banner chargesplit
- Pubblicità -
More
    HomeMezzi da lavoro elettriciCamion ElettriciUn fondo speculativo vuole acquisire Volta Trucks dal fallimento, salvando potenzialmente migliaia...

    Un fondo speculativo vuole acquisire Volta Trucks dal fallimento, salvando potenzialmente migliaia di posti di lavoro

    Volta Trucks ha operato per quasi quattro anni con la speranza di arrivare a consegnare il suo camion commerciale di punta, il Volta Zero.

    Purtroppo questa innovativa realtà nel mondo del trasporto elettrificato, poco più di un mese fa, ha comunicato di essere in bancarotta.

    Volta Trucks – Una rinascita possibile?

    Il Gruppo azionista e principale finanziatore Luxor Capital cerca ora di dare nuova vita alla start-up commerciale di autocarri elettrici, salvando potenzialmente centinaia di posti di lavoro nel Regno Unito.
    Volta Trucks è una start-up con sede a Londra che ha operato per quasi quattro anni con la speranza di arrivare a consegnare il suo camion commerciale di punta, il Volta Zero.
    Si è assistito a diversi round di finanziamenti, sostenuti da una serie di preordini (soft) per la sua linea in espansione di Zero Trucks, nonché a piani completi di espansione negli Stati Uniti. Anche all’inizio del 2023, Volta sembrava pronta a raggiungere il mercato europeo, anche se con un anno di ritardo, a seguito di ulteriori impegni di acquisto e della certificazione necessaria per iniziare le vendite ufficiali.

    Un fondo speculativo vuole acquisire volta trucks dal fallimento, salvando potenzialmente migliaia di posti di lavoro. | elettronauti. It
    Produzione volta trucks fonte volta trucks | elettronauti It

    Ad aprile, Volta Trucks stava iniziando la produzione in serie in Austria, in vista delle consegne nel terzo trimestre. Per questo motivo, è stata una sorpresa che Volta Trucks abbia annunciato di voler dichiarare bancarotta lo scorso ottobre, citando la ristrettezza dei mercati dei capitali.

    Il fornitore di batterie dell’azienda, Proterra, aveva presentato la propria istanza di fallimento in agosto, e questo non ha certo favorito la situazione. All’epoca Volta Trucks aveva condiviso le seguenti informazioni:

    "La recente notizia che il nostro fornitore di batterie Proterra ha presentato istanza di fallimento ai sensi del Chapter 11 ha avuto un impatto significativo sui nostri piani di produzione, riducendo il volume di veicoli che avevamo previsto di produrre. L'incertezza del nostro fornitore di batterie ha inoltre influito negativamente sulla nostra capacità di reperire capitali sufficienti in un contesto già difficile per i produttori di veicoli elettrici."
    Volta Trucks

    Luxor Capital tenta il tutto per tutto

    Mentre la porta di Volta Trucks viene chiusa dalla triste mietitrice del fallimento, uno degli azionisti della start-up infila il piede nello stipite per far risorgere l’azienda dalla bancarotta, attraverso la finalizzazione di un accordo per acquistare interamente la start-up e mantenere l’attività.

    Prima della dichiarazione di fallimento, Volta Trucks impiegava circa 600 persone nel Regno Unito e altre 250 in altre sedi, come la sede svedese e gli uffici di Parigi.

    Fonti del settore hanno riferito che Luxor Capital è emersa come l’acquirente più probabile della start-up e una parte sostanziale dei 600 posti di lavoro nel Regno Unito potrebbe rimanere. Non si sa nulla dei dipendenti di Volta in altre regioni.

    Secondo un dirigente del settore, l’accordo è in fase di elaborazione e potrebbe essere completato questa settimana, ma ha riferito che il calendario potrebbe certamente slittare man mano che le cose vengono finalizzate. Alvarez & Marsal, che ha gestito l’amministrazione di Volta Trucks dopo la dichiarazione di fallimento, ha rifiutato di commentare.


    Noi speriamo che Volta Truck riesca a superare l’impasse e possa riprendere a produrre il proprio interessante primo veicolo da trasporto. Siete d’accordo anche voi?

    Fonte

     


    Gianfranco Franzoni
    Gianfranco Franzonihttp://myelectrictales.eu
    Sono un Dinosauro nel Mondo dell'Informatica ed Automotive che ha operato in Italia e negli Stati Uniti ed ora ritirato dalle attività lavorative dedica tutto il proprio tempo supportando la transazione alla mobilità elettrica ed a diffondere le informazioni corrette per salvare ll salvabile in un ambiente compromesso ma in parte recuperabile, iniziando dai comportamenti di ogni singola persona.

    Nuova Dacia Spring 2024, le nostre impressioni di guida

    Dopo avervi elencato tutte le caratteristiche della nuova Dacia Spring 2024 è venuto il momento di scoprire ne nostre prime impressioni sulla piccola citycar.

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck

    Aggiornati i motori elettrici per i primi clienti del Tesla Cybertruck, dopo circa sei mesi dopo il debutto del Cybertruck negli Stati Uniti.

    Ecco la nuova Dacia Spring Electric 2024

    La regina delle citycar elettriche si aggiorna ancora. Attesa nel nostro Paese per l'estate, abbiamo avuto modo di provare per Voi la nuova Dacia Spring.