carrozzeria musesti
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheAltri MarchiSecondo Mazda le auto elettriche devono avere poca autonomia. Parliamone

    Secondo Mazda le auto elettriche devono avere poca autonomia. Parliamone

    Il punto di vista di Mazda sull’autonomia delle auto elettriche è abbastanza chiaro. Secondo una recente dichiarazione dell’azienda giapponese il motivo è da rivedere nel fatto che le auto elettriche necessitino solo della carica necessaria a compiere gli spostamenti quotidiani.

    Noi come redazione condividiamo le parole del costruttore solo parzialmente. Vi spieghiamo le nostre motivazioni.

    Mazda, dichiarazioni ed autonomia dei loro modelli full electric

    Il problema risiede nella forma mentis delle persone, che cercano – e chiedono – che le auto elettriche abbiano le stesse caratteristiche delle auto a benzina, sebbene siano vetture molto diverse, nate in tempi e per necessità differenti.
    Jeffrey Guyton, CEO di Mazda USA

    Le dichiarazioni sono coerenti con la loro scelta di proporre attualmente un solo modello, la Mazda MX-30 con una batteria da soli 35,5 kWh nel modello già in commercio. Il nuovo modello appena presentato invece è più indicato per un utilizzo cittadino, e ha invece una capacità di 17,8 kWh, la metà.

    Secondo il portale ev-database.org il modello da 35,5 kWh permette di percorrere circa 170 km di media, con un picco di 250 km con un utilizzo urbano e clima mite. Quindi dobbiamo aspettarci 85 km medi per il modello con metà batteria e 125 km massimi in ambito urbano.

    Di recente hanno presentato un modello “elettrico” di Mazda MX-30 chiamato e-Skyactive R-EV con la batteria da 17,8 kWh. L’azienda stessa in realtà non la definisce elettrica ma Plug-in Hybrid. La realtà è che è un’auto elettrica con Range Extender. Se vi siete persi le nostre guide che spiegano le differenze tra le varie EV proposte sul mercato vi invitiamo a leggere i due articoli linkati qui sotto.

    ⚡️ Leggi anche: ElettroWiki – Diversi tipi di EV: PHEV o Plug-in Hybrid

    ⚡️ Leggi anche: ElettroWiki – Diversi tipi di EV: REEV o Range Extender

    Sulla scia di Nissan e-Power

    Purtroppo sembra che anche Mazda abbia intrapreso la strada di un finto elettrico che comprende un piccolo motore endotermico per incrementare l’autonomia della sola batteria. In questo caso l’azienda ha scelto di riesumare il loro motore rotativo Wankel. Un pezzo di straordinaria bellezza se lo si analizza dal punto di vista tecnico. Ha fatto la fortuna della Casa giapponese in varie competizioni motoristiche. Ha però sempre peccato nei consumi e nell’affidabilità. Per intenderci è lo stesso che si trova sulle Mazda RX-7 e RX-8.

    Secondo mazda le auto elettriche devono avere poca autonomia. Parliamone | elettroanuti. It
    Spezzato di un motore rotativo wankel | elettroanuti It

    In relazione alla tecnologia e-Power, il buon Simone ha scritto questo articolo nelle scorse settimane che vi invito a leggere.

    ⚡️ Leggi anche: Tecnologia Nissan e-Power da considerare?

    I commenti della redazione rispetto alle dichiarazioni sull’autonomia

    Come già anticipato ad inizio articolo, la redazione sarebbe anche d’accordo con le dichiarazioni di Mazda. In quanto, secondo noi, il “goal” (obbiettivo) per il futuro della mobilità elettrica non sarà necessariamente quello di produrre auto con 800 o 1000 km di autonomia proprio in relazione al fatto che l’auto elettrica, o meglio il concetto di auto elettrica, nasce dal fatto che l’auto andrebbe ricaricata quando non in uso.

    La ricarica pubblica - le nuove tariffe dopo gli aumenti
    Free to x | elettronauti It

    Siamo tutti concordi sul fatto che si debba migliorare notevolmente sulla ricarica veloce delle vetture e sulla capillarità della rete di ricarica sia in ambito urbano che autostradale.

    Credo che Mazda non abbia i mezzi (per concorrere nel mercato delle auto elettriche). Al momento se la giochi solo con il suo inefficiente motore Wankel e purtroppo per loro è vano il tentativo di sensibilizzare il mondo ad andare in giro per 33 km al giorno...
    Matteo Valenza, youtuber e fondatore di Elettronauti.it

    In città infatti basterebbe avere tante colonnine lente in cui caricare durante il lavoro, la notte, la spesa e le piccole commissioni. In ambito extra-urbano invece si necessita di avere colonnine veloci da almeno 100 / 150 kW di potenza.

    Se il tutto è abbinato a batterie non enormi, ci viene in mente il fatto che alcune auto abbiano anche 120 kWh di batteria, si riesce ad avere tempi di ricarica ridotti già ora.

    Se in più si pensa che gli italiani in media percorrono 11.200 km l’anno o 31 km al giorno, si capisce quanto le dichiarazioni di Mazda siano fondate.


