banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheAiwaysTesla e BYD sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre...

    Tesla e BYD sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento

    Uno studio di rilievo condotto da uno dei principali enti internazionali dei trasporti dimostra che Tesla e l’emergente concorrente cinese BYD stanno guidando il mondo nella transizione verso i veicoli elettrici (EV) con un certo distacco, e conferma che, mentre alcuni grandi produttori di auto tradizionali stanno cercando di recuperare, il gruppo giapponese è nettamente in ritardo.

    Il nuovo rapporto, The Global Automaker Rating 2022, è stato pubblicato dal Consiglio Internazionale per il Trasporto Pulito (ICCT) con sede negli Stati Uniti e classifica i primi 20 produttori di veicoli leggeri al mondo sulla base della loro transizione verso i veicoli elettrici, inclusa la quota di mercato, la tecnologia e la visione strategica.

    La classifica generale è dominata da Tesla e BYD, in particolare per la quota di mercato e la visione strategica. Tesla rimane al primo posto per la tecnologia, ma alcuni produttori di auto tradizionali come BMW, Volkswagen, Ford e Hyundai stanno recuperando terreno. Tesla è anche in testa ad altri criteri come l’autonomia, la velocità di ricarica e l’efficienza.

    ⚡️ Leggi anche: Giappone, tra tecnologia e tradizione non c’è posto per l’auto elettrica

    Mentre Tesla e BYD sono in testa, Volkswagen sta facendo piani ambiziosi e rapidi progressi verso la decarbonizzazione della sua flotta di veicoli leggeri, mentre Toyota è in ritardo in quasi tutti i parametri.
    Rapporto ICCT

    Si afferma che 6 dei 20 produttori automobilistici sono inclusi nel gruppo dei “ritardatari” e 5 di questi produttori automobilistici hanno sede in Giappone.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Punteggi autofabbricanti 2022 fonte icct | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: nVidia sta aggiornando l’esperienza in auto con intelligenza artificiale, streaming e funzionalità di sicurezza avanzate

    Nel gruppo di quelli che “stanno facendo la transizione”, l’ICCT afferma che BMW e Volkswagen stanno dimostrando di prendere sul serio la transizione verso i veicoli elettrici.

    Considerando che lo scandalo del Dieselgate è avvenuto solo 7 anni fa, è notevole vedere VW emergere come un vero leader nella transizione verso veicoli a emissioni zero al 100%.
    Rachel Muncrief, direttore esecutivo ad interim dell’ICCT

    Dominio di mercato

    Tesla è chiaramente la forza dominante nel mercato dei veicoli elettrici, il che non sorprende dato che il suo Model Y è attualmente l’auto più venduta al mondo, mentre BYD è al secondo posto, anche se molte delle sue vendite “elettriche” sono ibride plug-in, che vengono scontate secondo l’algoritmo dell’ICCT.

    Idealemente, la quota di vendite equivalenti ai veicoli a zero emissioni dovrebbe essere del 100%, indicando che un produttore produce e vende solo veicoli a zero emissioni.
    ICCT

    Le barre gialle solide nel grafico qui sotto indicano la quota di vendite di PHEV scontate dopo aver tenuto conto della reale quota di guida elettrica.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Confronto ice bev fonte icct | elettronauti It
    Significato termine ZEV: Zero Emission Vehicle. Include tutte le auto a zero emissioni tipo BEV (batteria) e FCEV (Fuel Cell).

    L’ICCT osserva che, ad eccezione di Tesla, i costruttori automobilistici cinesi hanno generalmente la quota di vendite di veicoli elettrici più elevata, seguiti da quelli europei e poi quelli americani, mentre i produttori giapponesi hanno la quota più bassa. Le auto a celle a combustibile a idrogeno sono prodotte principalmente dai mercati automobilistici giapponesi e coreani.

    Prestazioni tecnologiche

    Per quanto riguarda le prestazioni tecnologiche, l’ICCT ha analizzato il consumo energetico, le velocità di ricarica e l’autonomia di guida.

    Misurato in Wh/km, Tesla ha avuto il consumo energetico più basso, seguito da Tata, BYD, BMW e Volkswagen. Ford, Nissan e Mazda hanno ottenuto i valori più bassi di consumo energetico medio dei veicoli elettrici.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Energia consumata bev fonte icct | elettronauti It

    Nel caso delle velocità di ricarica, Tesla ha ottenuto il punteggio più alto con una velocità media di ricarica di 172 kW, seguita da Hyundai-Kia con 134 kW, mentre BMW e Volkswagen sono appena sotto i 100 kW.

