carrozzeria musesti
- Pubblicità -
More
    HomeAcademyQuel giornalismo scientifico che ci manca tanto

    Quel giornalismo scientifico che ci manca tanto

    Non è un mistero il fatto che in Italia il giornalismo scientifico latiti molto su riviste cartacee ed online. Non dico che non esista, anzi, nel nostro paese i giornalisti scientifici ci sono anche se spesso scrivono per siti minori, poco visibili, il tema invece ritengo sia più ampio e legato alla scarsa popolarità del tema dell’approfondimento scientifico di una notizia.

    Capitolo social network

    Facebook ed altri social media stanno togliendo il ruolo dell’informazione di massa alle riviste di settore ed anche a quelle generaliste di qualità, producendo contenuti brevi, semplici da capire e fortemente basati su di un titolo accattivante. Non è novità che l’articolo si giochi sul titolo e sulle prime tre righe, che il cervello del lettore andrà ad acquisire assieme alla sua opinione sul tema.

    Su questo assunto psicologico si gioca secondo me il successo dei social media come fonte di informazione per la massa che la mattina a colazione, durante le pause, frequenta i social per farsi gli affari altrui, cercare ex e spasimanti e – nel frattempo – dare un’occhiata ai titoli dei post e degli articoli.

    ⚡️ Leggi anche: Esiste la neutralità tecnologica?

    Quel giornalismo scientifico che ci manca tanto | elettronauti It elettronauti
    Viviamo in modo compulsivo ossessivo la ricerca di notizia sui social Ed i social lo sanno bene | elettronauti It

    Esatto, da un’occhiata, non di più. Per questo il titolo dovrebbe stimolare la curiosità del lettore a proseguire nella lettura del pezzo ma questo avviene raramente. Fateci caso, per come sono strutturate le notizie sui social media – in verticale, strette – l’advertising ovvero la pubblicità che ne ripaga lo “sforzo” si consuma con lo scrolling ed è inserita in mezzo ad esso: il lettore è dunque portato a fare scrolling, dunque titolo e sottopancia saranno più che sufficienti per acquisire quanto basta per farsi un’opinione. E per condividerla.

    Quel giornalismo scientifico che ci manca tanto | elettronauti It elettronauti
    Fateci caso la maggior parte della pubblicità che vediamo è verticale | elettronauti It

    Condivisione rapida

    Ed è in questo modo che il lettore riporta poi la notizia. Anche qui pensate a come un utente ad esempio di Facebook distribuisce il contenuto che ha ritenuto interessante: condividi > Whatsapp.

    Cosa appare in questo secondo social media, dedicato ai messaggi “brevi”? Titolo e sottopancia. Certo potrete dirmi “succede la stessa cosa anche nella condivisione di un articolo scientifico, di una pubblicazione”, verissimo, con la differenza però che spesso un articolo scientifico non ha un titolista, o una redazione social pronta a rendere il titolo ed il testo accattivanti come spesso non è possibile che lo siano per evitare di trascendere nella leggerezza di un messaggio che invece deve conservare il rigore scientifico.

    Il giornalismo scientifico

    Per questi motivi esistono i giornalisti scientifici, una professione delicatissima che sta a cavallo tra il ricercatore ed i social media, in grado di tradurre il messaggio scientifico in qualcosa di più semplice e rapido, in grado di stimolare la voglia di approfondimento e con alle spalle una redazione capace di gestire la fondamentale parte di moderazione, al fine di non abbandonare il pezzo a commenti fantascientifici, o peggio ancora, di stampo complottista-negazionista.

    Quel giornalismo scientifico che ci manca tanto | elettronauti It elettronauti
    Il ruolo dello smartphone è centrale nelle nostre vite | elettronauti It

    ⚡️ Leggi anche: Storia dell’auto elettrica – Parte #1: l’elettromobile

    Il ruolo di Elettronauti nel panorama italiano

    Qui su Elettronauti.it, non abbiamo la pretesa di andare ad integrare una figura così delicata come il giornalista scientifico quanto la voglia di parlare in modo diverso ai lettori, trasmettere quanto viviamo, approfondire notizie approssimative almeno quanto promuovere quelle che secondo il nostro vissuto di elettronauti – dunque di persone direttamente a contatto con la rivoluzione elettrica in corso – sono più aderenti alla realtà. Ecco allora che un team come il nostro andrà alla ricerca spasmodica di quei giornalisti non più mainstream, spesso nemmeno italiani, per provare nel nostro piccolo a riportarli in luce, tradurli, interpretarli con un titolo accattivante che sia di preludio ad un pezzo di qualità.

