banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheTesla sta esaminando un potenziale "investimento significativo" in Francia, mentre Musk incontra...

    Tesla sta esaminando un potenziale “investimento significativo” in Francia, mentre Musk incontra il presidente

    Forse una nuova Gigafactory Tesla in Francia? Anche se sembrerebbe un’ipotesi poco praticabile, a causa del noto atteggiamento antisindacale di Musk e la Francia, come buona parte dei vecchi paesi Europei è fortemente sindacalizzata, un potenziale “investimento significativo” nella terra dei Galli, potrebbe riservare sorprese, dopo l’incontro di Elon Musk con il presidente Emmanuel Macron.

    Tesla sta esaminando un potenziale "investimento significativo" in francia, mentre musk incontra il presidente | elettronauti. It
    Elon musk macron | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: Jaguar investirà 15 miliardi di sterline nella transizione elettrica, per aprire gli ordini per la Range Rover EV

    Musk è volato a Parigi per incontrare Macron e l’obiettivo dell’incontro era discutere  potenziali investimenti di Tesla in Francia.

    La casa automobilistica aveva precedentemente considerato la Francia per la sua prima grande fabbrica di automobili in Europa, ma ha finito per costruire invece in Germania. Tesla ha recentemente aumentato la produzione nella Gigafactory di Berlino a 5.000 unità a settimana, ma i piani della casa californiana lasciano supporre l’intenzione di crescere ancora industrialmente, sul territorio europeo.

    Per una conflittualità sindacale meno accentuata, e minori costi di conduzione, rispetto agli altri paesi, si vociferava che Musk, avrebbe considerato la Polonia un paese molto interessante.

    D’altro canto, già molti costruttori europei hanno da anni stabilimenti sul suolo polacco e nell’ultimo periodo gli investimenti e produzione sono stati aumentati.

    ⚡️ Leggi anche: Nuova Gigafactory Tesla – Ne mancano 7 !?

    Tesla sta cercando di far crescere la sua capacità di produzione annuale globale da 2 milioni di unità a 20 milioni di unità, entro la fine del decennio. Per raggiungere questo obiettivo, dovrà costruire diverse altre Gigafactories. Pertanto, anche se ha ancora spazio per crescere a Berlino, avrà quasi certamente la necessità di assicurarsi un accordo per un’ulteriore fabbrica in Europa.

    Sembra che la Francia abbia voluto anticipare gli altri ed abbia intenzione di offrire condizioni molto interessanti a Musk, infatti  dopo l’incontro con Macron, Musk ha detto ai media locali che spera che Tesla faccia un “investimento significativo” in Francia in futuro.

    Tesla sta esaminando un potenziale "investimento significativo" in francia, mentre musk incontra il presidente | elettronauti. It
    Elon musk bruno le maire ministro finanze francese | elettronauti It

    Elon Musk non ha incontrato solo Macron

    L’amministratore delegato ha incontrato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire per discutere della possibilità che Tesla approfitti dei crediti d’imposta per nuovi investimenti nelle tecnologie verdi nel paese.

    Il ministro Bruno Le Maire, incalzato proprio sul tema di una nuova Gigafactory in Francia non si è voluto sbottonare, sottolineando come la partita sia complicata. Intanto però la Francia avvierà diversi progetti per la realizzazione di batterie, con un investimento da 5,2 miliardi di euro del produttore di batterie taiwanese Prologium a Dunkerque, a cui ne seguirà un secondo da 1,5 miliardi di euro, sempre a Dunkerque da parte della società controllata dalla cinese XTC e dalla francese Orano.

    Elettronauti. It - categoria tesla

    Veramente Tesla e Musk sarebbero pronti ad aprire una nuova Gigafactory dopo quella di Berlino?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    L’hypercar OWL di Aspark diventa l’EV più veloce del mondo con 438,7 km/h

    C'è una nuova hypercar elettrica a dar fastidio a Tesla e Rimac, la giapponese Aspark OWL, con l'aiuto dell'italiana Manifattura Automobili Torino, ha...

    Fiat Grande Panda, il crossover elettrico da meno di 25.000 Euro

    La "cugina" della Citroën ë-C3 sta arrivando. Fiat ha presentato la Grande Panda. Design squadrato che ricorda il vecchio e inimitabile Pandino.

    E-mobility, bisogna dotarsi di un estintore?

    L'incendio di un veicolo ibrido o elettrico può avere conseguenze drammatiche e ciò rende obbligatorio equipaggiarsi di un estintore.