    E Voi, che ne pensate? Pensate che l’autonomia ideale debba essere commisurata all’utilizzo giornaliero o a quello vacanziero?

    Fonte | Via | Via | Fonte | Via

    5 1 vota
    Article Rating

    4 COMMENTS

    Iscriviti
    Notificami
    4 Commenti
    i feedback inline
    Vedi tutti i commenti
    Giampiero Guarnerio
    Giampiero Guarnerio
    1 anno fa

    Il concetto di “cosa serve” è relativo. A nessuno in realtà “serve” più di una panda. Con questo concetto mazdiano potremmo considerare “inutile” qualsiasi auto che sia più di una panda, come ad esempio le RX7 e RX8…

    La domanda è “che cosa farebbe comodo avere”. E qui si scende a compromessi, tra l’ottimo desiderabile (2000 km di autonomia spensierata) e quello che ci si può permettere e/o offre il mercato.

    Il discorso della media è furoviante.

    In tre anni e mezzo ho fatto 120.000 km, che significa, in media, 93 km al giorno.

    Peccato che in nessun giorno di questo periodo ho fatto 93 km.

    La verità è che per l’uso “seconda macchina” va bene anche una mini batteria da 30 kWh.

    Ma per un uso da viaggio, mettendo in conto tutte le variabili (meteo, gomme invernali, opportunità di ricarica a destino, etc etc) 30 kWh sarebbero un calvario.

    Attualmente sono fortunato possessore di una model S long range 2019, che aveva un’autonomia dichiarata di 590 km all’acquisto. Ne sono soddisfatto e tornassi indietro la ricomprerei.

    Se però ci fosse un veicolo qualsiasi elettrico, possibilmente meno “luxury”, con 800 km di autonomia dichiarata (cioè 500 effettivi) lo prenderei subito in sostituzione. Diciamo una LUCID con allestimento da passat sarebbe l’ideale.

    Risparmierei tempo e guadagnerei in tranquillità in diverse situazioni, sebbene con la attuale model S la situazione sia già ottimale per i viaggi sino a 350 km “solo andata”.

    Marco Rossi
    Marco Rossi
    1 anno fa

    Voglio 1000 km di autonomia WLTP minimo, altrimenti non mi interessa. La Mazda elettrica potete comprarla voi.

    ARTICOLI SIMILI
    Federico Fumagalli
    Federico Fumagalli
    Sono un appassionato di auto sin dal primo GranTurismo del 1996. Ed è proprio il mio amore per le auto che mi ha spinto ad appassionarmi alle auto elettriche. Il mondo cambia, la tecnologia si evolve, e se si rimane indietro spesso è un male. Tecnologia, mobilità e ambiente saranno i temi di cui vi parlerò. Non dovremo essere d’accordo ma almeno ragionarsi su!

    Fotovoltaico: ottimizzatori di potenza o microinverter?

    Ottimizzatori di potenza e micro-inverter: analizziamo meglio i vantaggi, gli svantaggi e le differenze tra questi due prodotti per l'impianto fotovoltaico.

    Fiat svela 5 nuove concept car squadrate ispirate alla Panda

    Fiat ha appena presentato al Salone dell'Auto di Ginevra una nuova serie di concept car ispirate alla Panda, tra cui una nuova city car ed un pick-up.

    Polaris: ecco il prossimo UTV completamente elettrico

    Polaris sta continuando con il suo impegno verso il RANGER XP Kinetic completamente elettrico con un altro UTV elettrico, questa volta per la sua linea..

    Toyota stessa dimostra perché i motori a combustione di idrogeno non sono la risposta

    Ill canale YouTube Engineering Explained ha pubblicato un eccellente video sui motori a combustione di idrogeno liquido di Toyota. Un esempio da non copiare...
    25,000FansLike
    12,000FollowersFollow
    7,500FollowersFollow
    9,000FollowersFollow
    581FollowersFollow
    115,000SubscribersSubscribe

    Il primo veicolo elettrico di Jeep arriverà negli Stati Uniti già a luglio, seguirà la Wrangler Recon elettrica

    Secondo il nuovo CEO, la produzione del primo veicolo elettrico di Jeep dovrebbe iniziare nel secondo trimestre, e le consegne a partire dal terzo trimestre.

    Il Ford F-150 Lightning elettrico fa il suo debutto in Norvegia

    Il Ford F-150 Lightning elettrico fa il suo debutto in Norvegia, rispondendo alla crescente domanda di veicoli elettrici a prestazioni elevate in Europa.

    Il riposo ripristina le prestazioni delle celle Litio-Metallo

    Le ricerche sulle celle al litio-metallo sono promettenti, potrebbero avere un impatto sulla durata del ciclo di vita dei pacchi batteria e sull’autonomia BEV.
    00:17:37

    Nuova Renault 5 elettrica – Video e caratteristiche in anteprima

    La risposta di Renault agli alti costi delle auto elettriche costruite in Europa è la piccola Renault 5 che ha debuttato oggi 26 febbraio al Salone di Ginevra.