banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheTutto quello che devi sapere sul North American Charging Standard (NACS)

    Tutto quello che devi sapere sul North American Charging Standard (NACS)

    Ci sono state molte discussioni nell’industria delle auto elettriche ultimamente riguardo allo Standard di Ricarica Nordamericano, meglio conosciuto con l’acronimo “NACS”. 

    Lo standard di ricarica introdotto originariamente da Tesla sta diventando rapidamente il connettore di ricarica preferito. Un motivo in più per rimanere informati, dato che la vostra prossima auto elettrica potrebbe utilizzare proprio il NACS per la ricarica.

    La nascita di un nuovo standard di ricarica

    Come molte delle tecnologie per le auto elettriche adottate e implementate dagli produttori automobilistici oggi, Tesla ha aperto la strada. Il produttore automobilistico americano ha deciso di sviluppare il proprio connettore di ricarica per stabilire una rete di ricarica proprietaria che sarebbe diventata l’attuale affidabile Supercharger Network.

    Nel 2012, con il lancio della berlina Model S, Tesla ha introdotto per la prima volta il suo standard di ricarica proprietario, chiamato Tesla Charging Connector

    Lo standard venne poi adottato dai tre modelli successivi dell’azienda automobilistica americana, mentre la stessa continuava ad implementare la sua rete Supercharger in Nord America e nei nuovi mercati globali in cui le sue auto elettriche venivano vendute.

    Tutto quello che devi sapere sul north american charging standard (nacs) | elettronauti. It
    Spine sae combo e tesla nacs | elettronauti It

    Nonostante anni di voci su Tesla che avrebbe aperto la sua rete a tutte le auto elettriche in Nord America, ciò è accaduto solo di recente. Dato che la rete Supercharger rimane, senza dubbio, la più grande e affidabile del continente, questa è stata una grande vittoria per l’adozione delle auto elettriche nel complesso e ha portato alla creazione del NACS come metodo di ricarica preferito. 

    Connettore di ricarica Tesla? No, NACS

    Negli 11 anni trascorsi dall’introduzione del Supercharger di Tesla, la sua rete è cresciuta fino a raggiungere oltre 45.000 punti di ricarica (NACS e SAE Combo) in tutto il mondo. Recentemente, Tesla ha iniziato ad aprire la sua rete esclusiva alle auto elettriche di altre marche grazie a un nuovo adattatore chiamato “Magic Dock“.

    Tutto quello che devi sapere sul north american charging standard (nacs) | elettronauti. It
    Magic dock fonte tesla | elettronauti It

    Questo connettore doppio, proprietario, consente la ricarica su entrambe le spine NACS e SAE Combo (CCS Tipo 1) ed è stato introdotto lentamente ma capillarmente nelle stazioni Supercharger in tutto il continente Americano, in concomitanza con i piani di apertura della propria rete ad altre auto elettriche, Tesla ha annunciato che avrebbe rinominato la sua spina di ricarica “North American Charging Standard” (NACS).

    Questa mossa ha suscitato rapidamente critiche da parte dei produttori automobilistici tradizionali che si stanno convertendo alle auto elettriche, poiché lo SAE Combo era ancora lo standard effettivo per la ricarica. 

    Tesla, d’altra parte, ha sostenuto che il NACS dovrebbe essere adottato perché il suo adattatore è significativamente più compatto. Inoltre, offre una connessione più fluida e un accesso alla rete Supercharger, nel contempo migliaia di punti di ricarica vengono sostituiti con Magic Docks.

    Tutto quello che devi sapere sul north american charging standard (nacs) | elettronauti. It
    Raffronto nacs sae | elettronauti It

    Come molte nuove tecnologie ed idee, la popolazione in generale ha espresso una combinazione di scetticismo ed eccitazione, ma la combinazione con il protocollo CCS è rimasta lo standard di ricarica di riferimento. Tuttavia, una startup nota per la sua capacità di pensare in modo innovativo nel design delle auto elettriche ha fornito un impulso all’adozione della ricarica NACS, che stiamo appena iniziando a vedere prendere piede oggi. 

    L’industria si unisce all’entusiasmo per il NACS

    L’estate scorsa, la startup di auto elettriche solari Aptera Motors ha davvero dato avvio all’adozione del NACS prima che Tesla aprisse lo standard agli altri. Aptera ha visto il potenziale nella ricarica NACS e ha persino creato una petizione per renderla lo standard effettivo nel continente, ottenendo quasi 45.000 firme.

    Nell’autunno, Aptera ha presentato pubblicamente la sua edizione di lancio dell’auto elettrica solare, completa di ricarica NACS con il permesso di Tesla. Ha anche aggiunto la capacità di ricarica rapida in corrente continua come richiesto dalla sua appassionata comunità. 

    Tutto quello che devi sapere sul north american charging standard (nacs) | elettronauti. It
    Presa nacs fonte aptera | elettronauti It

    Avere Aptera a bordo con il NACS era importante per Tesla, ma non così tanto. La startup non ha ancora raggiunto la produzione di auto elettriche su larga scala. Il vero slancio per l’adozione del NACS sarebbe arrivato mesi dopo, quando Tesla ha annunciato una sorprendente partnership con un vero concorrente: Ford Motor Company.

