banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeAuto ElettricheVolkswagen MEB+, l’evoluzione della sua piattaforma per le auto elettriche

    Volkswagen MEB+, l’evoluzione della sua piattaforma per le auto elettriche

    Con lo sviluppo dell’architettura modulare elettrica MEB, il marchio Volkswagen ha intrapreso un impegno per la mobilità elettrica e ha portato in strada un vero punto di svolta.
    Alla fine del 2019, il primo modello MEB ha celebrato la sua anteprima mondiale con la Volkswagen iD.3 e fino a oggi più di mezzo milione di esemplari della sola famiglia ID. sono stati consegnati ai Clienti. La MEB, dunque, ha già dato prova di sé e ora viene portata al livello successivo: la MEB+.

    Volkswagen meb+, l’evoluzione della sua piattaforma per le auto elettriche | elettronauti. It
    Piattaforma volkswagen meb+ | elettronauti It

    Una per tutti

    Costruire la migliore auto elettrica possibile al miglior prezzo possibile: questo era l’obiettivo che gli ingegneri della Volkswagen si sono posti quando hanno iniziato a sviluppare il sistema modulare MEB.

    Oltre al comfort e all’idoneità all’uso quotidiano, l’attenzione si è concentrata su due aspetti in particolare: autonomia ed efficienza.

    ⚡️ Leggi anche: Mustang Mach-E per 48 ore!

    D’altronde, sono questi fattori a determinare il valore di un’auto elettrica ed era quindi chiaro che fosse necessario massimizzare lo spazio per il pacco batterie:

    Per la prima volta, abbiamo avuto la possibilità di sviluppare il veicolo intorno alla batteria

    Il nuovo CEO del gruppo VW Frank Blome.

    In un comunicato stampa, Volkswagen ha confermato ufficialmente i dettagli della piattaforma MEB+, la prevista versione potenziata dell’attuale piataforma MEB.

    La MEB+ utilizzerà la nuova generazione di batterie Volkswagen (la cosiddetta cella unificata) e consentirà un’autonomia fino a 700 km e promette una potenza di ricarica da 175 a 200 kW.

    Ma Volkswagen aveva già menzionato queste cifre ad Aprile, quando sono stati annunciati i primi miglioramenti tecnici al MEB, senza menzionare il pacchetto MEB+.

    Non è noto se l’introduzione della nuova cella unificata MEB fosse già prevista in quel momento o come si raggiungerà l’autonomia di 700 chilometri e la potenza di ricarica a 200 kW.

    Non è chiaro quanto siano grandi i miglioramenti apportati al MEB+

    Alcuni veicoli MEB con le celle attuali e il software più recente hanno già raggiunto fino a 180 kW nelle stazioni di ricarica HPC, quindi non c’è molto margine di miglioramento. Perché con la tensione della batteria di 400 volt e le stazioni di ricarica CCS attualmente limitate a 500 ampere, comunque non è possibile superare i 200 kW.

    Tuttavia, se i veicoli MEB+ potessero mantenere questa potenza di ricarica per un periodo più lungo rispetto a prima, ciò significherebbe tempi di ricarica più brevi per i clienti.

    Il modello MEB con l’autonomia WLTP più alta fino ad oggi è l’iD.Aero, che raggiunge i 620 km.

    Anche in questo caso il salto a 700 chilometri di autonomia standard sarebbe piuttosto ridotto, ma probabilmente ancora tecnicamente impegnativo.

    Nel comunicato stampa sulla MEB+, l’azienda di Wolfsburg promette anche “salti significativi” nelle funzioni di guida autonoma.

    Volkswagen non ha ancora indicato quali dimensioni della batteria verranno utilizzate nei veicoli basati sul MEB+ con la cella standard: attualmente 58 kWh e 77 kWh sono le dimensioni della batteria più comunemente utilizzate nella MEB.

    La versione a passo lungo dell’iD.Buzz sarà probabilmente il primo a utilizzare una configurazione più grande con più di 100 kWh con l’attuale generazione di batterie.

    Nel frattempo, anche il capo del marchio Thomas Schäfer ha utilizzato pubblicamente la designazione MEB+.

    L’annuncio riguardava l’investimento di 460 milioni di euro nello stabilimento di Wolfsburg per costruire lì veicoli MEB in futuro, a partire dal 2023 con l’attuale iD.3. Schäfer ha offerto la prospettiva di un SUV compatto come secondo modello MEB di Wolfsburg (precedentemente chiamato iD.3 X), che sarà basato sul MEB+ potenziato.

    Confermato anche il piano di lancio di dieci nuovi modelli MEB entro il 2026, in totale, Volkswagen prevede di produrre 10 milioni di veicoli elettrici con MEB e MEB+. Oltre ai marchi del proprio gruppo, questo include probabilmente gli 1,2 milioni di auto elettriche che Ford prevede di costruire a Colonia con due modelli basati su MEB, nonché gli oltre un milione di auto elettriche che Mahindra prevede di costruire con cinque modelli MEB, finora, Volkswagen afferma di aver prodotto più di 670.000 auto elettriche basate sulla MEB, 500.000 delle quali sono della serie iD di VW.


    Che speranze ponete in questa nuovo aggiornamento di piattaforma MEB+?

    Fonte

    Andrea Cornali
    Andrea Cornali
    Il mio interesse per il mondo elettrico è nato nel 2020, anno in cui ho iniziato a collaborare con Matteo. Da allora, la mia passione è cresciuta costantemente. Nel 2021, ho abbandonato la mia auto termica per passare a un veicolo elettrico. Ora, sono entusiasta di condividere la mia conoscenza in questo settore. Ogni giorno, cerco di combinare la mia passione per la tecnologia e l'attenzione per l'ambiente per contribuire in modo positivo al mondo che ci circonda.

    “Si salvi chi può”

    Ieri si è tenuta la presentazioni ufficiale delle Maserati Folgore letteralmente tra luci e ombre. Un a breve presentazione che inizia in modo accattivante ma...

    Mercedes presenterà finalmente la sua Classe G elettrica alla fine del mese

    Mercedes-Benz presenterà la tanto attesa Classe G elettrica al Salone di Pechino che si volgerà dal 25 al 27 aprile. Ecco cosa ne sappiamo a riguardo.

    Tesla rivoluziona i prezzi dei Supercharger, sconti inaspettati per i clienti

    Tesla rivoluziona i prezzi dei Supercharger abbassandoli del 8%, sorprendendo tutti i propri clienti, risultando il sistema più economico, rapido e affidabile.