carrozzeria musesti
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheStoria dell’auto elettrica – Parte #2: l’elettromobile

    Storia dell’auto elettrica – Parte #2: l’elettromobile

    Carissimi Elettronauti, la seconda puntata della storia dell’auto elettrica, segue l’ascensione fulminea delle macchine elettriche soprattutto in ambito urbano come La Rauch & Lang Electric in prima pagina. Nel 1908 ne furono prodotte 500 vetture, e fu votata come l’auto più popolare nel 1911 per l’ottima carrozzeria, buone finiture e qualità costruttiva.

    Kriéger

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Pubblicità veicolo kriéger | elettronauti It

    In Francia, nel 1902 la Compagnie Parisienne des Voitures Electriques (procédés Kriéger) aveva rilevato la società fondata nel 1897 dall’ingegnere Louis Antoine Kriéger utilizzando i suoi brevetti sul powertrain elettrico come i motori in parallelo con sistema di recupero dell’energia in frenata oltre ai classici freni sulle ruote.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1906 il senatore george p Wetmore governatore del rhode island e sua moglie edith malvina keteltas in unautomobile elettrica krieger | elettronauti It

    Agli inizi del secolo, i modelli erano la Brougham, la Landaulet e la Electrolette ma fu il veicolo Kriéger Electric Brougham uno dei primi esemplari apprezzato dalle società di taxi per le sue prestazioni, la sua silenziosità di funzionamento.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Kriéger electric car del 1904, targata LC19, con due motori elettrici Postel-Vinay | Elettronauti

    La carrozza Kriéger era azionata da due motori elettrici Postel-Vinay, con un’autonomia di circa 8090 km quando le batterie erano completamente cariche, munita di frenata rigenerativa, un peso totale di circa 2 tonnellate e una velocità massima di 3040 km/h.

    Prima macchina elettrica italiana

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1891, triciclo inventato dal conte Giuseppe Carli, prima auto elettrica italiana | Elettronauti.it

    Il triciclo del 1891 inventato dal Conte Giuseppe Carli, fu la prima auto elettrica Made in Italy, anche se non ebbe la possibilità di essere prodotta in serie e rimase un prototipo ricorda che anche nel nostro Bel Paese ci fu un grande interesse per la “carrozza senza cavalli” anche se era vista come un oggetto di lusso dal momento che l’industria non offriva un prodotto commerciale a basso costo ma piuttosto riservato a l’élite cittadina.

    Accumulatori “Tudor”

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Logo batterie tudor | elettronauti It

    Enrico Tudor ideò un nuovo sistema di fabbricazione di elettrodi per accumulatori che sommava i vantaggi delle scoperte degli elettrodi di Planté e i sali e gli ossidi impiegati da Faure (Storia dell’auto elettrica – Parte #1: l’elettromobile), eliminando gli inconvenienti di entrambi e dando una ottima capacità agli accumulatori. Brevettato in tutti i principali Stati del mondo, in Italia il brevetto “Tudor” fu preso nell’estate dell’anno 1893 dalla “Fabbrica Nazionale di Accumulatori Brevetto Tudor” con sede a Genova nel quartiere di Sampierdarena e fornì i suoi pacchi batteria a tutti i produttori dell’epoca di veicoli elettrici.

    Ausonia

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    S I V E Società italiana veicoli elettrici | elettronauti It

    Nel 1899 apre nella periferia di Milano, la prima Società Italiana Vetture Elettriche S.I.V.E. grazie alla volontà dell’ingegnere Gino Turinelli che pochi anni dopo si mise in società con la O.S.V.A. Officine Sesto San Giovanni, una realtà che produceva stufe ma che voleva diversificarsi e cosi da questo strano binomio nacque l’azienda Ausonia.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Autocarro elettrico di costruzione turrinelli di portata 40q azionato da accumulatori tudor in servizio presso la società o S V A sesto san giovanni | elettronauti It

