banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeEnergiaB2U, la società americana che riutilizza le batterie per alimentare le città

    B2U, la società americana che riutilizza le batterie per alimentare le città

    Lo sappiamo tutti, come accade per i nostri cellulari, prima o poi, anche le batterie delle nostre auto elettriche finiranno per contenere meno elettricità rispetto a quando le abbiamo acquistate.

    È come se il vostro serbatoio di carburante diventasse più piccolo ma contenesse ancora carburante. 

    Quando la capacità di una batteria per veicoli elettrici scende ad un valore compreso tra il 60% e l’70% di quello che era originariamente, la batteria, è da sostituire, come consigliano le case produttrici, ma che fine farà la nostra batteria? verrà inviata allo smaltimento? No! È il momento di inviarla ad un centro di riutilizzo. 

    Una società nel sud della California, nella città desertica di Lancaster, chiamata B2U Storage Solutions, è un riutilizzatore

    ⚡️ Leggi anche: VinFast richiama l’intero primo lotto di modelli VF8 inviati negli Stati Uniti

    B2U ha una struttura tentacolare fuori città che prende batterie EV scariche da Nissan LeafHonda e General Motors e persino batterie Tesla, le mette insieme e le collega alla sua vasta gamma di pannelli solari. 

    I pannelli solari caricano i pacchi batteria tutto il giorno. Quindi, quando il sole tramonta e i pannelli solari non possono più alimentare la rete elettrica, le vecchie batterie Nissan Leaf scaricano l’elettricità immagazzinata nella rete e B2U vende l’elettricità all’utenza locale.

    Quei pacchi batteria EV riutilizzati possono mantenere la rete funzionante in modo pulito per più di cinque anni, momento in cui verranno spediti ad un centro di smaltimento e trasformati in nuove batterie. 

    Questo è un altro utilizzo delle batterie nel loro ciclo di vita che può aiutare a mantenere la rete funzionante con energia rinnovabile e ridurre la quantità di energia non rinnovabile necessaria per mantenere accese le luci di tutti.

    La nascita

    B2U è in attività dal 2019. Oltre alla loro struttura a Lancaster, ne stanno ultimando un’altra nella remota area di Cayuma di SoCal, vicino ad un altro impianto solare. 

    Il riutilizzo delle batterie per auto su larga scala come questo è abbastanza nuovo, ma può essere fatto in modo efficiente e con un impatto ambientale minimo.

    Stiamo abilitando tale riutilizzo.
    
    Pensiamo che l'industria debba trattare il riutilizzo come un segmento molto importante che richiede attenzione e ovviamente deve svilupparsi. Abbiamo un sacco di vantaggi: pensiamo che il nostro sistema, su cui abbiamo alcuni brevetti, e il software, che è difficile da replicare, e poi francamente, il nostro caso d'uso particolare, l'utilizzo di molte batterie in larga scala per stazioni di accumulo, è anche difficile da replicare.
    
    La struttura B2U di Lancaster ha 1300 batterie che un tempo alimentavano veicoli elettrici.
    
    La struttura B2U di Lancaster ha 1300 batterie che un tempo alimentavano veicoli elettrici.
    
    Man mano che la maggior parte del parco auto mondiale diventa elettrico, la fornitura di batterie semi-esaurite aumenterà.
    Freeman Hall, CEO di B2U Storage Solutions
    Storage batterie | elettronauti. It
    Storage batterie | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: I vegani non vogliono la carne coltivata?

    Lo storage

    Al B2U, le batterie rimangono nella stessa confezione che avevano quando erano installate sulle auto, vengono solo impilate in 56 “armadi” a temperatura controllata che assomigliano un po’ a versioni più piccole di container da spedizione. All’interno di ogni armadio sono disposti in modo efficiente i rack delle batterie.

    B2U ha collaborato con le case automobilistiche per accoppiare il software della batteria con il proprio software proprietario per monitorare ogni batteria in ogni armadio e controllarne lo stato di carica e la velocità con cui si carica e scarica l’elettricità. Se una cella si riscalda, si spegne automaticamente, sia per efficienza che per sicurezza.

    Stiamo implementando molte batterie per veicoli elettrici in applicazioni di storage fisse di seconda vita.
    
    Stiamo presentando una tecnologia brevettata. Ci consente di estrarre il pacchetto e il suo involucro dal veicolo e quindi, in modo plug-and-play, di inserirlo nei nostri armadietti.
    
