, al pari di quanto già avvenuto in Cina, ci sono gli estremi per imporre a Tesla un intervento in garanzia e fuori garanzia. Dal 2008 ad oggi Tesla ha venduto oltre 5 milioni di veicoli. Gli utenti Tesla sono spesso proprietari entusiasti dei propri veicoli, già fidelizzati e pronti a rinnovare la fiducia nel brand. Soprattutto in occidente, Tesla è certamente uno dei riferimenti se non il riferimento principale per il rapporto prezzo/qualità ed è vero che i costi di manutenzione sono inferiori rispetto ad auto di pari categoria, sia a benzina che elettriche. Gli incidenti dei veicoli Tesla registrati ad oggi sono un numero significativamente basso e l’auto ha dimostrato nei crash test una incredibile sicurezza attiva e passiva. Molte persone con percorrenze superiori a 200.000 km non hanno registrato i problemi descritti da Reuters e questo nonostante le auto Tesla sono auto molto performanti e per questo talvolta chiamate a resistere a sollecitazioni maggiori rispetto alla diretta concorrenza. Ciò detto, considerando che un eventuale cedimento dei componenti in oggetto potrebbe avere un effetto disastroso anche a basse velocità e premettendo che tutti i componenti di tutti i produttori sono soggetti a usura e talvolta a cedimenti, valutate la possibilità di far ispezionare la vostra Tesla ad una officina specializzata di vostra fiducia, la prudenza non è mai troppa…

    L’intervento ai giunti della sospensione posteriore della Model 3, costato 2.200 € + IVA a Marco (Taxi Desio), peraltro molto soddisfatto della sua Model 3 dopo ben 426.000 km.
    Elettronauti. It - categoria tesla

    La risposta di Tesla vi ha levato ogni dubbio oppure credete che l’inchiesta di Reuters meriti un approfondimento puntuale? Come sempre, vi invitiamo a condividere la vostra opinione commentando l’articolo

    Fonte

     


    E-nzo
    E-nzo
    Informatico, appassionato di auto e di traversi. Attento alle ultime novità e tendenze, guardo con interesse e curiosità cosa accade nel mondo, vi racconterò pregi e difetti dell'auto elettrica senza filtri o pregiudizi.

    L’hypercar OWL di Aspark diventa l’EV più veloce del mondo con 438,7 km/h

    C'è una nuova hypercar elettrica a dar fastidio a Tesla e Rimac, la giapponese Aspark OWL, con l'aiuto dell'italiana Manifattura Automobili Torino, ha...

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.