    I veicoli Ausonia montavano motori elettrici da 5 CV ciascuno alle ruote posteriori, 5 differenti velocità di marcia, i 6, 12, 20 e 25 km/h e due posizioni in retromarcia. Il powertrain composto da accumulatori Tudor, era in un telaio in legno il resto della struttura portante era in tubi d’acciaio, assai meno ingombranti del legno sino ad allora utilizzato per le carrozze e rendeva le vetture più leggere il che aumentava l’autonomia massima dichiarata dalla casa costruttrice che si aggirava sui 50 km.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1907 lausonia del marchese raffaele cappelli | elettronauti It

    Una di queste automobili lussuose e accessoriate (fari elettrici e scaldapiedi elettrici e porta-bastoni e ombrelli fu acquistata dal marchese Raffaele Cappelli, deputato del Regno d’Italia a Roma. Il proprietario, volendo provare le doti del mezzo, invitò 5 persone a bordo e girò per le viuzze acciottolate della città e le strade di ghiaia superando i vari colli e castelli della capitale, passando per Grottaferrata e Marino e la ripida salita Tuscolana in direzione Frascati. Dopo ben 63 km il veicolo aveva ancora energia da vendere il ché sbigottì il marchese che descrisse il suo viaggio in una lettera pubblicata sul Corriere della Sera del 4 aprile 1907.

    I furgoni Ausonia effettuavano la maggior parte del traffico postale milanese ma con il progresso dei motori endotermici, la società sospese la produzione dell’Ausonia alla fine del 1910 in quanto ritenuta non sufficientemente remunerativa. Tuttavia, i modelli commerciali, praticamente indistruttibili, rimasero in servizio fino al dopoguerra.

    1900, Ferdinand Porsche presenta la Lhoner

    L'elettromobile - Secondo Episodio | Elettronauti
    Lhoner di Ferdinand Porsche | Elettronauti.it

    Ritorniamo un attimo indietro nel tempo al 1900 per l’esattezza, bisogna sapere che la prima grande passione di Ferdinand Porsche, non era l’automobile ma bensì l’elettricità. Il suo primo lavoro di ingegneria è stato presso un’azienda austriaca che produceva apparecchiature elettriche ed è lì che gli fu chiesto di progettare un motore elettrico per il produttore di carrozze reali austriaco, Jacob Lohner & Co. I motori elettrici dovevano essere alloggiati all’interno delle ruote della carrozza.

    L'elettromobile - Secondo Episodio | Elettronauti
    Motore nella ruota di ferdinand porsche | elettronauti It

    Ferdinand Porsche ha inventato un motore elettrico alloggiato nella ruota. Le prestazioni erano eccellenti perché il propulsore era rotante e produceva pochissimo attrito. Per la Lohner due motori elettrici erano disposti direttamente nel mozzo delle ruote anteriori in modo che le ruote motrici svolgessero anche la funzione sterzante. 

    La Lohner montava 400 Kg di batteria per un’autonomia di 65 Km, l’auto raggiungeva una velocità massima di circa 50 km/h e alla quinta Esposizione Universale di Parigi fu salutata dalla stampa come la “novità più distintiva” e “l’innovazione epocale“.

    Le versioni di questa vettura vinsero diverse gare, spesso con lo stesso Porsche al volante. Una versione “sportiva”, era capace di una velocità massima di 60 km/h, aveva motori elettrici su tutte e quattro le ruote e un pacco batteria al pb da 1.800 kg.

    Nel 1905, Krieger aveva unito le forze con la casa automobilistica Brasier e nel 1906, la Kriéger-Brasier riprodusse il medesimo schema ibrido della Lohner con due motori elettrici e uno a benzina.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Kriéger brasier prodotta nel 1906 | elettronauti It

    Nel 1910, quasi il 3% del mercato parigino dei taxi era composto da modelli Krieger-Brasier dotate di trasmissione elettrica, un motore Brasier a 4 cilindri, che accoppiato a un generatore, alimentava i due motori delle ruote anteriori: una primissima auto ibrida

    Viktoria, taxi di lusso

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Taxi Viktoria, 1905, Siemens-Schuckert | Elettronauti.it