    Le case automobilistiche stanno ancora cercando di convincere le persone ad acquistare auto elettriche e hanno solo iniziato a pensare a cosa succederà alla fine della vita di quei veicoli elettrici.
    
    Molti produttori sono ancora in questa fase di scoperta, “Come ci occuperemo di tutte queste batterie?” Stanno ancora affrontando la trasformazione del front-end e stanno cercando di vendere molti veicoli elettrici. Ma nel back-end, c'è un flusso di queste cose che stanno raggiungendo la fine del loro ciclo di vita.
    Freeman Hall, CEO di B2U Storage Solutions

    C’è molto di più che collegare semplicemente un pacchetto Leaf. Nei suoi quattro anni, B2U ha risolto come trasferire l’accumulo di batterie elettriche dall’alimentazione di un’auto all’alimentazione di una rete.

    Molto di questo è software e digitale. È l'intersezione tra software, digitale e, ovviamente, l'infrastruttura fisica per supportare tutto questo.
    Freeman Hall, CEO di B2U Storage Solutions

    ⚡️ Leggi anche: GoBoat 2.0 – La “barca” elettrica portatile

    I produttori hanno imparato a fidarsi di B2U.

    La nostra strategia è sviluppare quel rapporto diretto con i produttori automobilistici. Quella relazione porta alla fiducia, perché vedono che stiamo facendo le cose nel modo giusto: tutti i permessi in regola, tutte le giuste precauzioni di sicurezza.
    
    Gestiamo ogni batteria in tempo reale, sempre. Abbiamo un'ottima mitigazione della sicurezza e mitigazione del rischio qui. E questo è ciò che li mette a proprio agio molto rapidamente, vedono che il riutilizzo ha senso.
    Freeman Hall, CEO di B2U Storage Solutions

    Hall ha citato uno studio di McKinsey secondo cui le batterie dei veicoli passeggeri da sole potrebbero fornire 200 GWh all’anno di capacità nelle batterie appena disponibili. Una casa media potrebbe utilizzare da 2 a 3 kW. Un GWh sarebbe un milione di kWh.

    Quindi stiamo parlando di 500.000 case che potrebbero essere rifornite da 1 GWh, 200 GWh equivalgono a 100 milioni di case.
    
    Entro la seconda metà di questo decennio avremo un vero problema con tutte le batterie che stanno diventando disponibili, che dovranno essere tutte riciclate. E poi la domanda a cui stiamo cercando di aiutare l'industria a rispondere è: "Dovremmo riutilizzare queste batterie o una parte sana di esse prima di riciclarle?" Questo è ciò che stiamo cercando di dimostrare. Gli aspetti economici sono molto convincenti.
    Freeman Hall, CEO di B2U Storage Solutions

    Nasceranno sempre più aziende che saranno specializzate nel riutilizzo delle nostre batterie, voi cosa ne pensate di questa doppia vita delle batterie?

    Fonte | Via

    1. Sehr interessantes Fahrzeug, würde mich über weitere Informationen freuen. Bin begeistert, es wäre das richtige Fahrzeug für meine Frau und…

    Andrea Cornali
    Andrea Cornali
    Il mio interesse per il mondo elettrico è nato nel 2020, anno in cui ho iniziato a collaborare con Matteo. Da allora, la mia passione è cresciuta costantemente. Nel 2021, ho abbandonato la mia auto termica per passare a un veicolo elettrico. Ora, sono entusiasta di condividere la mia conoscenza in questo settore. Ogni giorno, cerco di combinare la mia passione per la tecnologia e l'attenzione per l'ambiente per contribuire in modo positivo al mondo che ci circonda.

    “Si salvi chi può”

    Ieri si è tenuta la presentazioni ufficiale delle Maserati Folgore letteralmente tra luci e ombre. Un a breve presentazione che inizia in modo accattivante ma...

    Mercedes presenterà finalmente la sua Classe G elettrica alla fine del mese

    Mercedes-Benz presenterà la tanto attesa Classe G elettrica al Salone di Pechino che si volgerà dal 25 al 27 aprile. Ecco cosa ne sappiamo a riguardo.

    Tesla rivoluziona i prezzi dei Supercharger, sconti inaspettati per i clienti

    Tesla rivoluziona i prezzi dei Supercharger abbassandoli del 8%, sorprendendo tutti i propri clienti, risultando il sistema più economico, rapido e affidabile.