    Le auto elettriche prodotte da Mazda, Nissan, Renault, Tata e SAIC hanno le velocità di ricarica più lente, con velocità medie inferiori a 50 kW.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Velocità di ricarica bev fonte icct | elettronauti It

    L’ICCT ha anche confrontato le autonomie di guida dei diversi produttori. Anche in questo caso, Tesla batte tutti gli altri produttori di auto elettriche con un’autonomia media di 503 km, seguita da Ford con 488 km. Mazda e SAIC hanno avuto la minore autonomia tra tutti i produttori, circa 200 km.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Punteggi in base allautonomia fonte icct | elettronauti It

    Visione strategica

    L’ICCT ha classificato la visione strategica dei produttori automobilistici in base agli obiettivi BEV, agli investimenti BEV e all’allineamento della remunerazione dei dirigenti.

    La metrica degli obiettivi BEV valuta l'ambizione di un produttore nella transizione verso una flotta di veicoli BEV al 100% per essere in linea con la tabella di marcia dell'Accordo di Parigi.
    
    Un obiettivo ambizioso può dimostrare la determinazione di un produttore nel decarbonizzare la propria flotta di veicoli. Al contrario, un produttore senza obiettivo o con un debole obiettivo di eliminazione graduale dei veicoli a combustione interna è considerato meno propenso a investire nella transizione BEV a breve termine.
    ICCT

    Oltre a Tesla, che è già al 100% di veicoli elettrici, Renault, GM, Ford e Mercedes-Benz hanno tutti dichiarato obiettivi di raggiungere il 100% di vendite di veicoli elettrici entro il 2035.

    Gli obiettivi di Volkswagen sono differenziati a seconda delle regioni, con il 70% di vendite di veicoli elettrici in Europa entro il 2030, ma solo il 50% negli Stati Uniti e in Cina nello stesso periodo.

    Il più grande produttore di automobili al mondo, Toyota, ha uno degli obiettivi più bassi, solo il 32% entro il 2030.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Obiettivi di vendita divisi per marca fonte icct | elettronauti It

    Per quanto riguarda gli investimenti, l’ICCT ha classificato i produttori automobilistici in base agli investimenti totali BEV in dollari per veicolo.

    Consideriamo la ricerca e sviluppo, la spesa di capitale per cose come lo sviluppo di siti di produzione BEV per aumentare la capacità di produzione e l'infrastruttura di supporto BEV come la costruzione di impianti di batterie e stazioni di ricarica e l'istituzione di una rete di ricarica più ampia; e le spese finanziarie per altre cose come l'istituzione di filiali, joint venture e partnership.
    ICCT

    Il grafico qui sotto mostra gli investimenti BEV per veicolo prodotto, con la dimensione del cerchio che riflette l’investimento totale. Anche in questo caso, Tesla è in testa investendo 2.929 dollari statunitensi per veicolo nella produzione BEVe nell’infrastruttura di supporto.

    Sebbene VW abbia il maggiore investimento cumulativo in dollari statunitensi tra tutti i produttori nel 2022, essendo il secondo più grande produttore di veicoli leggeri al mondo, il punteggio di VW per questa metrica è inferiore rispetto a molti altri, tenendo conto delle dimensioni dell'azienda.
    ICCT

    Tra i principali produttori di auto, Toyota si classifica terz’ultimo con un investimento BEV di circa 250 dollari per veicolo. Per Toyota, gran parte di questo investimento potrebbe essere destinato ai veicoli a celle a combustibile a idrogeno, una tecnologia che molti esperti ritengono diventerà obsoleta nel settore automobilistico.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Investimenti cumulativi fonte icct | elettronauti It

    Con la pubblicazione del suo ampio rapporto, l’ICCT ha fornito all’industria automobilistica globale dati preziosi su chi sta guidando e chi sta rimanendo indietro nella corsa mondiale per porre fine al trasporto alimentato dai combustibili fossili.

    Tesla e byd sono in testa nel mondo delle auto elettriche, mentre i produttori di auto giapponesi vanno a rilento. | elettronauti. It
    Report fonte icct | elettronauti It

    L’ICCT afferma che ogni produttore automobilistico ha ancora molto da fare.

    "Solo la metà dei produttori automobilistici ha raggiunto una quota di vendite BEV pari o superiore al 10%. Considerando che secondo le nostre stime una quota di vendite BEV pari al 77% è necessaria entro il 2030 per rimanere in linea con gli obiettivi climatici dell'Accordo di Parigi, la maggior parte dei principali produttori automobilistici del mondo ha ancora molto da fare nei prossimi anni".

    Chi vi ha stupito di più in positivo e in negativo?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.

    Elon Musk: potrebbe essere giunta l’ora di uno Smartphone X

    Se ne è già parlato tempo fa in ambito tech. Sappiamo tutti che Elon Musk è una persona abbastanza imprevedibile. Oggi dice una cosa...