    Nel 1905, l’automobile Viktoria prodotta da Siemens-Schuckert, fu uno dei primi veicoli a funzionare a Berlino esclusivamente con l’elettricità soprattutto in veste di un elegante taxi d’albergo.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1905 taxi viktoria siemens schuckert pacco batteria | elettronauti It

    Il produttore Siemens le produceva basandosi sul fatto che l’auto a benzina non soddisfaceva la soluzione auspicata per le città dal momento che inquinava l’aria e produceva un rumore assordante e non raggiungeva il confort di guida rilassata di un’auto elettrica.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Taxi viktoria siemens schuckert sostituzione pacco batteria | elettronauti It

    Il pacco batterie era disposto sotto il cofano anteriore, pronto per essere rimosso e sostituito in breve tempo da un pacco batterie carico con l’ausilio di una puleggia.

    S.T.A.E.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Vetturella elettrica STAE tipo “Duc-de-dame”,1909 | Elettronauti.it

    La STAE Società Torinese Automobili Elettrici, è stata una casa automobilistica italiana specializzata nella costruzione di veicoli elettrici chiamati “elettromobili” basati sul “sistema Kriéger“. Difatti le vetture furono prodotte su licenza Kriéger che all’epoca godeva di grande favore tra il pubblico. L’azienda con sede in Corso Regina Margherita nacque nel 1905 con il nome di Società Italiana Automobili Kriéger, produsse sia veicoli ibridi dotati di due motori elettrici a trasmissione cardanica, alimentati da un motore a benzina con alternatore che veicoli full elettrici (vetture e camion elettrici). Nel 1907 l’azienda viene acquistata da imprenditori torinesi e continuò a produrre veicoli assumendo la denominazione STAE ma cessò la produzione e si sciolse nel 1913 come tante altre aziende con l’affermarsi dei veicoli a motore a combustione interna.

    L’ascesa degli Stati Uniti

    Gli Stati Uniti furono il principale esportatore mondiale. I giganteschi progressi tecnici e scientifici, generati dalla prima rivoluzione industriale, furono all’origine di nuove industrie (in campi molto vari come la chimica, la metallurgia, l’automobile, l’aviazione, l’elettricità, ecc.). Il baricentro dell’economia globale era cambiato. Gli Stati Uniti erano diventati, a scapito dell’Europa (in primis Gran Bretagna e Francia), la prima potenza mondiale. Il capitalismo si era sviluppato negli Stati Uniti seguendo una velocità accelerata, rispetto all’Europa.

    1902, Walter Baker e il record mondiale di velocità

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1902 torpedo kid 999 di baker | elettronauti It

    Nel 1902 a Ormond Beach, in Florida, l’ingegnere Baker aveva raggiunto la velocità miracolosa di 167 km/h, un record mondiale su di un chassis aerodinamico, futuristico per l’epoca.
    Il motore elettrico da 14 cavalli con trasmissione a catena era montato dietro al sedile e intorno al pilota una serie di accumulatori al piombo da 40 celle fornivano l’energia. Con il baricentro basso, era la prima volta nella storia dell’auto che si montavano delle cinture di sicurezza.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile| Elettronauti.it
    1911 pubblicità della baker electrics lauto silenziosa | elettronauti It

    Nel 1907 Baker Motor Vehicle Co. a Cleveland, Ohio (USA), aveva 17 modelli, il più piccolo era lo Stanhope e il più grande il coupé Inside Drive.

    C’era anche l’Extension Front Brougham da 4.000 dollari con il sedile del conducente posizionato dietro i passeggeri che imitava la cabina di una carrozza.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    1912 camion elettrico baker | elettronauti It

    Nel 1907, Baker aveva anche introdotto una linea di camion con capacità fino a cinque tonnellate.

    Alla fine del 1910, le Electric Baker erano piuttosto lussuose e costavano parecchio difatti se adeguati all’inflazione, questi veicoli costerebbero oggi tra i 100000$ e 200.000$.
    Aneddoto; una Baker Electric faceva parte della prima flotta di auto della Casa Bianca ed è stata guidata da Helen Taft, moglie di William Howard Taft (27º presidente degli Stati Uniti d’America), e successivamente dalla first lady statunitense Edith Bolling Wilson.

