banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAmbienteTerna: collegamento sottomarino da 1GW tra Italia e Grecia

    Terna: collegamento sottomarino da 1GW tra Italia e Grecia

    Terna realizzerà una nuova linea di interconnessione sottomarina ad alta tensione in corrente continua (HVDC) tra Italia e Grecia, per garantire una maggiore affidabilità di scambio tra i due Paesi e favorire una maggiore interazione delle fonti rinnovabili.

    Il nuovo collegamento andrà a raddoppiare la prima linea di interconnessione tra i due Paesi entrata in esercizio nel 2002.

    L’opera rafforzerà l’Italia come hub energetico nel mediterraneo aumentando la capacità di trasporto di energia con la Grecia ed in paesi europei confinanti.

    Il progetto di Terna: due cavi sottomarini da 1 gigawatt

    Il collegamento ad alta tensione in corrente continua sarà composto da due cavi sottomarini di 250 chilometri con potenza fino a 1.000 MW (1 gigawatt) ad una tensione di 500 kV (500.000 V) .

    Essendo in configurazione bipolare ciascun polo sarà in grado di trasportare fino a 500 MW.

    Terna: collegamento sottomarino da 1gw tra italia e grecia | elettronauti. It
    Caratteristiche del nuovo collegamento sottomarino italia grecia fonte terna | elettronauti It

    La profondità di posa sarà nell’ordine di 700-800 metri di colonna d’acqua e dove possibile i cavi saranno interrati nel fondale marino grazie ad una macchina a getti d’acqua che minimizza l’impatto sull’ambiente, nel rispetto dell’ecosistema marino.

    In territorio italiano verranno posati due cavi terrestri in corrente continua per 50Km, ad unire il punto di approdo situato a Melendugno fino a Galatina, passando per Soleto, Sternatia, Martignano, Calimera e Carpignano Salentino, tutti in provincia di Lecce.

    A Galatina sorgerà una nuova stazione di conversione collegata alla Rete di Trasmissione Nazionale (RTN) attraverso un cavo interrato in corrente alternata.

    Terna: collegamento sottomarino da 1gw tra italia e grecia | elettronauti. It
    Tracciato del nuovo collegamento sottomarino fonte terna | elettronauti It

    A seguito dell’ottenimento di tutte le autorizzazioni di tipo ambientale, geologico e catastale, i tempi tecnici per la realizzazione dell’opera sono stimati in circa 5 anni.

    Benefici dell’opera

    Grazie a quest’opera ci sarà un più efficiente scambio di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili con riduzione del fenomeno della “sovrapproduzione“.

    Per funzionare il sistema elettrico deve essere bilanciato tra produzione e domanda di energia elettrica, ma quando la produzione è maggiore della domanda (sovrapproduzione) occorre fermare alcuni impianti; ecco il motivo per cui capita di vedere in certi momenti le pale eoliche ferme.

    Con questo collegamento bidirezionale sarà possibile trasferire l’energia prodotta in eccesso verso uno dei due Paesi e a loro volta verso i Paesi confinanti, attraverso i collegamenti via terra già esistenti.

    Riducendo il fermo impianto ci sarà un incremento dei benefici per il produttore ma anche per il consumatore, che potrà beneficiare di energia elettrica a costi più bassi e prodotta in modo rinnovabile.

    Esiste la neutralità tecnologica? | elettronauti. It
    Un esempio di energia rinnovabile leolico | elettronauti It

    La prima interconnessione tra Italia e Grecia nel 2002

    L’opera entrata in funzione nel 2002 è stata la prima interconnessione ad alta profondità con l’estero realizzata in Italia.

    Il collegamento a 400 kV (400.000V) in corrente continua è in grado di trasportare fino a 500 MW (megawatt) e si sviluppa su oltre 300Km, di cui 160 sottomarini con profondità massima di 1.000 metri.

    Nella parte italiana ci sono 43Km di collegamento terrestre tra Otranto, il punto di approdo, e la stazione elettrica di Galatina; in territorio greco ci sono 110 Km di linee aeree tra Aetos e la stazione elettrica di Arachthos.

    Grazie a questo collegamento l’Italia ha contribuito a supportare il gestore delle rete greco nelle punte di carico estive che si sono verificate durante i giochi olimpici ad Atene nel 2004.

    Ad oggi sono diversi i cavidotti sottomarini realizzati da Terna o in programma, tra cui il SA.PE.I (Sardegna-Penisola Italiana) in funzionamento a pieno regime dal 2011, il collegamento tra Italia e Montenegro attivo dal 2019, il Tyrrhenian Lynk che collegherà Sicilia, Sardegna e penisola italiana, o il TUNITA, che collegherà l’Italia alla Tunisia.

    Terna: collegamento sottomarino da 1gw tra italia e grecia | elettronauti. It
    Indice degli elettrodotti in cavo fonte terna | elettronauti It
    Elettronauti. It - categoria ambiente

    Eri a conoscenza di queste complesse opere ingegneristiche subacquee realizzate da Terna?

    Fonte

    1. Sehr interessantes Fahrzeug, würde mich über weitere Informationen freuen. Bin begeistert, es wäre das richtige Fahrzeug für meine Frau und…

    Lorenzo
    Lorenzo
    Appassionato di tutte le forme di energia, in particolare di quelle rinnovabili, che credo siano il vero valore aggiunto per una mobilità sostenibile. Con le auto elettriche è stato amore grazie ad un retrofit tra i banchi di scuola.

    Tesla Supercharger – Le tariffe di ricarica aggiornate | Fine Aprile 2024

    Le tariffe sempre aggiornate della più grande rete di ricarica a corrente continua del mondo. Tesla e i suoi Supercharger si espandono alla velocità della luce.

    XPeng lancia due veicoli elettrici in Germania

    L'azienda automobilistica cinese XPeng Motors sta mantenendo la sua promessa di espandersi nei nuovi mercati europei quest'anno, con la Germania come...

    L’Elettrico in Borsa: BlueStar® Electric Vehicle Industry Index

    Il mondo delle società quotate che fanno business nel campo dei veicoli elettrici (BEV) ha un indice di riferimento, che si chiama BlueStar® Electric...