    ⚡️ Leggi anche: Annunciata la partnership tra Tesla e Ford per lo standard di ricarica NACS

    A partire dal prossimo anno, i proprietari di auto elettriche Ford avranno accesso a 12.000 Tesla Supercharger negli Stati Uniti e in Canada utilizzando un adattatore NACS che verrà offerto direttamente a loro. Inoltre, le nuove auto elettriche Ford prodotte dopo il 2025 avranno già integrata la presa di ricarica NACS nel loro design, eliminando la necessità di adattatori. Meno di due settimane dopo, un altro importante produttore automobilistico americano ha annunciato una partnership con Tesla per l’adozione del NACS per la ricarica: General Motors. GM ha offerto la stessa strategia di Ford, integrando adattatori per i clienti iniziali e adottando completamente il NACS nel 2025. Questo annuncio ha praticamente confermato che il NACS è effettivamente il nuovo standard nel continente e ha ulteriormente consolidato il trio come i nuovi “tre grandi” nella produzione di auto elettriche americane.

    ⚡️ Leggi anche: Combo CCS2 o NACS – Qual’è la scelta migliore?

    Da allora, le porte si sono aperte e abbiamo visto un comunicato stampa quasi giornaliero da parte di reti di ricarica e produttori di apparecchiature che promettono di seguire l’esempio e adottare l’accesso al NACS per i clienti delle stazioni di ricarica. Ecco alcuni di essi: ABBBlink ChargingChargepointEnel X WayEVgoFLOFreewireTritiumWallbox

    Con una serie di importanti attori nel mondo delle auto elettriche e della ricarica che aderiscono al NACS, la rete Supercharger di Tesla sta crescendo in dimensioni e valore, e potrebbe valere fino a 100 miliardi di dollari. Nel frattempo, il produttore automobilistico americano continua ad aprire l’accesso ai suoi caricabatterie anche alle auto elettriche di altre marche in nuovi mercati come la Cina.

    Guardando avanti, lo SAE Combo rimarrà uno standard in Nord America per il momento, ma sembra avere poco tempo a disposizione, poiché tre dei più grandi produttori automobilistici del mondo si stanno orientando verso il NACS. Alcuni altri produttori di automobili potrebbero opporsi e continuare a utilizzare lo SAE Combo con CCS, ma potremmo vedere un giorno la presa fuori uso accanto a CHAdeMO come un altro gradino verso standard di ricarica più piccoli, più veloci e più universali.

    Alcune FAQ veloci:

    Cosa significa NACS ed è disponibile in Europa?

    North American Charging Standard (Standard di Ricarica Nordamericano) e non è per il momento disponibile in Europa ad eccezione delle stazioni Supercharger Tesla per le vetture Model S e Model X vendute dal produttore texano.

    Lo standard di ricarica sta appena iniziando ad essere considerato il nuovo metodo di ricarica solo in Nord America. L’Europa utilizza ancora principalmente lo standard CCS Tipo 2. Tuttavia, potrebbe sempre cambiare, ma ci vorrà tempo.

    Quali produttori automobilistici si sono impegnati finora nel NACS?

    Ce ne sono sempre di più ogni giorno, ma i principali da notare sono Tesla (ovviamente), Ford, GM e Aptera. Altri produttori automobilistici tradizionali come Stellantis non hanno escluso di passare al NACS, ma non sono ancora pronti a impegnarsi.

    Quali sono i vantaggi della spina NACS?

    La spina NACS è più piccola e compatta e offre un accesso più fluido alla crescente rete Supercharger di Tesla, che è considerata la più affidabile ed estesa al mondo.

    I modelli di auto elettriche più vecchi saranno in grado di utilizzare i caricabatterie Tesla?

    Sì. Tesla sta aprendo la sua rete di caricabatterie alla maggior parte delle auto elettriche, che abbiano o meno i connettori NACS. Le auto più vecchie o quelle con la presa CCS saranno in grado di connettersi utilizzando l’adattatore Magic Dock di Tesla.

    Elettronauti. It - categoria tesla

    Voi sareste disposti a passare al connettore NACS in futuro o pensate che lo standard europeo CCS Combo 2 siamo migliore?

    Fonte

    1. Sehr interessantes Fahrzeug, würde mich über weitere Informationen freuen. Bin begeistert, es wäre das richtige Fahrzeug für meine Frau und…

    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    ABB, con la “A400” ancora più ridotto il tempo di ricarica

    ABB ha presentato la nuova stazione di ricarica ultraveloce "A400", che promette prestazioni da urlo per una ricarica sempre più semplice e veloce.

    Incentivi 2024 | Quanto costa Dacia Spring?

    Gli incentivi italiani 2024 destinati all'acquisto delle auto elettriche sono alle porte. Ecco quanto costerà Dacia Spring.

    Automobilista alla guida di una Tesla con FSD attivo, schiva il treno prendendo il controllo all’ultimo secondo

    Automobilista alla guida di una Tesla con FSD attivo, schiva il treno prendendo il controllo all'ultimo secondo, riportando solo ferite lievi.