    Thomas Edison: “ il futuro sarà elettrico”

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Henry Ford sussurra a Thomas Edison, 1925 | Elettronauti.it

    L’inventore Thomas Edison, aveva affermato che l’elettricità era il futuro poiché: “tutto il petrolio sarebbe stato pompato fuori dal suolo” ed  è riuscito a costruire tre auto, una delle quali ha guidato dalla Scozia a Londra, caricandola lungo il percorso. La sua auto elettrica con due batterie da 15 volt e un motore elettrico da 30 volt poteva raggiungere una velocità di 40 Km/h.
    Benché possa sembrare un paradosso, bisogna sapere che l’imprenditore Henry Ford e l’inventore Thomas Edison, erano amici di vecchia data e ci fu anche un tempo in cui decisero di dar vita ad un progetto di costruzione di un’auto elettrica che sia economica ma purtroppo, dopo numerosi esperimenti che sembravano promettere bene, rinunciarono all’idea.  

    Qui di seguito il modello Detroit Electric Model 47 Brougham con l’originale quadro strumenti. Uno di questi veicoli fu comprato da Henry Ford per sua moglie Clara.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Model 47 brougham e il suo quadro strumenti | elettronauti It

    La Detroit Electric Car Company

    La società produsse a partire dal 1907 veicoli urbani che portavano il nome della società. La velocità massima era di 32 km/h, l’autonomia di ben 130 chilometri e nel 1910 si producevano più di 800 esemplari.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Detroit electric car | elettronauti

    Si può affermare che si tratta di un marchio che segnò la “Belle epoque”, e Carl Barks uno dei più grandi maestri della storia del fumetto statunitense scelse un’auto elettrica della Detroit Electric Company come macchina ufficiale di nonna Papera!

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Nonna papera guida una macchina elettrica modello priscilla | elettronauti

    Il modello del 1914 si chiamava Priscilla e la sua produzione finì negli anni ’20.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Il genio tuttofare archimede pitagorico ricarica la macchina di nonna papera con un trasformatore riduttore di tensione | elettronauti It

    Ford T a benzina, prima auto prodotta in serie

    Nel 1908, il lancio della Ford T a benzina, la prima automobile prodotta in serie al mondo, minò il futuro dell’auto elettrica per effetto del suo elevato costo.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Ford model t touring del 1921 vs detroit electric model 90 coupe del 1922 | elettronauti It

    La Ford Model T, prima vettura con motore endotermico, consentì a Henry Ford di calmierare sensibilmente i prezzi, grazie alla riduzione dei costi di produzione, attraverso l’intuizione della catena di montaggio, applicata per la prima volta alla produzione automobilistica. Un plus che avvicinò il costo della Model T alle reali possibilità delle persone, anche più comuni, divenendo così in breve tempo l’auto “alla portata di tutti”, visto il prezzo di vendita era di ben sei volte inferiore a quello di un’auto elettrica.

    In seguito, grazie all’invenzione del motorino elettrico, ad opera di Charles Franklin Kettering della Dayton Electric Co. (DELCO), fu possibile avviare sul viale della pensione la famosa e pesante “manovella”.

    Midland Railway Company

    Durante la Prima Guerra Mondiale il prezzo del carburante diventava proibitivo e diverse realtà decisero di puntare sui veicoli elettrici, soprattutto per lavori di raccolta e pulizia delle strade.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Autocarri elettrici ricaricati al deposito merci di st pancras a londra 1917 | elettronauti It

    L’Inghilterra ampliò il settore dei camion elettrici e un esempio fu la MRC (Midland Railway Company), che si affidava a degli autocarri elettrici con un’autonomia a pieno carico di circa 48 km per consegnare la merce agli uffici presenti in città. 

    Conclusioni

    L’auto elettrica con le sue performance sembrava la tecnologia più promettente per l’epoca, difatti le auto a benzina venivano viste come poco pratiche e pericolose. L’elettromobile, con la sua assenza di vibrazioni, odori e rumori veniva spesso utilizzata dalle donne più distinte dell’epoca.