    Per questo motivo l’invito che facciamo ai nostri lettori che se sono qui e sono arrivati pure a questo punto del mio pezzo è perché sono fortemente attratti dal tema dell’approfondimento, che invitiamo ad avere una pratica diversa nel loro modo di condividere: aggiungete voi un commento a quanto condividete, che sia accattivante più del titolo. Leggete articoli ed approfondimenti utilizzando aggregatori (io uso Flipboard) che vi permettano non solo di leggere contenuti di qualità da tutto il mondo, ma di poterli condividere in modo semplice.

    Quel giornalismo scientifico che ci manca tanto | elettronauti It elettronauti
    Un sito abbastanza interessante | elettronauti It

    Se usate i social media spesso, programmate dei contenuti che siano la traduzione di articoli in inglese, spesso accantonati dalla scarsa conoscenza della lingua da parte degli italiani, insomma potreste essere un “ponte” tra la notizia e le approssimazioni tipiche di purtroppo parecchi articoli sui quali ogni giorno incappiamo: fate questo esperimento di selezione giornalistica, per ogni articolo di qualità condiviso, ogni pezzo tradotto, ogni condivisione social diversa dal solito, ci sarà un po’ meno disinformazione e – forse – un complottista zittito in più.


    Voi utilizzate aggregatori? In caso positivo quali?

    ARTICOLI SIMILI
    Daniele Invernizzi
    Daniele Invernizzihttp://www.danieleinvernizzi.it
    eV-Now! President | Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica da 15 anni | Electric Coach | Top 100 eV's Companies in Italy

    HUB di prova remoti: Tesla trova nuovi modi per portare i conducenti al volante di un veicolo elettrico

    Tesla ha creato un HUB in Svezia per consentire alle persone che abitano lontano da un Centro Tesla, di poter provare il modello di loro interesse, in totale autonomia con il solo supporto telefonico da parte di un consulente.

    Togg T10X: i dati sulla prima auto elettrica turca

    Il marchio automobilistico di Stato turco TOGG, ha annunciato ulteriori dettagli sulla sua prima auto elettrica, che si chiamerà T10X. 

    Rivian in trattativa con Amazon per porre fine all’accordo di esclusiva per i furgoni elettrici

    Fonti esterne sostengono che il produttore americano di veicoli elettrici Rivian Automotive stia cercando di porre fine al suo accordo di esclusività con il gigante della vendita al dettaglio online Amazon in modo da poter vendere i suoi furgoni di consegna ad altre aziende.

    KIA – Brick to the Future

    L'altra sera eravamo presenti all'evento KIA "Brick to the Future" a Milano. E manco a dirlo, il protagonista della serata era proprio un "mattoncino".
    25,000FansLike
    12,000FollowersFollow
    7,500FollowersFollow
    9,000FollowersFollow
    472FollowersFollow
    115,000SubscribersSubscribe

    Ssangyong Torres EVX arriverà anche in Italia grazie a Koelliker?

    Alla fine di questo mese di Marzo 2023, debutterà al Seoul Mobility Show, unitamente ad altre  diverse concept car, anche la versione totalmente elettrica del SUV Torres EVX della Ssangyong che lo scorso anno era stato rivelato nella versione endotermica.

    Ford e il nuovo Explorer completamente elettrico progettato e costruito in Europa

    Ford elettrizza l'Explorer, progettato e costruito in Europa un nuovo veicolo elettrico che combina l'ingegneria tedesca con lo stile americano.

    L’Italia rischia di perdere il settore componentistica auto

    L’editoriale di Sergio Ferraris, giornalista scientifico e ambientale, riguardo il nostro Paese e il settore della componentistica pubblicato su Nextville, non ha necessità di commenti, condividiamo totalmente quanto espresso e lo riprendiamo per voi elettronauti, riportando anche, in calce, la fonte dalla quale abbiamo appreso il contenuto.

    Storia dell’auto elettrica – Parte #6 l’elettromobile

    Eccoci catapultati negli anni '70. Questi sono gli avvenimenti che si sono susseguiti nel decennio e l'auto elettrica rimane sempre presente. ⚡️ Puntata precedente: Storia...