banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeElon MuskTesla paga 20.000 dollari all'anno per far parte di X di Elon...

    Tesla paga 20.000 dollari all’anno per far parte di X di Elon Musk, e non è chiaro il perché

    Tesla continua a creare nuovi account a pagamento sull’ex Twitter, X di Elon Musk, al punto che ora probabilmente paga circa 20.000 dollari all’anno per essere presente sulla piattaforma di social media.

    Non è chiaro il perché Tesla paghi 20.000 dollari ad X

    Le società pubbliche, come Tesla, devono rivelare qualsiasi “transazione correlata” che possa creare un conflitto di interessi tra i suoi dirigenti o membri del consiglio di amministrazione e qualsiasi altra società in cui abbiano interessi.

    Ad esempio, Tesla ha spesso reso noti i rapporti con SpaceX per l’utilizzo in comune dell’aereo di Elon Musk o per l’acquisto di componenti Tesla da parte di quest’ultima.

    Ora Tesla dovrà rivelare e forse giustificare di più ai suoi azionisti, perché sta iniziando a spendere più soldi per X, che è sotto la proprietà del suo CEO, Elon Musk.

    Tesla paga 20. 000 dollari all'anno per far parte della X di Elon Musk, e non è chiaro il perché | Elettronauti.it
    Pagamenti di tesla a x | elettronauti It

    X ha avuto problemi di redditività con la pubblicità e si è rivolta ai servizi in abbonamento.

    Twitter Blue, ora X Premium, è un servizio di abbonamento di 8 dollari al mese per gli utenti di X. Il servizio “verifica” l’utente, gli conferisce un badge blu e gli conferisce maggiore visibilità.

    Ma X sta anche promuovendo un abbonamento per le aziende chiamato “Verified Organizations” con caratteristiche simili:

    È piuttosto costoso. X chiede 1.000 dollari al mese per l’account principale e 50 dollari al mese per ogni altro “account affiliato”.

    Tesla paga per questo servizio ed ha 13 account affiliati all’account dell’organizzazione verificata di Tesla.

    Ciò significa che Tesla paga 1.650 dollari al mese – o circa 20.000 dollari all’anno – per essere su X.

    Il punto in cui le cose cominciano a sembrare eccessive è che Tesla sembra aver lanciato diversi nuovi account che richiedono un pagamento aggiuntivo di 50 dollari al mese per ogni aspetto della sua attività da quando Musk ha preso il controllo di Twitter e ha lanciato questo nuovo servizio di abbonamento.

    Ad esempio, Tesla ha lanciato un nuovo account “Tesla North America” il mese scorso, un nuovo account “Tesla Europe” a gennaio, un nuovo account “Tesla AI” a maggio, un nuovo account “Tesla Megapack” a gennaio e un nuovo account “Tesla Optimus” sempre a gennaio.

    Questa strategia è unica per X, perché Tesla gestisce un solo account ufficiale su altre piattaforme di social media, come Instagram e Youtube.

    L’account Tesla Optimus ha pubblicato un solo tweet da quando è stato creato a gennaio:

    Tesla paga 20. 000 dollari all'anno per far parte della X di Elon Musk, e non è chiaro il perché | Elettronauti.it
    Screenshot di un contenuto tesla optimus | elettronauti It

    Tesla ha pagato 50 dollari al mese per questo account che è rimasto inutilizzato per la maggior parte del tempo.

    La casa automobilistica ha pagato anche “account affiliati” per dirigenti come Franz von Holzhausen, Drew Baglino e Tom Zhu, che raramente usano i loro account per qualcosa di diverso dal repost dei post ufficiali di Tesla.

    Le probabili motivazioni di Musk

    Si ha l’impressione che Elon Musk stia cercando di usare Tesla come esempio di come vorrebbe che le aziende usassero X, ma gli azionisti di Tesla dovrebbero chiedersi se questo è un bene per Tesla o se è solo un bene per X.

    Creare un gruppo di nuovi account, cosa che Tesla non fa su altre piattaforme di social media più popolari, pare eccessivo, soprattutto se si considera che la maggior parte di questi account si limita a postare da altri account Tesla.

    Sembra uno spreco di 50 dollari al mese per ogni account, anche se non è molto per un’azienda da 750 miliardi di dollari, ma fa riflettere il fatto che questo spreco finisca direttamente nelle tasche di X, di proprietà di Elon Musk, che è anche l’amministratore delegato di Tesla.

    Elettronauti. It - categoria tesla

    Voi cosa ne pensate di questa anomala situazione?

    Fonte

    1. Sehr interessantes Fahrzeug, würde mich über weitere Informationen freuen. Bin begeistert, es wäre das richtige Fahrzeug für meine Frau und…

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Kia sta testando un pick-up elettrico

    Il primo pick-up elettrico di Kia è stato avvistato in fase di test negli Stati Uniti, mentre il marchio si prepara a lanciare una nuova gamma di..

    XPeng testa con successo il pilota automatico sulle strade tedesche, il lancio europeo potrebbe essere imminente

    XPeng testa con successo il pilota automatico in Germania, il lancio europeo potrebbe essere imminente, ha percorso in sicurezza le autostrade tedesche.

    Accise sulle BEV??

    I vampiri del fisco sono all’opera per spostare la tassazione dai carburanti fossili (le odiate accise) alle auto elettriche. Il ministro Giorgetti sta...