    Il vero punto debole, che limitò la diffusione della mobilità elettrica, era la tecnologia ancora grezza, oltre alla limitata autonomia fornita dalle grandi e pesanti batterie. L’auto elettrica era destinata a un uso esclusivamente cittadino, inoltre non si perfezionò nessun sistema di controllo della carica e della trazione.

    Storia dell'auto elettrica - L'elettromobile | Elettronauti.it
    Veduta della Glenn Pool vicino a Tulsa in oklahoma, anni ’20 | Elettronauti.it

    L’auto elettrica era vista come oggetto di lusso e l’industria non offriva un veicolo a basso costo per la massa ma un prodotto commerciale riservato a l’Elite. L’endotermico grazie alla Ford Model T rendeva l’automobile alla portata della classe media e la scoperta di enormi riserve petrolifere in Texas e in Oklahoma, resero il prezzo del gallone molto più vantaggioso di quello del kilowatt!

    Alla fine della Prima Guerra Mondiale, le auto elettriche sembravano destinate a sparire definitivamente ma cari amici elettronauti, la storia non finisce mica qui, anzi vi invito a leggere la terza parte di questa incredibile avventura.


    Lasciate i Vostri commenti sulla storia dell’auto elettrica. Sono sempre graditi!

    Fonte

    5 1 vota
    Article Rating

    1 COMMENT

    Iscriviti
    Notificami
    1 Comment
    i feedback inline
    Vedi tutti i commenti
    Matteo ValenzaD
    Matteo Valenza
    7 mesi fa

    wow quante informazioni non pensavo affatto che fossero state fatte tante auto così!

    ARTICOLI SIMILI
    Alan Murarotto
    Alan Murarotto
    tecnico meccatronico, formatore automotive, professionista della mobilità. Aiuto i lettori a districarsi nel labirinto delle dinamiche che governano la transizione energetica, dalla burocrazia agli aspetti legati alla guida di veicoli elettrici e non solo, con accenni tecnici per una visione a 360°.

    Tesla incrementa la produzione del Cybertruck mentre aumentano le consegne e una grande flotta viene avvistata presso Gigafactory Texas

    Tesla incrementa la produzione del Cybertruck mentre aumentano le consegne e una grande flotta viene avvistata presso Gigafactory Texas.

    E se un giorno gli astronauti mangiassero “riso di manzo” coltivato?

    Dalla Corea arriva una nuova invenzione particolare. Si tratta di un ibrido composto da carne di manzo coltivata sui chicchi di riso.

    Scout Motors apre il cantiere statunitense dove costruirà i suoi pick-up off-road completamente elettrici

    Scout Motors ha raggiunto un importante traguardo con l'apertura nella Carolina del Sud del suo futuro centro di produzione di pick-up elettrici.

    La neve per pochi è un emblema del cambiamento climatico in atto

    Se guardiamo la neve, i ghiacciai e le montagne il cambiamento climatico si fa più "consistente" e visibile.
    25,000FansLike
    12,000FollowersFollow
    7,500FollowersFollow
    9,000FollowersFollow
    581FollowersFollow
    115,000SubscribersSubscribe

    Rivian crolla del 25% in un giorno

    Elon Musk lo aveva predetto, e se parla di BEV va ascoltarlo. Stiamo parlando di Rivian, il produttore di pick-up elettrici, quindi rivale di Tesla Cybertruck.

    Mercedes troppo ottimistica sull’elettrico. Punti di vista?

    L'azienda tedesca Mercedes avrebbe rivisto i piani per il futuro, come già fatto da altre compagnie tedesche quali BMW, Volkswagen e Audi.

    Il lato oscuro del limite dei 30 km/h

    Città a 30 km/h? Non sono tutte rose e fiori. Mettiamo a confronto i risvolti positivi rispetto ai nascosti risvolti negativi.

    Sony e Honda uniscono le forze nella corsa verso i veicoli elettrici: tre modelli previsti entro la fine degli anni ’20

    Sony e Honda uniscono le forze nella corsa verso i veicoli elettrici: tre modelli previsti entro la fine degli anni '20, una berlina, un SUV ed una compatta.